--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tarquinia - Con i tagli imposti dal Governo

Cultura e turismo a rischio

Condividi la notizia:

– “Così si mettono in ginocchio gli Enti locali”. Lo afferma il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola in merito ai tagli indiscriminati imposti dal Governo (art. 6 comma 8 del decreto n. 78 del maggio 2010 convertito nella legge n. 122 del luglio 2010) ai Comuni per il bilancio 2011.

È inammissibile che a partire da quest’anno le Amministrazioni devono ridurre le spese dell’80%, rispetto a quelle sostenute nel 2009, per le attività culturali, quali mostre, convegni e spettacoli, per le iniziative di promozione turistica, le relazioni pubbliche, la pubblicità, la rappresentanza e la formazione professionale dei dipendenti.

Manifestazioni come l’Estate tarquiniese – prosegue – il calendario degli appuntamenti natalizi, “Tarquinia a porte aperte – Un museo nella città”, il “Premio Tarquinia Cardarelli”, il “Presepe vivente MMX”, sono a rischio.

In questo modo viene drasticamente limitata l’autonomia delle singole amministrazioni e bloccato, con gravissime ripercussioni economiche, lo sviluppo delle politiche turistiche e culturali, da sempre una delle risorse più importanti del Paese. Grandi città hanno già cancellato eventi importanti e anche Tarquinia, con il suo patrimonio artistico e ambientale, sarà costretta a compiere delle scelte dolorose».

Se tagli ci devono essere, quindi, vanno fatti ai costi della politica delle auto blu, delle consulenze esterne pagate a peso d’oro, degli apparati ministeriali mastodontici e delle migliaia di poltrone inutili.

“Evitare lo spreco di denaro pubblico – conclude il primo cittadino – è fondamentale nella corretta gestione dello Stato. A pagare non possono essere però gli Enti locali e i cittadini, mentre la classe dirigente non partecipa al risanamento del Paese”.


Condividi la notizia:
4 giugno, 2011

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR