--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La petizione del Circolo Pd Piacentini e dei Giovani democratici per il potenziamento dei consultori

Ritiro legge Tarzia, 250 firme in due ore

Condividi la notizia:

Il gazebo del circolo Piacentini e Giovani democratici

Il gazebo del circolo Piacentini e dei Giovani democratici

Riceviamo e pubblichiamo – I consultori familiari devono essere potenziati con fondi adeguati e messi in rete con le istituzioni pubbliche, a cominciare dalla scuola.

E’ ciò che chiede il Partito democratico, il cui gruppo al Consiglio regionale ha presentato un disegno di legge che prevede, indicando anche le risorse necessarie, interventi per adeguare e rendere più accoglienti i consultori, per formare e inquadrare stabilmente gli operatori e per aprire nuove strutture (nel Lazio ne mancano, infatti, 117): una proposta alternativa a quella depositata della consigliera del centrodestra Olimpia Tarzia, che, se approvata, porterebbe dritto allo smantellamento dei consultori pubblici attraverso l’assegnazione di finanziamenti a quelli privati di stampo confessionale, dove, tra l’altro, sarebbero introdotte nuove figure (come l’esperto in antropologia della famiglia o in metodi naturali di contraccezione) senza un titolo riconosciuto.

Per chiedere il ritiro del disegno Tarzia, il Pd ha promosso una petizione. E questa mattina, a Viterbo, davanti al consultorio di via Cardarelli, il  circolo Gemma Piacentini e i Giovani democratici hanno allestito un gazebo per la raccolta di firme. Oltre ogni previsione le adesioni, 250 in due ore, a cominciare da quelle delle utenti della struttura.

“Da più di un anno teniamo viva la mobilitazione per fermare la proposta del centrodestra. Il consenso è molto ampio, a conferma dell’importanza di un modello di consultorio che tutela il valore sociale della famiglia e della promozione della salute delle donne, il diritto alla vita e alla libertà di scelta della persona, all’autodeterminazione in tema di sessualità e di procreazione. Modello che vogliamo difendere da un attacco umiliante per le donne”, dicono Roberto Innocenzi e Michele Bassanelli, rispettivamente coordinatore del circolo del Pd e segretario provinciale dei Giovani democratici.

Con loro, a spiegare le ragioni dell’iniziativa del Pd, c’erano il consigliere regionale Giuseppe Parroncini, Giulia Arcangeli responsabile programma Pd provinciale, la consigliera comunale Linda Natalini, il vicesegretario provinciale, Alessandro Dinelli, la responsabile del Circolo di Viterbo dei Gd, Bianca Cherubini, Christian Scorsi per l’esecutivo provinciale e il responsabile organizzazione del Circolo, Franco Marinelli.

E’ intervenuto anche il consigliere comunale di Sel, Mauro Innocenzi.

Circolo del Pd Gemma Piacentini e Giovani democratici


Condividi la notizia:
13 settembre, 2011

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR