- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

Cev, parlano le difese

Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]

– Cev, tocca ancora alle difese.

Torneranno in aula questa mattina i 38 imputati per il caso Cev, la maxi inchiesta per abuso d’ufficio ed emissione di fatture false sulla società partecipata del Comune.

Dopo più di un anno dalle richieste di rinvio a giudizio dei pm Paola Conti e Franco Pacifici, l’udienza preliminare arriva al rush finale.

Per oggi è prevista, infatti, la discussione delle ultime posizioni rimaste.

A prendere la parola saranno gli avvocati di sette imputati, tra cui i due che hanno chiesto di essere giudicati con rito abbreviato e i due ingegneri Giorgio Falcioni e Claudio Ciucciarelli, l’unico a dover rispondere dell’accusa di concussione.

Arringhe che si annunciano lunghe e corpose, al punto da non lasciare quasi sicuramente spazio alle repliche dei pm e alla decisione del gup Francesco Rigato, per le quali servirà, probabilmente, ancora un’altra udienza.

Il terremoto Cev travolse il mondo della politica e dell’imprenditoria viterbese. In 38, tra amministratori e dirigenti, finirono sotto inchiesta per abuso d’ufficio, ed emissione di fatture false.

Tra questi, anche l’ex sindaco Giancarlo Gabbianelli, il city manager Armando Balducci e l’allora presidente della società Attilio Moretti. Tutti e tre accusati, tra l’altro, di associazione a delinquere insieme ad altri 14 imputati.

L’indagine partì nel 2007 da un maxisequestro di documenti, eseguito dalla guardia di finanza. Le carte avrebbero fatto emergere gli importi gonfiati che il Comune versava al Cev per ripianare le perdite della società. Da qui, i debiti fuori bilancio nelle casse comunali e non solo.

I pm Conti e Pacifici ritengono che il Cev funzionasse come una specie di “struttura parallela” al Comune, soprattutto per quanto riguardava l’affidamento di appalti come illuminazione, verde pubblico e altri, assegnati, secondo l’accusa, con procedure irregolari e anche attraverso la scelta dei soci privati del Cev.


Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]
  • Tweet [3]
  • [1]
  • [2]