--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Rosario Bentivegna presenta “Senza fare di necessità virtù”

Condividi la notizia:

– La presentazione del libro “Senza fare di necessità virtù. Memorie di un antifascista” fissata per il 4 febbraio al Biancovolta, è stata posticipata all’Upte sabato 11 alle 17 a causa del maltempo.

A parlare del volume  Silvio Antonini (Presidente Anpi Cp Viterbo), Davide Conti (storico, fondazione Lelio Basso, sezione internazionale) , Michela Ponzani (storica, coautrice della pubblicazione). Prevista la partecipazione dell’autore.

Nato in una nobile famiglia siciliana impegnata nelle lotte per il Risorgimento, Rosario Bentivegna è protagonista (e testimone) di alcuni momenti cruciali della storia d’Italia del Novecento. In un confronto serrato con la storica Michela Ponzani (e attraverso documenti inediti tratti dal suo archivio personale), l’autore racconta di sé e delle scelte che hanno segnato la sua vita: dall’attività clandestina antifascista negli anni ’30, alla decisione di aderire al Pci dopo l’8 settembre 1943, dalla Resistenza nei Gap a Roma fino al ruolo di comandante partigiano sui Monti Prenestini, dietro il fronte tedesco di Cassino.

Bentivegna prosegue la sua lotta al fascismo internazionale in Jugoslavia come vice-commissario politico della IV Brigata della divisione partigiana Garibaldi. Nel 1949, l’inizio della vicenda processuale per l’azione di Via Rasella, compiuta a Roma il 23 marzo 1944 e il bisogno di confutare sempre e con efficacia le calunnie e le menzogne diffuse su quell’avvenimento e sulla strage delle Fosse Ardeatine.

Il dopoguerra è scandito da un’intensa stagione di lotte politiche e sociali vissute attraverso la professione di medico e la militanza nel Pci: sono gli anni delle battaglie per la prevenzione sanitaria negli ambienti di lavoro, dell’attentato a Togliatti e degli arresti di militanti comunisti ad opera della polizia di Scelba. Tra i ricordi di una vita, la crisi ungherese del ’56, la scelta di non abbandonare il Pci, i viaggi nelle fabbriche dell’Urss e nell’Europa dell’est, fino all’impegno internazionale a fianco della Resistenza greca durante il “regime dei colonnelli”.

Nel 1985 la decisione di uscire dal Pci per i profondi dissensi con la linea del partito:«Avevo scelto di essere un comunista nel 1938 perché volevo essere libero, vivere nella democrazia; volevo la pace, la giustizia sociale». Così scrive a suggello di un impegno per i valori di libertà e democrazia durato tutta una vita.


Condividi la notizia:
2 febbraio, 2012

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR