--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo, Terra madre day

Condividi la notizia:

Patrizio Mastrocola

Massimo Poleggi

– Sabato 10 dicembre il centro storico di Viterbo si anima per l’intera giornata in occasione della celebrazione del Terra Madre Day 2011, l’evento mondiale di Slow food, in programma contemporaneamente in 125 Paesi, con oltre mille eventi tra conferenze e degustazioni nelle scuole, cene con i produttori e visite in fattoria, campagne a sostegno del buon cibo sostenibile e a tutela della biodiversità.

Ospite d’eccezione per l’occasione a Viterbo il segretario nazionale di Slow food Daniele Buttignol, che ha scelto la Tuscia per conoscere da vicino la realtà locale produttiva, culturale e sociale nelle sue diverse espressioni.

“Tutti gli attori che popolano il vasto mondo di Terra Madre – spiega Patrizio Mastrocola, coordinatore provinciale di Slow food – saranno presenti e attivi sabato 10 dicembre in una giornata di festa che animerà il nostro splendido centro storico: prodotti, produttori, artigiani, cooperative, osti, artisti e coproduttori si incontreranno nelle strade e nei vari locali per testimoniare il loro essere rete di territorio, affinché risulti evidente che tanti tasselli di ricchezza agricola e culturale possono diventare mattoni per costruire un mondo migliore dove il buono-pulito-giusto non sia solo un slogan ma diventi uno stile di vita”.

Ricchissimo il programma messo a punto dalla Condotta di Viterbo e Tuscia di Slow food per sabato 10 dicembre, con la collaborazione di produttori, esercizi commerciali e organismi non profit.

A partire dalle 12 e fino a tarda notte al Magnamagna con “Terra Madre Day con i produttori della Tuscia”, alla vineria con cucina TrediciGradi con “Alla scoperta di territori e tradizioni”, al Due Righe book bar con “Partecipare lentamente”, al Sub Rosa wine bar con “Produttori e Territorio”, al Laboratorio di ceramica Artistica con “Dalla terra … alla terracotta”, al Laboratorio del vetro Acquarubra: “Gusto in_forme”, al Forno Artigianpan con “Pane a lievitazione naturale”.

Oltre alle degustazioni enogastronomiche nel corso della giornata  sono previsti spettacoli teatrali in piazza e animazione con aquiloni per bambini,  incontri sull’integrazione sociale con le cooperative sociali La Fattoria di Alice e La Zaffa, concerto dal vivo di musica popolare, laboratori artigianali su ceramica e vetro.

“Vorrei sottolineare due momenti culturali della giornata – aggiunge Mastrocola – che credo avranno valenza strutturale per il nostro futuro: gli orti didattici e i presidi, progetti mondiali di Slow food che parlano di educazione sensoriale e biodiversità, adatti a costruire quel ponte immaginario che dovrà mettere in comunicazione il nuovo con il vecchio mondo, facendo riconoscere agli uomini e alle donne delle due sponde che appunto, mangiare è un atto agricolo e per questo accettare che le nostre diversità hanno radici comuni e sono in simbiosi con la terra madre”.

La manifestazione, organizzata da Slow food, è patrocinata dall’assessorato alla Cultura del Comune di Viterbo e dall’assessorato all’Agricoltura della Provincia di Viterbo. Si ringraziano per il sostegno la Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, Progetto Sviluppo Tuscia e Federlazio.

Per informazioni: Massimo Poleggi, fiduciario Condotta Slow Food di Viterbo (slowfood.condottavt@hotmail.it); Angelo Palombi, coordinatore esercenti e artigiani aderenti all’iniziativa (0761.305596).


Condividi la notizia:
9 dicembre, 2011

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR