Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

avion travel  560x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Interviene Daniela Anetrini, responsabile provinciale delle Pari opportunità per l'Udc

In campo per la democrazia paritaria

Riceviamo e pubblichiamo – Domenica 11 dicembre, “ Se non ora quando”, il movimento femminile – e femminista – è sceso di nuovo in piazza. Noi, donne che ci riconosciamo nei valori dell’Unione di Centro, pur non amando la piazza, perché spesso luogo di eccessi e strumento poco efficace nel cambiare concretamente le situazioni, siamo perfettamente concordi e facciamo nostro quanto dichiarato dagli organizzatori della manifestazione: “Le donne tengono insieme affetti e lavoro, cura e responsabilità, libertà e senso del dovere. Ora non c’è da uscire solo da una crisi economica terribile, ma da una crisi politica, istituzionale, morale, da una logica, un immaginario, un ordine”.

In questo passaggio storico difficile, le donne di “ Se non ora quando” si pongono anzitutto l’obiettivo della democrazia paritaria, che vuol dire donne e uomini insieme in tutti gli organismi decisionali e di governo. E su questo obiettivo l’Udc ha concretamente cominciato a lavorare. Il nuovo regolamento del partito prevede una rappresentanza almeno del 20 per cento di donne nei comitati comunali, provinciali, regionali e nel consiglio nazionale, pena l’invalidità dei comitati eletti.

Certo, le quote rosa non ci piacciono, sono quasi umilianti, ma sono anche uno strumento di rottura efficace, una porta per entrare negli organismi decisionali del partito, dove lo straripante protagonismo maschile ritarderebbe di molto il “naturale” ingresso delle donne in numero significativo.

Come responsabile provinciale per le Pari Opportunità, con soddisfazione, posso affermare che in tutti i congressi Udc comunali ed anche in quello provinciale che si sono appena svolti nella Provincia di Viterbo, il numero delle donne elette supera il 20 per cento. Tutto questo senza alcuna forzatura.

Quella costruttiva ed armoniosa dialettica democratica all’interno del partito, che ha fatto si che tutti i congressi siano stati unitari, ha prodotto anche una convinta e fattiva collaborazione all’entrata delle donne nei direttivi da parte del nostro leader Rodolfo Gigli, dell’assessore provinciale Gianmaria Santucci che ha guidato questa stagione congressuale e da tutta la dirigenza maschile. E’ un ottimo inizio.

Daniela Anetrini
Responsabile provinciale delle Pari opportunità

12 dicembre, 2011

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR