Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

L'azienda agricola ha oltre 150 anni di attività

Impresa viterbese premiata a Roma

– La fattoria Madonna delle Macchie di Castiglione in Teverina si è aggiudicata un importante riconoscimento tra le aziende agricole italiane con oltre centocinquanta anni di attivitàper le performance dimostrate e i risultati raggiunti negli anni.

Sono soprattutto nelle campagne che resistono e crescono ancora le prime imprese nate con l’unità d’Italia quando undici milioni di lavoratori (75 per cento del totale) erano impegnati in agricoltura.

Queste imprese che hanno fatto la storia dell’Italia unita sono state premiate a Roma a Palazzo Rospigliosi, nell’ambito dell’iniziativa “150esimo: voler bene all’Italia per affrontare il futuro”, organizzata da Coldiretti e Symbola in collaborazione con il Censis nel corso della quale il presidente nazionale della Coldiretti Sergio Marini ha conferito dodici riconoscimenti alle imprese con oltre centocinquanta anni di attività.

Tra queste si è distinta la “Fattoria Madonna delle Macchie di Castiglione in Teverina” che è l’espressione dell’ultima generazione della famiglia Belcapo e che vanta un’antica tradizione imprenditoriale nel territorio viterbese.

A metà dell’800 l’azienda era composta da quattro grandi fattorie situate nel territorio ai confini tra Lazio e Umbria nei comuni di Castiglione in Teverina, Civitella d’Agliano, Orvieto, Poirano e Guardea, un territorio che visse rilevanti avvenimenti nel risorgimento, particolarmente dopo il 1860, quando facendo ancora parte dello Stato Pontificio venne a trovarsi al confine al confine dal Regno d’Italia, nel quale fu annesso il 18 settembre 1970, due giorni prima della breccia di Porta Pia.

Nel 1913 i figli di Cesare Belcapo, alla sua scomparsa sorteggiarono a sorte l’eredità, mettendo tanti bigliettini in un cappello, quanti erano i “poderi”, come si faceva a quel tempo.

A Vincenzo e a suo fratello Settimio toccò in sorte la fattoria Madonna delle Macchie.

Ora l’azienda è nelle mani di Decio e del figlio Leonardo che hanno modernizzato l’azienda dando un forte impulso alla qualità delle produzioni (vino, olio extravergine, tabacco, prodotti ortofrutticoli) e facendo della Fattoria Madonna delle Macchie un autentico gioiello della Teverina, realtà imprenditoriale volta ad un lavoro costante come quello di centocinquanta anni fa in continua sperimentazione e ammodernamento tecnologico.

“Il segreto della qualità dei prodotti della Fattoria Madonna delle Macchie – afferma Leonardo Belcapo – è nella natura stessa, cioè nella felice combinazione tra caratteristiche ambientali e passione produttiva. Un lavoro di cantina e frantoio svolto con amore ed esperienza, coniugando il rispetto per la tradizione con l’impiego di moderne tecnologie.

L’appartenenza ad una famiglia tradizionalmente frantoiana,l’esperienza olearia e soprattutto la qualità delle olive consentono di produrre un olio extra vergine di oliva in grado di soddisfare i palati più esigenti: tutto questo con sistema di spremitura tradizionale a pietra e seguente pressione a freddo; i vini prodotti nella nuova cantina, dotata delle più moderne tecnologie, sono poi perfezionati nella storica cantina di famiglia per ottenere un prodotto trai più apprezzati di tutta la provincia”.

Soddisfazione e orgoglio è espressa dalla Coldiretti di Viterbo a cui l’azienda è da sempre associata, una impresa che con la sua attività, con il Punto vendita Campagna Amica, contribuisce alla costruzione della filiera tutta agricola e tutta italiana.

1 aprile, 2011

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR