Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

TW-cliccami-560x60-due-colori

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sentenza della Corte dei Conti - Cev - L'assessore dovrà risarcire il comune per danno erariale

Muroni condannato a pagare 190mila euro

Paolo Muroni

L'assessore Paolo Muroni

– Danno erariale, Muroni condannato a pagare 190mila euro.

E’ la cifra che l’assessore alle Attività produttive e al Commercio dovrà risarcire al Comune di Viterbo in merito alla vicenda del Cev.

Così ha deciso la Corte dei conti, sezione giurisdizionale per la Regione Lazio, riformulando la sentenza del 26 ottobre 201o in cui Muroni era stato condannato in primo grado a pagare 20mila euro.

Per un “errore materiale”, come si legge nella nuova sentenza pubblicata il 19 ottobre scorso, la Corte dei conti ha modificato la cifra della precedente sentenza, condannando l’assessore Muroni a pagare 190mila euro, più gli interessi legali, la rivalutazione monetaria e le spese di giudizio.

Per la magistratura contabile, Muroni avrebbe causato un danno erariale alle casse comunali in seguito a irregolarità nelle attività gestionali compiute tra il 2004 e il 2008 dagli amministratori e dirigenti del Comune di Viterbo nell’ambito dei rapporti con il Cev. Irregolarità che sarebbero state accertate dal nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza del capoluogo in seguito a un’ispezione fiscale.

Come si legge sulla sentenza, “il Comune ha erogato al Cev 932mila 428 euro per l’anno 2006 e un milione di euro per l’anno 2007 che invece di essere usate per l’aumento di capitale, sono state impiegate per ripianare le passività della società. Le somme – si legge ancora – in realtà sono andate a coprire le gravi perdite Cev in un momento in cui il bilancio societario non poteva verosimilmente garantire la continuità aziendale”.

Nell’erogare il denaro “gli amministratori e i dirigenti comunali responsabili – è scritto nella sentenza – hanno omesso qualsiasi effettiva valutazione sulla legittimità ed economicità della scelta di ricapitalizzazione” della società.

La vicenda vede coinvolti anche altri componenti della giunta comunale. “La grave negligenza che caratterizza le condotte degli amministratori  – è scritto nella sentenza della Corte dei Conti – sino al limite della cosciente e volontaria previsione e volizione delle conseguenze dannose delle loro azioni è dimostrato dal fatto di avere deliberato senza la necessaria preventiva delibera di aumento del capitale della società Cev e senza prevedere un obbligo di restituzione da parte di quest’ultima, di utilizzare la provvista ottenuta con detto aumento per coprire le perdite, con conseguente danno per il Comune“.

10 dicembre, 2011

Cev ... Gli articoli

  1. Processo Cev, rimane solo un imputato
  2. Processo Cev, Giancarlo Gabbianelli: "Accetto la prescrizione"
  3. Rotelli e Arena testimoni d'accusa contro l'ex sindaco Gabbianelli...
  4. "Cantiere per la piscina, mai visti contrasti tra Londero e Ciucciarelli"
  5. "Il presidente Moretti non si è mai interessato all'appalto"
  6. Crack Cev, corsa contro il tempo per la sentenza
  7. "No all'affidamento di lavori ai soci privati senza gara"
  8. Processo Cev, alla sbarra restano in sette
  9. No alla sentenza subito per Gabbianelli
  10. Processo Cev, per Gabbianelli sarà sentenza subito?
  11. Gabbianelli: "No alla prescrizione, si vada a sentenza"
  12. Processo Cev, parola ai testimoni delle difese
  13. Trenta accuse prescritte, quel che resta del Cev
  14. Processo Cev, battaglia sui testimoni
  15. Soldi "per mandare in vacanza i politici", Ciucciarelli si difende
  16. "Nessuna cena con i politici di An"
  17. Processo Cev, tocca alle difese
  18. Cev, il comune batte cassa ma gli imputati fanno ricorso
  19. Gabbianelli si difende per più di quattro ore
  20. Fatture false al Cev, prosciolti in quattro
  21. "Costretto ad andare a cena coi politici di An"
  22. "Duemila euro per mandare in vacanza i politici"
  23. Balducci non aveva precisi obblighi di controllo
  24. "Una sentenza che mi ha restituito il sorriso"
  25. Cev, assolto Armando Balducci
  26. "C'abbiamo in azione il macchinario che fa i coriandoli..."
  27. "Trasferiti perché davamo fastidio"
  28. Crack Cev, parlano i dirigenti comunali
  29. Un buco tra i due e i tre milioni di euro sulle spalle del Comune
  30. "Lavoravamo per la città"
  31. C'era una volta il crack Cev...
  32. Processo Cev, via all'ascolto dei testimoni
  33. Gabbianelli: "Rinuncio alla prescrizione per tutti i reati"
  34. Fuori dal processo: Rotelli, Arena, Muroni, Fracassini, Tofani e Zucchi
  35. Scandalo Cev, centinaia di testimoni
  36. Processo Cev, slitta l'udienza
  37. Cev e Comune parti civili
  38. Muroni e Zucchi non fanno un passo indietro
  39. Scandalo Cev, parte il processo
  40. Cev, il Comune si costituirà parte civile
  41. Dimettersi? E perché mai...
  42. "Valuteremo se costituirci parte civile"
  43. Bartoletti: Il comune si costituisca parte civile
  44. Il comune si costituisca parte civile e gli assessori si dimettano
  45. Cev, in 34 a processo
  46. Solo fango, e ingiuste e preannunciate decisioni...
  47. Cev, Gabbianelli & Co. rinviati a giudizio
  48. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  49. Cev, parlano le difese
  50. Cev, salta l'udienza
  51. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  52. "E' tutto regolare"
  53. Inchiesta Cev, tocca alle difese
  54. Cev, chiesto il rinvio a giudizio per Gabbianelli e gli altri indagati
  55. Cev, una notifica fa saltare l'udienza
  56. Sentenza Cev, tutti pronti a fare ricorso
  57. Gabbianelli attacca magistratura e Finanza
    • Altri articoli

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564