__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vitorchiano - I consiglieri di minoranza chiedono lumi sulle carte richieste da mesi alla giunta Oliveri

Caro sindaco, stiamo ancora aspettando gli atti

Sante Fabbri Raffaele D'Orazi e Massimiliano Baglioni

Sante Fabbri Raffaele D'Orazi e Massimiliano Baglioni

Riceviamo e pubblichiamo – Non so se al comune di Vitorchiano gli amministratori e in primis il sindaco, conoscono quella norma di legge che dietro alla richiesta (per una questione di trasparenza) degli atti pubblici e ufficiali, per concederli al richiedente non debbano trascorrere più di 30 giorni.

Crediamo che per una questione di correttezza e rispetto, tale norma, deve essere ligia sia nei confronti dei cittadini che nei confronti dei consiglieri.

Essendo però, chi denuncia le omissioni, i consiglieri di minoranza dell’amministrazione comunale, tali regole vengono ancora più disattese, quasi come se chi volesse esercitare un’azione di legalità, venisse completamente ignorato.

Veniamo agli ultimi fatti: Il 28 luglio 2011 si richiedevano per scritto atti riferiti all’alienazione del verde pubblico; il 31 agosto 2011 (già fuori termine) il sindaco rispondeva dicendo che non aveva provveduto a dare le relative delucidazioni in quanto avrebbe informato sulle richieste effettuate in un consiglio comunale convocato presumibilmente per lo stesso 31 agosto 2011.

Nella realtà dei fatti ad oggi, non abbiamo avuto né risposta scritta né tanto meno è stato convocato un consiglio comunale.

A questo punto anche tramite tale mezzo ci rivolgiamo ai rispettivi organi di controllo affinché possano verificare le anomalie che puntualmente si registrano al comune di Vitorchiano.

Ma ciò che rende invece interessante la solerzia del sindaco Olivieri, è l’ordinanza datata 19 settembre 2011 esattamente la numero 10/2011 in vigore, che prevede il divieto di sosta prolungato anche di notte nel centro storico, pena le sanzioni a norma vigente del c.d.s. art. 158.

Risultato: il 28 settembre 2011 alle 2.37, all’interno del centro storico c’erano tre auto parcheggiate, con la valutazione d’incertezza che fossero parcheggiate per l’intera notte e anche il 7 ottobre 2011 alle 2.20 erano parcheggiate cinque auto e una moto. Allora viene spontanea la domanda: ma se le regole non si fanno rispettare neppure di giorno, come si può pensare che l’amministrazione comunale di Vitorchiano le faccia rispettare anche di notte?

Quindi sarebbe opportuno revocare tale ordinanza onde agevolare gli abitanti del centro storico.

Di fronte a questi due episodi citati sembra di stare alla rappresentazione teatrale del buon Pinocchio, il quale nonostante le sue bugie si rendeva anche simpatico, invece a differenza di quanto sostiene il sindaco di Vitorchiano Olivieri che la minoranza è impegnata soltanto a “screditare l’operato della sua giunta” diciamo invece che questa minoranza vorrebbe far operare la giunta nella legalità.

Perché non spiega il sindaco il motivo per il quale, non si forniscono:
1) Atti all’alienazione del verde pubblico
2) Atti al contratto d’affitto dell’albergo Sant’Agnese (chiuso da tre anni)
3) Le licenze edilizie del parcheggio multipiano
4) La costruzione della seconda palestra ancora inutilizzata e che non sarebbe servita se quella già esistente non fosse stata data in gestione ai privati insieme alla piscina
5) Gli edifici scolastici promessi nella loro costruzione prima dell’avvio delle lezioni invece è tutto in alto mare
6) La zona artigiana smantellata, senza un nuovo programma e l’amministrazione fa costruire i capannoni limitrofi alle abitazioni
7) Il marciapiede di Paparano abbandonato
8) La biblioteca smantellata e non si sa bene che fine abbiano fatto i libri

Questa è l’amministrazione comunale di Vitorchiano di sinistra tanto decantata? Di fronte all’inefficenza dimostrata farebbe bene solo a fare una cosa: andare a casa.

Se il sindaco si degnasse di rispondere e far osservare le regole, la minoranza lo apprezzerebbe molto di più così come la cittadinanza.

Sante Fabbri
Raffaele D’orazi
Massimiliano Baglioni
I consiglieri di minoranza del Comune di Vitorchiano

8 ottobre, 2011

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564