--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Comune - Nuova giunta Marini -

Contardo vice sindaco

di Paola Pierdomenico
Condividi la notizia:

Claudio Ubertini

Claudio Ubertini

contardo_enrico_maria

Enrico Maria Contardo

Massimo Fattorini

Massimo Fattorini

– “Da domani sarai asssessore”.

Con queste parole, il sindaco Giulio Marini ha ufficializzato a Enrico Maria Contardo, Claudio Ubertini e Massimo Fattorini l’entrata in giunta. Urbanistica, Cultura e Bilancio. Queste alcune delle deleghe che sono state affidate ai tre nuovi assessori. Con una novità: Contardo nominato vice sindaco.

La firma e l’epilogo del rimpasto sono arrivati intorno alle 10,30. Dopo la foto di rito è subito il momento delle prime dichiarazioni. Tutti e tre, naturalmente, non hanno nascosto la soddisfazione.

“Sono estremamente soddisfatto – esordisce Contardo -. Penso che il sindaco abbia gestito bene la situazione. C’è chi dice che ci ha messo troppo, ma la politica, si sa, ha i suoi tempi. Il nuovo incarico compensa me e i miei colleghi per l’attesa”.

Positivo anche il commento di Ubertini. “Sono molto soddisfatto – dice -. Credo che il sindaco abbia trovato la soluzione da lui ritenuta più idonea alla vicenda. Da parte mia c’è la volontà di dare un contributo a un settore strategico per lo sviluppo della città”.

Stesso umore anche per Fattorini. “Sono soddisfatto per come sono andate le cose – afferma -. Spero in questi due anni riusciremo a dare una spinta per l’evoluzione di Viterbo. Cambiare i nomi va bene, ma quello che serve è un po’ di sprint”.

I tre neo assessori sono concordi nell’affermare che queste decisioni non avranno ripercussioni all’interno del Pdl.
“Non credo ci saranno ripercussioni nel Pdl – dice Contardo – perché la cosa è stata gestita proprio in modo da ricompattare il partito. Durante le riunioni, il clima è stato abbastanza sereno, anche se qualcuno è rimasto sulle sue posizioni. Aspettiamo che Giovanni Arena assuma l’incarico regionale per permettere l’ingresso in giunta di Antonio Fracassini e chiudere definitivamente li cerchio”.

D’accordo anche Ubertini. “Non ci saranno conseguenze all’interno del partito. Le decisioni sono maturate dopo una serie di incontri del Pdl e credo non avranno ripercussioni, anche perché nonostante l’ultima parola sia stata del sindaco, la scelta era più o meno condivisa”.

Si unisca al coro anche Fattorini. “Questa giunta credo sia stata fatta per dare un’idea di cambiamento e rinnovamento. Quindi chi si è arroccato su certe posizioni le conservi pure e se ci saranno ostacoli, se l’amministrazione non andrà avanti, ognuno si assumerà le sue responsabilità”.

Poi il caso Fracassini. “Non credo esista un caso Fracassini – dice Contardo-. Pur essendo capogruppo, non ho partecipato alle ultime riunioni, perché ero parte in causa.

Non so se debba dimettersi da consigliere in Provincia una volta nominato assessore. Ci sono stati esempi nel passato in cui consiglieri provinciali, chiamati a svolgere incarichi in giunta al Comune che poi si sono dimessi. Ma questa è una scelta sua”.

Stesso tenore anche per Ubertini, che però sull’argomento preferisce non rispondere, e Fattorini. “Non sono stato più alle ultime riunioni. A Fracassini è stato proposto quello che voleva. Sulla dimissioni da consigliere provinciale, per me, non deve decidere solo il singolo. Alle elezioni, infatti, il voto non lo prende la persona, ma anche il partito che ha alle spalle. Non voglio dire quello che deve fare Fracassini. Può darsi che gli interessi di più fare il consigliere da entrambe le parti, piuttosto che l’assessore. Ma da assessore di esperienza come è lui, mi dimetterei dalla Provincia per entrare nella giunta comunale”.

E sulla gestione Marini alla vicenda del rimpasto.”Credo che Marini abbia gestito bene la cosa – dichiara Contardo -. Insomma un rimpasto non è mai una cosa semplice, perché coinvolge non solo noi tre, ma anche i consiglieri e i diversi gruppi politici. Come capogruppo ho spinto sull’acceleratore per arrivare all’epilogo, però capisco le difficoltà del sindaco.

Credo alla fine abbia gestito bene e anche a Roma i vertici regionali abbiano apprezzato come ha concluso questa operazione”.

Voto positivo anche da Ubertini. “Se i tempi si sono allungati prima di arrivare a una soluzione il sindaco avrà avuto le sue motivazioni”.

Un po’ troppe titubanze, invece, secondo Fattorini. “Marini ha gestito bene la vicenda, anche se, per me, ha aspettato un po’ troppo. A un certo punto sono comparse note dell’Udc e della sinistra che chiedevano una soluzione immediata.

Un cambiamento può essere anche peggiore, ma generalmente quando le cose sono stagnanti, riesce a smuovere comunque la situazione”. Serviva più incisività, dunque? “Alla fine Marini l’ha dimostrata. Il sindaco, per me, non deve essere amico di tutti, ma è votato per prendere delle decisioni. E alla fine, lui l’ha fatto”.

Al di là delle polemiche, si pensa già a lavorare. “Prima di tutto voglio mettere piede nell’assessorato – dice Contardo scherzando -. Salutare i dirigenti e dipendenti. Poi ho preso un appuntamento per domani mattina per San Pellegrino in fiore. C’è stato un bando per l’assegnazione della progettazione e ho parlato con chi lo ha vinto. Domani inizieremo ad affrontare le problematiche.

Poi il sistema bibliotecario. E’ dal 1995 che si cerca di riunire in un polo Comune, Provincia, Università. Il percorso è stato avviato dai miei predecessori e io cercherò di portarlo a termine. E infine vedremo come intervenire per la conservazione del dipinto di Sol Le Witt agli Almadiani”.

Grande entusiasmo anche per Ubertini. “Come presidente della terza commissione, ho collaborato attivamente con il sindaco, specie dopo le dimissioni di Meroi. Abbiamo diversi argomenti in cantiere. Il primo punto da affrontare sarà sicuramente il piano regolatore di quaranta anni fa, che deve essere necessariamente rivisto.Poi interverremo su valle Faul e cercheremo di rilanciare, nei limiti del possibile, il settore edilizio, molto importante per il territorio.

Dobbiamo aumentare anche il livello occupazionale di questo settore che, per la crisi generale, non sta attraversando un periodo brillante”.

Voglia di fare anche per Fattorini. “Ho ottenuto le deleghe al Bilancio e al patrimonio. Ho un buon rapporto con i dirigenti e il presidente del collegio dei revisori, quindi con loro inizieremo una proficua collaborazione. Anche nella scuola sto facendo dei progetti sul piano anche sanitario e con l’Università non credo avrò problemi. L’unica cosa che mi preoccupa è il personale, ma sono sopravvissuto in ospedale… penso che in comune sarà lo stesso… Farò comunque delle riunioni periodiche per spiegare i miei interventi. Secondo me, sbaglia l’assessore che si allontana dai cittadini e da chi lo ha votato”.

Per tutti e tre, insomma, grande soddisfazione e un po’ di sorpresa per come Marini li ha informati della nomina. “Mi ha chiamato il sindaco – racconta con una punta di orgoglio Contardo –, dicendomi che mi aveva nominato assessore e vice sindaco. E’ stata una bella soddisfazione, perché faccio politica da tanto tempo. Ho avuto un lungo percorso politico, sindacale e amministrativo alla fine del quale ho ricevuto un incarico importante all’interno della città”.

Stessa telefonata anche per Ubertini e Fattorini. ”Mi ha chiamato il sindaco – afferma Ubertini – e mi ha detto che avrei fatto parte della della giunta. Spero di ripagare la fiducia che mi è stata data per questo incarico e spero di farlo nel migliore dei modi”.

“Ieri mi ha chiamato il sindaco e sono stato felicissimo – conclude Fattorini -. Bene o male lo sapevo, ma queste incertezze mi hanno creato una certa ansia. A volte è meglio una risposta anche negativa che il dubbio”.

A Contardo va Cultura, Sport e Turismo. A Ubertini l’Urbanistica, Edilizia pubblica e privata e Attività produttive. A Fattorini Bilancio, Provveditorato e Patrimonio.


Condividi la notizia:
24 marzo, 2011

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR