Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Carabinieri - Operazione Vesuvio - Sgominata banda che agiva sul litorale romano, a Roma e a Napoli

Camorra, 24 arresti per droga

Condividi la notizia:

Una pattuglia dei carabinieri

Una pattuglia dei carabinieri

Camorra, 24 arresti per droga.

I carabinieri del nucleo investigativo del gruppo di Ostia e quelli della compagnia di Civitavecchia stanno dando esecuzione, sul litorale romano, nella Capitale, a Napoli e provincia, a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Roma su richiesta della direzione distrettuale antimafia della Capitale, nei confronti di 24 persone, ritenuti, a vario titolo, responsabili di:

associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, traffico e detenzione di stupefacenti con l’aggravante del metodo mafioso, commercio di prodotti con segni contraffatti, ricettazione ed altro, sempre con l’aggravante del metodo mafioso.

L’indagine dei carabinieri, avviata nel 2007 e denominata convenzionalmente “Vesuvio”, ha interessato più articolazioni criminali operanti sul litorale romano e nella Capitale, collegate tra loro dall’appartenenza di alcuni degli indagati al clan camorristico Sarno-Mazzarella.

In particolare, sarebbe emerso che la droga, acquistata a Napoli dal sodalizio attivo sul litorale romano, veniva in parte spacciata direttamente in quell’area e in parte ceduta ad altro sodalizio della Capitale, dedito anche ad attività usuraie ed estorsive.

L’organizzazione, secondo quanto riferiscono le forze dell’ordine, sarebbe risultata attiva anche all’acquisizione e vendita di merce contraffatta, in particolare utensili per l’agricoltura e l’edilizia, proveniente da Napoli e commercializzata in un centro  del litorale romano, diventato un polo ben strutturato per la diffusione carsica degli utensili in parola.

Le attività di indagine dei carabinieri hanno già nel tempo trovato dei riscontri in sequestri di merce contraffatta, nel sequestro di armi (tre pistole) e di oltre 50 chili complessivi tra hashish e cocaina, che hanno portato a sette arresti in flagranza di reato.


Condividi la notizia:
21 novembre, 2011

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR