--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Inchiesta Asl - Intervista ad Angelo Allegrini, prima segretario della Margherita e poi del Pd

“I bilanci del Pd controllati dai pm e regolari”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Angelo Allegrini

– “Bilanci e altri atti amministrativi del Pd furono controllati dalla Procura. Ma tutto, per quanto ne so, era regolare”. Il segretario prima della Margherita e poi del Pd, Angelo Allegrini, non si tira indietro e commenta tranquillamente e serenamente quanto è emerso dalle carte dell’inchiesta Asl.

Proprio nel momento di passaggio dalla Margherita al Pd, secondo l’accusa, l’allora direttore generale della Asl, Giuseppe Aloisio, avrebbe chiesto finanziamenti “per il partito di riferimento”. Partito di riferimento che all’inizio era la Margherita e poi è diventato il Pd. Va detto che gli eventuali finanziamenti ovviamente, se regolarmente registrati, sono del tutto leciti. La questione è tutta di opportunità politica, quindi. Si tratta anche di capire, se finanziamenti reali ci sono stati, a chi arrivassero e come.

Le risulta ci fossero finanziamenti alla Margherita o al Pd da parte di ditte che lavoravano per la Asl?

“A costo di apparire reticente – afferma Allegrini, ex segretario della Margherita e del Pd -, io non sono a conoscenza delle ditte che finanziavano la Margherita e il Pd. Per duplice ordine di motivi. L’organizzazione e i regolamenti interni riconducevano alla figura del tesoriere la gestione della parte economica del partito. Inoltre per scelta personale non ho mai voluto interessarmi di queste questioni.

Questo non significa però che la gestione economica non fosse democratica e controllata, perché annualmente il bilancio del Pd veniva vagliato ed approvato dall’assemblea provinciale. Non posso escludere che ci siano state ditte fornitrici della Asl che abbiano finanziato il Pd. Certo, se questo è avvenuto, deve essere avvenuto in maniera assolutamente contenuta. Visto che per tutto il periodo che ho fatto il segretario il partito ha sofferto una permanente penuria di fondi”.

Lei faceva parte della stessa corrente, quella fioroniana, a cui faceva riferimento Aloisio. Come è possibile che non sapesse nulla di eventuali finanziamenti di aziende che va sottolineato peraltro sarebbero stati del tutto regolari?

“Sul piano economico ho già risposto: non era il segretario a occuparsi della cosa. Specialmente nella Margherita, in cui il mio mandato si è concluso inaspettatamente dopo appena tre mesi dalla mia nomina. Sul piano politico non è un mistero per nessuno che il direttore Aloisio non era solito confrontarsi e discutere delle sue scelte. Tanto che i rapporti, non soltanto con il sottoscritto, non sono stati mai particolarmente confidenziali”.

Le risulta che ci siano stati controlli da parte della procura dei bilanci del Pd?

“Ho saputo dopo diverso tempo, quando non ero più segretario, che agenti mandati dalla procura avevano chiesto l’esibizione della documentazione amministrativa riguardante sia i bilanci che alcune manifestazioni e iniziative del Pd. Credo che il tutto risalga all’anno scorso. Per quanto mi consta non è stato trovato nulla di irregolare, tanto che, come dicevo, ne sono stato informato solo per caso, diverso tempo dopo”.

La documentazione a quali anni si riferiva?

“Credo a tutti gli anni di vita del Pd”.

E’ possibile vedere i vostri bilanci da parte di un cittadino?

“I bilanci sono consultabili da parte degli iscritti del partito. In ogni caso va detto che, se ci sono stati finanziamenti, questi sono stai effettuati in osservanza a tutte le norme di legge. E che non mi risulta pertanto che via stato nessun illecito all’interno del Pd e della Margherita, durante la mia gestione”.

I fatti contestati dalla procura fanno riferimento nella loro parte iniziale a presunti accordi con Aloisio e risalenti al periodo aprile/maggio del 2007, in quel momento di trasformazione esisteva ancora la Margherita?

“Debbo ripetere che io mi occupavo solo della parte politica. Lo ripeto perché da questo punto di vista l’attività della Margherita cessa a fine aprile 2007 con la deliberazione di scioglimento formale assunta dal congresso di Cinecittà. Dal punto di vista giuridico, come ampiamente reso noto la vicenda del tesoriere nazionale Lusi, i partiti ancorché sciolti continuano a vivere. Non solo la Margherita, ma anche i Ds, Forza Italia e Alleanza nazionale, continuano ad esistere dal punto di vista economico e a ricevere rimborsi dallo stato. Tutto ciò senza nessun controllo di tipo democratico”.

Cosa pensa di questa vicenda e in particolare della presunta richiesta di finanziamento di un partito da parte di un direttore generale della Asl?

“Non conoscendo gli atti non mi posso esprimere su una vicenda, che appare complessa e anche molto delicata. Da cittadino non posso che augurarmi che si tratti di una vicenda che possa essere chiarita dagli interessati. E nello stesso tempo confido anche che la magistratura faccia serenamente il suo lavoro in maniera tale che la verità emerga in in ogni caso”.


Condividi la notizia:
23 febbraio, 2012

Inchiesta Asl - Aloisio & Co. ... Gli articoli

  1. Finisce nel nulla il maxiprocesso Asl
  2. Assoluzioni e prescrizioni per Aloisio e Leoncini
  3. Maxinchiesta Asl, è il giorno della sentenza
  4. "Non c'era un sistema Moscaroli, ma un sistema Selvaggini"
  5. "Il Gruppo RoRi va assolto, perché gli Angelucci sono innocenti"
  6. "Pacifica la gestione accentratrice e autoritaria di Aloisio"
  7. Tangenti in cambio di appalti, chiesta condanna a 60mila euro
  8. Maxiprocesso Asl, chiesti tre anni e mezzo per Aloisio
  9. Ferdinando Selvaggini fuori dal maxiprocesso Asl
  10. "Gianlorenzo favoriva o danneggiava 'su richiesta' il politico o il manager di turno..."
  11. "Se ti fai arrestare dalla polizia, non ti rivolgo più la parola..."
  12. Nel maxiprocesso Asl irrompono le carte della "macchina del fango"
  13. "Gianlorenzo mi chiamava spesso, gli posso aver detto bravo..."
  14. Maxiprocesso Asl, l'ex comandante dei carabinieri Dell'Agnello in aula
  15. Aloisio, tre assoluzioni e una pioggia di prescrizioni
  16. "Aloisio, non fu concussione"
  17. "Aloisio voleva salvare i posti di lavoro"
  18. Mauro Paoloni fuori dal maxiprocesso Asl
  19. "Una tangente per ogni lavoro affidato"
  20. Il maxiprocesso Asl perde pezzi
  21. "Mai chiesto nulla, mai terrorizzato nessuno"
  22. Aloisio interrogato per tre ore
  23. "Trentamila euro in tre anni al partito"
  24. "Bisogna sostenere il partito"
  25. La morte lenta del processo Asl
  26. Maxiprocesso Asl, a giugno parla Aloisio
  27. "Paoloni? Non sapevamo che era un pezzo grosso..."
  28. "La tessera della Margherita? Non ce l'avevo nemmeno io..."
  29. Paoloni interrogato in aula per tre ore
  30. "Direttore amministrativo? Solo con la tessera della Margherita..."
  31. "Soldi per il Pd, me li chiese Selvaggini"
  32. "Tangenti, tutti sapevano che ero ricattato"
  33. Asl, i pm: "Falsa testimonianza"
  34. Pagavano tangenti in ritardo... cacciati
  35. "Casa di cura di Nepi, 27 milioni di euro in quattro anni"
  36. "Aloisio ordinava e Selvaggini dava di matto"
  37. "Tangenti a metà con Selvaggini"
  38. Quintarelli: "Fioroni mi volle alla segreteria di Aloisio"
  39. "Con la tessera della Margherita farai carriera..."
  40. Aloisio e Paoloni, la difesa: "Nessun fatto concreto"
  41. "Vita impossibile a chi ostacolava Aloisio e Paoloni"
  42. "Quattro ore chiuso nel portabagagli per arrestarli..."
  43. "Con Aloisio? Non ci potevamo vedere"
  44. Scuola Aureart, raccolta firme per non farla chiudere
  45. Abbott e Cittadella, prime accuse in prescrizione
  46. Quel parere "anomalo" sull'Aureart...
  47. Trecentomila euro dalla Asl all'Aureart
  48. Maxiprocesso Asl, fuori l'associazione Caponnetto
  49. La difesa di Aloisio: Daga chi?
  50. Asl, una notifica ingolfa il processo
  51. Maxi processo Asl, giudici incompatibili
  52. Maxi processo Asl già bloccato in partenza
  53. Maxi inchiesta Asl, tutti rinviati a giudizio
  54. "Aloisio non ha preso un euro"
  55. Maxi inchiesta Asl, parola ancora alle difese
  56. Inchiesta Asl, l'indagato Bianchini parla in aula
  57. Asl, le difese: Dov'è la corruzione?
  58. Ventinove richieste di rinvio a giudizio
  59. Inchiesta Asl, riuniti i due filoni
  60. Inchiesta Asl, l'udienza salta per una consulenza
  61. Inchiesta Asl, valanga di eccezioni
  62. Maxi inchiesta Asl, se ne parla tra un mese
  63. Maxi inchiesta Asl, rinvio annunciato
  64. Maxi inchiesta Asl, slitta l'udienza
  65. Maxi inchiesta Asl, al via l'udienza preliminare
  66. Maxi consulenze Asl, danno da 6,5 milioni
  67. Maxi inchiesta Asl, tutti davanti al gup
  68. Inchiesta Asl, 23 richieste di rinvio a giudizio
  69. Sì all'immobile al posto dei conti
  70. Richieste di arresto, nessun ricorso in Cassazione
  71. "Ora si riconosca l'infondatezza delle accuse"
  72. Respinte le richieste di arresto per Aloisio & Co.
  73. Il Gruppo Ro.Ri. pagherà i lavoratori
  74. Gruppo Ro.Ri., stato d'agitazione e due ore di sciopero
  75. Richieste di arresto per Aloisio & co, i giudici si riservano
  76. Inchiesta Asl, oggi l'udienza per le richieste d'arresto
  77. "Dissequestrate i conti degli Angelucci"
  78. Oltre quattro ore di interrogatorio
  79. Aloisio di nuovo dai pm
  80. Carcere per Aloisio & co., a giorni la decisione
  81. Paoloni interrogato per oltre quattro ore
  82. Aloisio interrogato dai pm per sei ore
  83. Richieste di arresto per Aloisio & Co., se ne parla a maggio
  84. Centro diabetologico, disposto il sequestro
  85. Centro diabetologico, i giudici ci pensano
  86. Selvaggini cambia avvocato
  87. Centro diabetologico, la decisione è vicina
  88. Inchiesta Asl, Ceccarelli dai pm
  89. Anche Aloisio vuole essere ascoltato dai pm
  90. Paoloni chiede di essere interrogato
  91. Un immobile al posto dei conti
  92. "Ci sono stati contributi della Isa al Pd"
  93. Un'inchiesta pesante e complessa
  94. Inchiesta Asl, spuntano richieste di finanziamenti per Margherita/Pd
  95. Asl, chiuso il secondo filone d'indagine
  96. Gli Angelucci chiedono di pagare i fornitori
  97. Una truffa da oltre 20 milioni di euro
  98. "Il centro diabetologico garantisce il servizio"
  99. Chiesto il sequestro del centro diabetologico
  100. Appalti in cambio di consenso politico
  101. "Chiederemo di essere interrogati"
  102. Asl, 19 gli indagati
  103. Chiusa l'inchiesta Asl
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR