Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Sarà presentato lunedì dal presidente dell'XI Municipio di Roma

Un comitato per la verità su De Cupis

Condividi la notizia:

Cristian De Cupis

Cristian De Cupis

– Un comitato per la verità su De Cupis.

All’iniziativa, promossa dagli amici del detenuto morto a Belcolle, hanno già aderito i familiari, i suoi legali, il parroco della chiesa di Santa Galla a Roma, Angiolo Marroni, garante dei detenuti del Lazio e alcune associazioni del quartiere in cui viveva Cristian De Cupis.

Il ragazzo, 36enne, aveva infatti denunciato di aver subito un pestaggio dalle forze dell’ordine che lo avevano arrestato alla Stazione Termini, prima di arrivare all’ospedale viterbese.

Il comitato, che si chiama “Verità e giustizia”, ha lo scopo di fare maggiore luce sulla vicenda e sarà presentato lunedì alle 12,30, nella sala consiliare dell’XI Municipio, in via Benedetto Croce. All’iniziativa parteciperà anche il presidente dello stesso municipio, Andrea Catarci.

Ieri, intanto, si sono svolti i funerali di De Cupis nella chiesa di Santa Galla, alla Circonvallazione Ostiense.

“Questa vicenda – si legge in una nota diffusa dopo la cerimonia da Catarci – ha ancora tanti lati oscuri: i lividi sul corpo, l’inusuale trasferimento a Viterbo, il fatto che la famiglia sia stata informata di tutto dopo la morte e che non sia stata messa nelle condizioni di inviare un perito di parte all’autopsia”.

Anche il parroco di Santa Galla nell’omelia avrebbe detto che “chi voleva bene a Cristian ora vuole sapere cosa e perché è accaduto”.


Condividi la notizia:
19 novembre, 2011

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR