--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Santa Rosa - Dal 23 al 26 agosto le cene in piazza - Il Sodalizio devolverà gli incassi a Erinna, Beatrice e Avis

La solidarietà dei facchini si tinge di rosa

Condividi la notizia:

La conferenza stampa di presentazione delle cene in piazza

La conferenza stampa di presentazione delle cene in piazza

Massimo Mecarini, presidente del Sodalizio

Massimo Mecarini, presidente del Sodalizio

Il capofacchino Sandro Rossi

Il capofacchino Sandro Rossi

L'assessore Giovanni Arena

L'assessore Giovanni Arena

Patrizia Frittelli dell'associazione onlus Beatrice

Patrizia Frittelli dell'associazione onlus Beatrice

Anna Maghi, dell'associazione Erinna

Anna Maghi, dell'associazione Erinna

Stefano Buzzi dell'Avis

Stefano Buzzi dell'Avis

– La solidarietà dei facchini si tinge di rosa.

Tutto pronto per le cene in piazza organizzate dal Sodalizio. Quattro serate, dal 23 al 26 agosto, tutte dedicate alla benificenza e alla convivialità.

Denso e appetitoso il programma sia dal punto di vista culinario che dell’intrattenimento. Non mancheranno i piatti tipici viterbesi: zuppa di fagioli, coratella, pignattaccia e trippa. Quanto alla musica invece si partirà martedì con le cover di Vasco Rossi e Luciano Ligabue per poi continuare nei giorni successivi con cantanti e musicisti viterbesi, comici esilaranti e, venerdì, anche la fanfara dei Bersaglieri.

Ma al primo posto, come ogni anno, c’è appunto la solidarietà. “Quest’anno abbiamo pensato di aprirci al mondo dell’associazionismo femminile – spiega Massimo Mecarini, presidente del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa – per questo abbiamo preso contatti con la onlus Beatrice ed Erinna, due realtà molto radicate nel territorio che si battono tutto l’anno per aiutare il gentil sesso”.

Nel 2010 i ricavi delle serate in piazza erano stati devoluti a diverse associazioni tra le quali quella vicina ai bambini cardiopatici che ha ricevuto in dono un holter, strumento utilissimo per la prevenzione delle malattie del cuore.

Quest’anno invece spazio alle donne. “Siamo un’associazione maschile ma non maschilista – ci tiene a sottolineare Mecarini -. Tra l’altro ricordo che nello statuto del Sodalizio non è indicato che l’aspirante facchino debba essere per forza uomo. Chissà che un giorno non entrerà a farne parte anche qualche donna”.

Provocazione, scherzosa, subito colta dall’assessore comunale Giovanni Arena. “Sono fiero di rappresentare il Comune in questa occasione di solidarietà – dice – e visto che Mecarini ha tirato fuori l’argomento donne mi sento di lanciare una sfida o meglio una proposta. Dal prossimo anno proprio perché i Facchini sono aperti al mondo femminile sarebbe bello che anche alcune donne partecipassero al Trasporto: magari non sotto la Macchina, ma come addette e aiutanti della manifestazione”.

Intanto ciò che è certo per quest’anno è che le donne saranno in piazza dal 23 al 26 per la beneficenza. “La nostra associazione – spiega Anna Maghi, presidente di Erinna – dà sostegno alle donne vittime di violenza. Il sostegno del Sodalizio e di tutti i viterbesi ci rende davvero orgogliose e ci sprona a fare sempre di più per cercare di cancellare quella brutta cultura che vede il sesso femminile succube di quello maschile”.

E al fianco delle donne si schiera 365 giorni all’anno anche la onlus Beatrice. “Siamo attive da cinque anni – dice la presidente onoraria Patrizia Frittelli – e abbiamo raggiunto la quota di 1200 iscritti. Giorno dopo giorno ci battiamo per la lotta del cancro alla mammella. Anche noi siamo onorate di aver ricevuto l’invito dai Facchini e anche per questo l’associazione ha voluto versare la somma necessaria per diventare socio onorario del Sodalizio. Un modo in più per aiutare chi ha bisogno”.

Al fianco di Beatrice e di Erinna che avranno uno stand in piazza San Lorenzo per le quattro serate delle cene ci sarà come di consueto anche l’Avis, partner ormai storico del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa.

“Grazie a questa collaborazione – dichiara il presidente dell’Avis di Viterbo Stefano Buzzi – siamo riusciti ad incentivare le donazioni di sangue nel periodo estivo. Le sacche servono sempre, in particolare con questo caldo, e l’invito dei Facchini ci ha permesso di regalare a chiunque doni il sangue dal 27 maggio al 26 agosto un omaggio per una cena a piazza San Lorenzo. Un piccolo gesto che però può essere utilissimo per spingere qualche persona in più a mettersi a disposizione di chi ha bisogno”.

Insomma tutto è pronto anche quest’anno e il capofacchino Rossi non perde occasione per rinnovare l’invito alle cene e svelare i prossimi dettagli precedenti al Trasporto. “L’impalcatura è stata montata – conclude Sandro Rossi – e da lunedì si monterà anche la Macchina a San Sisto. Spero vivamente che i viterbesi partecipino in massa alle cene in piazza, un momento importantissimo per fare della beneficenza con un piccolo gesto”.


Condividi la notizia:
20 agosto, 2011

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR