Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Alla Asl giornata di sensibilizzazione su donazione di organi e midollo osseo

Hai capovolto il mio destino!

Condividi la notizia:

– “Non occorre dover passare la porta del paradiso per poter incontrare un angelo”. Questa frase di Khalil Gibran è stata scelta per sintetizzare il messaggio legato alla giornata di sensibilizzazione e informazione sulla donazione del midollo osseo e degli organi che si svolgerà domani mattina, 25 maggio, a partire dalle ore 9 presso il quinto piano la Cittadella della salute di Viterbo.

L’incontro, dal titolo “Hai capovolto il mio destino”, è organizzato dallo Sportello delle associazioni del Distretto 3 della Ausl di Viterbo e dalla sezione provinciale dell’Admo. Molti gli interventi in programma, moderati dal direttore del Distretto viterbese, Antonella Proietti, e le testimonianze di donazione. Dopo i saluti alle autorità da parte del presidente della Consulta del volontariato, Roberto Bennati, e del presidente dell’Admo Paola Massarelli, l’iniziativa entrerà subito nel vivo con l’intervento di Annunziata Minopoli che presenterà i dati in possesso dell’azienda sanitaria locale relativi ai trapianti effettuati nella Tuscia.

Sarà poi il turno di Fernado Ricci, coordinatore del Dot (Donazione organi e tessuti) della Ausl di Viterbo che illustrerà ai presenti lo stato dell’arte rispetto alla donazione di organi e tessuti nel Viterbese. Di particolare interesse, inoltre, si preannuncia la relazione del ricercatore universitario della divisione di Ematologia del policlinico Gemelli, Luca Laurenti, sulla donazione di cellule staminali emopoietiche da sangue periferiche.

Terminati gli interventi, si procederà poi alla consegna di una borsa di studio promossa dall’Admo al laboratorio di genetica e al laboratorio Hla dell’azienda ospedaliera San Camillo Forlanini, diretto da Paola Gramatico. Un impegno concreto in favore della donazione, reso possibile grazie ai contributi messi a disposizione da parte della Fondazione Carivit, del Comune di Viterbo, del comitato La calza della Befana più lunga del mondo e del primo reggimento Aves Antares. La giornata terminerà con una testimonianza da parte di una donatrice effettiva del midollo osseo.

“Questi appuntamenti – spiega il presidente della sezione provinciale dell’Admo, Paola Massarelli – sono decisamente importanti. Per noi, in particolare, l’esigenza di raggiungere un numero ampio di cittadini è vitale, strategica, essenziale. Il donatore di midollo osseo, infatti, è assolutamente atipico, in quanto la compatibilità con un paziente che ha bisogno di un trapianto si basa sul rapporto di 1 a 100mila. Per questa ragione favorire l’ingresso in un circuito nazionale quale l’Admo è un risultato dal valore sociale e sanitario inestimabile”.

 


Condividi la notizia:
24 maggio, 2011

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR