Time-nuovo-doppia-cornice-2-tripla-cornice

__
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ronciglione - Miranda Perinelli, segretario generale Cgil, sui problemi del reparto

Ematologia a rischio chiusura

Miranda Perinelli, segretario provinciale Cgil

Miranda Perinelli

Riceviamo e pubblichiamo - Quello che sta succedendo a Ronciglione sulla chiusura del laboratorio analisi, significherà anche chiusura o malfunzionamento del reparto di ematologia, poiché non ci sarà più la possibilità di intervenire in tempi rapidi come finora è avvenuto, tra l’altro reparto considerato un’eccellenza della sanità viterbese seguita con accuratezza e professionalità sia dai medici che dalle figure infermieristiche che da anni ci si impegnano.

E’ un invito agli utenti a trasmigrare a Roma o nelle più vicine regioni, con il risultato che recherà maggior disagio per i cittadini, danno per le casse della sanità laziale. A Ronciglione si effettuano mediamente 25 prelievi al giorno, sono curati oltre 500 pazienti ogni anno, con 1.700 trattamenti di kemioterapia.

Da oltre quattro anni e mezzo il reparto è stato trasferito a Belcolle dove ancora è collocato all’interno del reparto di oncologia, doveva essere successivamente trasferito a Ronciglione dopo i lavori di ristrutturazione, non è mai avvenuto, e neanche a Montefiascone così come era stato ipotizzato. Riteniamo che anche questa scelta del direttore generale della Ausl, va nella direzione della destrutturazione dei servizi della sanità viterbese con la conseguenza che i cittadini sono sempre più disorientati, sempre più aggravati di costi e di disagi, soprattutto per queste tipologie di malattie gravi come le leucemie acute e trapianti.

Anche questa decisione riferita al reparto di ematologia va nell’indirizzo della destrutturazione sanitaria in provincia di Viterbo, e questo è un altro tassello del mosaico, che va ad aggiungersi al taglio dei posti letto, alla chiusura degli ospedali, ai presidi territoriali, al sevizio di fisioterapia accentrato a Montefiascone, alle lungaggini per le liste d’attesa per fare esami specialistici, alla esclusione di ospedale montano per quanto riguarda Acquapendente.

Non escludendo infine la mancanza di personale infermieristico che mette a rischio l’assistenza e quindi la salute dei cittadini, lasciando i precari stabilmente precari, in barba agli accordi tra la presidente Polverini e le organizzazioni sindacali.

Miranda Perinelli
Segretario generale Cgil Viterbo

9 dicembre, 2011 - 19.31

3 commenti »

Lascia un commento

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

  1. 11 marzo 2012 alle 17:44 | - >roberta commenta:

    continuate a lottare non permettete che venga distrutto tutto
    sono dieci anni che sono in ematologia…deve essere riaperto il reparto!!!Dobbiamo tornare a fare trapianti,curare le leucemie acute.Non è giusto che queste persone, vengono sbattute lontani da casa e dagli affetti, quando ci sarebbe la possibilità di essere curati a viterbo.L’EQUIPE C’E',CI SONO MEDICI E INFERMIERI RIDOTTI ALL’OSSO COME NUMERO,MA CHE HANNO TANTA VOGLIA DI RICOMINCIARE A FARE LA VERA EMATOLOGIA!!!!

  2. 28 dicembre 2011 alle 13:07 | - >Alessandra commenta:

    A mio parere, il Day hospital di ematologia di Ronciglione rappresenta l’ECCELLENZA per professionalità, disponibilità, umanità e soprattutto ha un bacino di utenza che nessuno immagina, PURTROPPO!
    Che provino ad immaginare questi Signori, cosa si prova a sottoporsi a trattamenti di chemioterapia! Che provino a farla a 100 Km da casa! Che provino loro la sofferenza , la disperazione, il senso di impotenza che ti assale quando il male aggredisce il tuo corpo!
    Perchè non “tuteliamo e difendiamo” le poche cose BUONE che abbiamo. La grande dedizione con cui opera il personale addetto a questa struttura non può essere annientato da “I TAGLI ALLA SPESA PUBBLICA”! PER LORO NON SEI UN NUMERO, SEI UN NOME!!
    Oggi, a 3 anni dalla mia “disavventura”, sono tra i fortunati che,per ora, ce l’hanno fatta, ma accanto a me , in sala d’attesa, ci sono ancora tante persone che stanno lottando.PERCHE’ COMPLICARE ANCOR DI PIU’ LA VITA A CHI GIA’ LOTTA PER NON PERDERLA?
    Quello che segue è un breve ringraziamento che a suo tempo ho espresso a tutto il personale del Day Hospital di Ronciglione e ancora oggi rinnovo con immenso affetto e gratitudine:
    AL DAY HOSPITAL EMATOLOGIA RONCIGLIONE… NESSUNO ESCLUSO

    Nel buio tunnel della malattia voi siete tante piccole fiaccole che illuminano e guidano il nostro difficile cammino nel tentativo e soprattutto nella speranza di raggiungere la luce dell’uscita….
    Senza di voi brancoleremo nel buio…. Grazie di cuore Alessandra

  3. 10 dicembre 2011 alle 08:06 | - >Stefania commenta:

    Ma come è mai possibile che una struttura efficiente, ben diretta ,con delle figure professionali eccellenti e con un numero di pazienti sempre in crescita non abbia la considerazione e l’aiuto dei vertici della sanità viterbese e regionale? Facciamo qualcosa noi parenti di quei pazienti…svegliamoci e diamo battaglia!

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

  • Alo-agenzia-funebre-158x150

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564