--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Venerdì 1 e sabato 2 aprile gli ultimi due appuntamenti della manifestazione

Confine orientale italiano, un successo

Condividi la notizia:

– Prosegue, con successo, la manifestazione Confine orientale italiano, occupazione fascista dei Balcani e foibe, organizzata dal Partito della rifondazione comunista di Viterbo, in collaborazione con i comitati provinciali Anpi e Arci e associazione Fata Morgana nella Sala Gatti, via Macel Gattesco, Viterbo

Venerdì e sabato gli ultimi due appuntamenti:

venerdì primo aprile, alle 17:
Crimini di guerra in Jugoslavia, per una storia fuori dal mito

Davide Conti (fondazione Lelio Basso – sezione internazionale) presenta il suo libro:

Criminali di guerra italiani
Accuse, processi e impunità nel secondo dopoguerra con un’intervista al giudice Antonino Intelisano
(Roma, Odradek, 2011)

Attraverso un’ampia mole di documenti in larga parte inediti, proveniente da vari archivi e commissioni d’inchiesta parlamentare, il libro si concentra sulle trattative, gli accordi, le tensioni nazionali e internazionali relative alla questione dei criminali di guerra, cercando di evidenziare come e perché fu possibile assicurare l’impunità a centinaia di militari del regio esercito e di camicie nere dando luogo alla cosiddetta “mancata Norimberga” e all’inconsistente mito autoassolutorio degli “italiani brava gente”.


Sabato 2 aprile, ore 17:
Il carattere internazionalista della Resistenza nei Balcani e in Italia

Andrea Martocchia (Onlus Coordinamento nazionale per la Jugoslavia) presenta il suo libro

I partigiani jugoslavi nella Resistenza italiana
scritto con Susanna Angeleri, Gaetano Colantuono e Ivan Pavicevac.
Prefazione di Davide Conti; introduzione di Giacomo Scotti.
(Roma, Odradek, 2011)

Mentre in Puglia si costituivano brigate dell’Esercito popolare di liberazione jugoslavo (Eplj), gli evasi jugoslavi dai lager della penisola animavano la lotta di Liberazione nelle sue prime fasi lungo quasi tutta la dorsale appenninica, con episodi rilevanti soprattutto in Umbria e nelle Marche. Qui gli “slavi” – già esperti di guerriglia e fortemente motivati alla lotta antifascista per quanto avevano vissuto sulle loro terre – furono presenti quasi ovunque, costituirono proprie formazioni e presero parte a molte delle azioni più importanti.

Giuliano Calisti (Anpi Cp Viterbo) presenta, per la prima volta in città, il documentario:
Pokret! (Avanti!)
Partigiani italiani nella Resistenza jugoslava (1943-45)
(35’_dvd_Italia_2009)
Interviste a Rosario Bentivegna, Zarko Besenghi e Avio Clementi, con il contributo dello storico Davide Conti.

“Drugarica! Vidi vidi kako Bredom pjeva Ricci!”
(“Compagna! Guarda, guarda come canta Ricci con la Breda!”)
Canto dei partigiani jugoslavi sulle gesta eroiche del carabiniere Mazzino Ricci

Orario mostra: 17 – 20. Mattina riservato alle scuole, visita su prenotazione. Tel.: 338/7222658


Condividi la notizia:
31 marzo, 2011

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR