--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Santa Rosa - I pezzi della Macchina arrivano a San Sisto per il montaggio

Fiore del Cielo, si riparte

Condividi la notizia:

Fiore del Cielo verso San Sisto

Fiore del Cielo verso San Sisto

Fiore del Cielo verso San Sisto

Marini e Cesarini con la statua di Santa Rosa

Marini e Cesarini con la statua di Santa Rosa

Gli assessori Sabatini e Contardo con il sindaco e Cesarini

Gli assessori Sabatini e Contardo con il sindaco e Cesarini

La statua di Santa Rosa pronta per essere montata

La posa della base

La posa della base

– Ci siamo. Fiore del Cielo torna a San Sisto (fotogallery: Fiore del Cielo a San Sisto* La Macchina è quasi pronta* In fila per i biglietti).

La storia si ripete, come ogni anno, immancabilmente. Qualcosa di diverso, in realtà, c’è. Manca Loris Granziera e al suo posto ci sono Andrea e Contaldo Cesarini, ma lo spirito è lo stesso.

Ciò che conta, più che gli uomini, è la Macchina. Fiore del Cielo. Bella come sempre. Anche a pezzi. Questa mattina, intorno alle 9, cinque camion hanno trasportato le diverse sezioni del Campanile che cammina fino a piazza San Sisto.

I leoni dorati della base, gli angeli, le rose rosse. Piccoli particolari che spuntano timidi e che sono belli già così, prima ancora di essere assemblati.

Dai capannoni della Tuscanese però arrivano solo le parti della Macchina vera e propria. La statua di Santa Rosa, invece, esce da Palazzo dei Priori, dove per tutto l’anno viene custodita in una stanza dedicata solo a lei.

A fare gli onori di casa e a consegnarla direttamente nelle mani degli assemblatori è il sindaco Giulio Marini ed alcuni assessori della giunta: Daniele Sabatini, Giovanni Arena e Enrico Maria Contardo.

Dopo le foto ricordo di rito, è lo stesso Marini, insieme a Cesarini e gli altri, che prende la statua e la porta fuori, in piazza del Comune, dove un furgoncino è in attesa di portarla a San Sisto insieme agli altri pezzi.

Da qui comincia la sfilata dei camion. La statua della Santa è in testa e inaugura trionfante il suo primo “trasporto” in attesa di quello vero, il 3 settembre, sulle spalle dei suoi Facchini.

A via Cavour e via Garibaldi è già festa. In molti escono dai negozi e dalle case per assistere al passaggio dei pezzi di Fiore del Cielo. Tra di loro anche qualche facchino, già emozionato per l’avvicinarsi del giorno fatidico. Qualcuno scatta anche delle foto ricordo dal balcone. L’atmosfera di festa si tocca con mano.

Giunti a San Sisto si comincia subito a lavorare. Le gru alzano la base della Macchina e la posizionano all’interno dell’impalcatura. Un piccolo incidente di percorso piega leggermente le palme dorate che ornano i leoni di Fiore del Cielo. Ma non è nulla di preoccupante.

Il montaggio andrà avanti per tutta la giornata fino a che Fiore del Cielo sarà di nuovo pronta sotto i teli del ponteggio. A quel punto non resterà che aspettare il “Sollevate e fermi” del capofacchino Rossi.


Condividi la notizia:
22 agosto, 2011

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR