--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

“Per non dimenticare” a Celleno

Condividi la notizia:

Riceviamo e pubblichiamo – Per il giorno della memoria, venerdì 27 gennaio alle 10,30, il Teatro Null, propone alla scuola media di Celleno “Per non dimenticare”.

Oggi più che mai c’è bisogno di ricordare. Oggi più che mai, quando i testimoni dell’olocausto stanno scomparendo, quando qualcuno potrebbe sostenere, come già è avvenuto, che tutto questo non è mai successo, c’è bisogno ti tenerci ben saldi al ricordo.

“Tutti coloro che dimenticano il loro passato, sono condannati a riviverlo”. Sono parole di Primo Levi e il senso del Giorno della memoria sta proprio in questo.

L’invito a non dimenticare è un forte monito a richiamare nella nostra mente, nella nostra anima, nel nostro cuore le stragi naziste, i genocidi nazisti, le bestiali efferatezze naziste, rivelatesi in tutta la loro cruenza in questo stesso giorno dell’ormai lontano anno 1945, quando l’Armata Rossa, durante la sua avanzata verso la città di Berlino, si imbattè nel campo di sterminio di Auschwitz.

E’ un giorno che serve per non dimenticare le immagini aberranti di esseri umani torturati, martoriati, barbaramente violentati e privati della loro stessa umanità, affinchè la coscienza, la nostra intolleranza, la nostra rabbia, urlino più forte dell’indifferenza verso quanto è accaduto e verso tutte le violenze che continuano a perpetrarsi su questa terra.

La giornata prevede letture da opere di Primo Levi, dalle lettere di Louise Jacobson, fiabe e leggende raccolte dall’antropologo Stephani e appartenenti ad una comunità ebraica dei Carpazi Rumeni, prima delle deportazioni in 5mila e dopo l’annientamento rimasti in non più di dieci, e ancora poesie, tante poesie di bambini morti nei campi di sterminio e testimonianze di persone diventate solo un numero.

Leggono Gianni Abbate e Danila Mele.

Info: 0761 948963 – 3471103270.

Teatro Null


Condividi la notizia:
25 gennaio, 2012

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR