--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civita Castellana - Presentata istanza di scarcerazione per l'infermiere accusato di violenza sessuale su una paziente

Piergentili aspetta il Riesame

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

Giovanni Piergentili

<p>Giovanni Piergentili</p>

– Il destino di Giovanni Piergentili è in mano al Tribunale della libertà.

L’infermiere accusato di aver violentato una paziente sotto anestesia è ancora in carcere a Mammagialla, ma la sua situazione potrebbe cambiare.

L’avvocato di Piergentili, infatti, ha presentato un’istanza di scarcerazione, sulla quale il Tribunale del riesame dovrà pronunciarsi la prossima settimana. Martedì o, al massimo, mercoledì.

Piergentili, 57 anni, sposato e padre di due figli, lavorava all’Andosilla, l’ospedale di Civita Castellana, come capo sala degli ambulatori.

E’ finito in manette lo scorso 8 marzo per violenza sessuale.

Secondo l’accusa, rappresentata dal sostituto procuratore Renzo Petroselli, avrebbe stuprato una donna di 38 anni ricoverata all’ospedale civitonico, mentre era sotto anestesia.

Stando alla ricostruzione dell’episodio, eseguita dagli agenti della squadra mobile, l’uomo sarebbe entrato in una saletta dell’ospedale, dove la 38enne era stata portata in attesa di smaltire l’effetto dell’anestesia.

Piergentili ne avrebbe approfittato per allungare le mani sulla donna che, malgrado reduce da un’operazione chirurgica, sarebbe riuscita a reagire e a scoraggiarlo.

Alla denuncia della 38enne, che ha fatto scattare le manette ai polsi di Piergentili, ne è seguita un’altra, tre giorni dopo l’arresto, di una seconda paziente che ha riferito agli agenti di essere stata violentata anche lei mentre era ricoverata all’Andosilla, sotto anestesia.

La decisione su un’eventuale scarcerazione dell’infermiere spetterà, ora, al Riesame.


Condividi la notizia:
19 marzo, 2011

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR