Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Movimento degli Indignados del Pd - Interviene Claudio Settimi, segretario del circolo di San Martino e Tobia

Gli elettori si aspettano i fatti non le chiacchiere…

Condividi la notizia:

Riceviamo e pubblichiamo – Considerato che tutti i livelli del Pd viterbese hanno passato le feste di fine anno dilettandosi in un dibattito, attraverso i quotidiani locali, inerente appunto i privilegi della casta, in qualità di segretario politico del circolo Pd di San Martino al Cimino e Tobia, mi sento in dovere di intervenire, anche se a malincuore, in quanto ritengo più giusto che venga riportato il dibattito politico nelle sedi deputate, in contraddittori aperti e possibilmente con i cittadini che stanno soffrendo la crisi.

Non voglio fare i conti in tasca ai nostri politici né giudicare se i loro compensi siano congrui o meno, certo è che per come è stato gestito l’apparato dello stato italiano i nostri politici non devono aspettarsi un ringraziamento dai cittadini. Certo, sarà facile per molti fare dei distinguo, ma in generale il giudizio che si può dare sulla classe politica italiana è fortemente negativo, e la responsabilità maggiore va addebitata alle organizzazioni politiche. Prova ne è la strenua difesa di una legge elettorale impopolare che però permette ai vertici dei partiti politici di scegliere chi far eleggere.

Questo per dire che in una società ben gestita, dove lo stato non avesse accumulato un debito pubblico insopportabile, dove funzionasse la sanità, la giustizia, l’istruzione eccetera, gli attuali compensi dei parlamentari non sarebbero scandalosi.

Quello che appare scandaloso è che nel giro di pochi giorni si faccia un governo che prende misure economiche drastiche ricadenti immediatamente sulla popolazione, mentre i principali responsabili della crisi che attanaglia il Paese non sentano il bisogno di dare un piccolo contributo, che se dal punto di vista delle cifre in gioco sarebbe sicuramente irrilevante per le sorti dello stato Italiano, da un punto di vista morale potrebbe limitare perlomeno quella disaffezione verso la politica che ormai pervade una grossa fetta della popolazione.

E’ vergognoso che le misure restrittive prese sui compensi dei politici, saranno operative soltanto dopo la fine del mandato di coloro che le hanno approvate.

I circoli del Pd, come sicuramente quelli degli altri partiti politici, sono l’ultimo anello di congiunzione della politica con la cosiddetta società civile, è come tale ha con essa un contatto diretto. Bene, vi posso assicurare che per la mia esperienza mai come ora la gente si è allontanata dalla politica, anzi la politica si è allontanata dalla gente.

Come è possibile chiedere 20 euro per la tessera a un disoccupato, a un cassintegrato, a un pensionato che devono ingegnarsi ogni giorno per sopravvivere quando i nostri parlamentari, i nostri consiglieri regionali disquisiscono se compensi di 15mila euro mensili siano pochi o troppi.

Il vero nocciolo della questione è che la politica è diventata una professione e i politici, da veri professionisti, ormai si confrontano sulla possibilità di mantenere il loro posto di lavoro, sui compensi e sull’opportunità di passare da una formazione politica all’altra, magari anche durante il corso della legislatura. Scilipoti è soltanto uno dei tanti professionisti della politica, forse in questo più abile degli altri.

Il sassolino lanciato nell’acqua da Alvaro Ricci, Francesco Serra e altri ha suscitato tanto clamore e trovato tanto consenso nei circoli perché sintetizza gli umori del popolo del Pd, e probabilmente anche di elettori di altri partiti politici, nei confronti della cosiddetta “casta”, pertanto non va liquidato come una provocazione perché la gente (quelli che saranno gli elettori), aspetta fatti concreti, non risposte elusive.

Claudio Settimi
Segretario del circolo di San Martino e Tobia


Condividi la notizia:
10 gennaio, 2012

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR