--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civita Castellana - La Giovane Italia critica il sindaco Angelelli sulla scelta del giro dei carri allegorici

Carnevale, vogliamo mantenere la tradizione

Condividi la notizia:

Uno dei carri del carnevale civitonico

Uno dei carri del carnevale civitonico

Riceviamo e pubblichiamo – Siamo davvero delusi dalla decisione presa dal sindaco di Civita Castellana. Diciamo sindaco perché civitonico vero, come dovrebbe essere, non lo sentiamo proprio. Increduli e stupiti dalla totale incoerenza e dalla immane presa in giro rifilataci con non-chalance.

Ci riferiamo alle grida di Gianluca Angelelli, sul palco della premiazione dei carri allegorici 2010: “Volete il giro vecchio?” E anche da paesi limitrofi, ormai stanchi di questa banale polemica, si intonava unanime “Sì”! E con il sorriso sulle labbra da discreto politicante, il buon sindaco incitava: “Il prossimo anno, torneremo alle tradizione!”.

Ma a quale tradizione ci riferiamo? Quella di questa amministrazione forse: fare niente o male per Civita Castellana. Sempre più spesso ci auguriamo la prima.

Ogni città ha le sue usanze nostro caro sindaco, e vanno rispettate. Ogni primo cittadino che ami la sua città fa sì che queste vengano preservate. Giuste o meno, goliardiche o culturali, esistono e non possono essere declassate. Troppo difficile per la vostra amministrazione?

Guardando le altre realtà locali vicine a noi, non ci sembra di aver notato cambiamenti significavi nel loro folclore e nelle loro tradizioni. Il palio della Manna di Ronciglione, nonostante sia ritenuto più rischioso della nostra sfilata, è tuttora preservato in tutta la sua tradizione. La sua amministrazione, se ci riguardasse, sarebbe in grado di far passare la Macchina di Santa Rosa per la Cimina… e comunque temere per la presenza degli alberi.

Le sue remore, signor sindaco, si riflettono sulla popolazione aumentando la situazione di disagio dei cittadini, proprio in un momento in cui i civitonici hanno bisogno di ritrovarsi nei loro costumi… almeno in quelli di carnevale. I tempi passano, la situazione economica degenera, e il carnevale deve essere tra quelle cose inviolabili. Si ricorda quanto entusiasmo aveva trasmesso con quella sua farsa sul palco? Perchè non prova ogni tanto a rendere giustizia al suo mandato?

Noi della Giovane Italia siamo a contatto con le persone e sappiamo cosa vogliono nella loro cittadina: lo storico carnevale di Civita Castellana non trova gli impedimenti tecnici che lei millanta, come non li ha mai trovati prima del suo mandato.

L’assicurazione comunale copre tutto il suolo civitonico, e non solo la “Zona rossa” da voi tanto amata e tanto inflazionata. Se tanto ci dà tanto, sfrutterete anche la premiazione per vantarvi delle vostre conquiste edili. Il carnevale è civitonico, interessa tutta la cittadina, e non solo le mascherate a palazzo comunale.

Se crede davvero di poter trasformare il nostro paese in Viareggio, le consigliamo di comprare parecchio sale così potrà spacciare il treja per il mare. A noi piace il carnevale così com’era prima di lei, chiudere il carro alle quattro strade, attendere con fremito l’arrivo in piazza Matteotti (non Marcantoni), vedere le maschere scendere per la pesa, dare la possibilità a tutti di vederli passare sotto casa e condividere l’atmosfera di festa.

Se lei in 8 mesi non ha avuto modo di consultare la commissione tecnica (la stessa che ha sempre approvato il vecchio percorso), riorganizzi la sua agenda. Questa ci sembra più una presa di posizione per non ammettere gli errori passati. Se ha rispetto per i suoi concittadini, che a gran voce hanno dimostrato la loro volontà, rispetti i patti presi con loro.

Giovane Italia Civita Castellana


Condividi la notizia:
27 settembre, 2011

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR