Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tuscania presenta “La parola e la scena”

Condividi la notizia:

Sabato 11 febbraio sarà presentato “La parola e la scena. Conversazioni con dieci drammaturghi contemporanei e una testimonianza di Toni Servillo” di Silvana Matarazzo. L’evento si svolgerà a Tuscania nella ex chiesa di Santa Croce alle 18, con ingresso libero.

Presenteranno Ennio Cavalli, Giuseppe Mafridi, Ninni Cutaia, con interventi di Marcello Sambati, Silvana Barbarini. L’introduzione sarà a cura di Giovanna Perugini (assessore alla Cultura), Enio Staccini (biblioteca di Tuscania), Maria Rita Fiasco (presidente Assotuscania).

Una breve ricognizione sulla situazione della drammaturgia italiana, dai primi anni Ottanta fino ai tempi più recenti: questo il contenuto del libro “La parola e la scena” di Silvana Matarazzo, la cui presentazione è in programma sabato prossimo a Tuscania, organizzata da Assotuscania con il patrocinio dell’assessorato alla Cultura del Comune in collaborazione con la Biblioteca comunale, e con l’intervento di autori e critici teatrali di rilievo nazionale.

Con la prefazione di Antonio Audino, il testo ripercorre alcuni passaggi importanti di questa evoluzione attraverso le conversazioni con dieci drammaturghi: Manlio Santanelli, Franco Scaldati, Ugo Chiti, Enzo Moscato, Giuseppe Manfridi, Edoardo Erba, Antonio Tarantino, Spiro Scimone, Emma Dante, Letizia Russo, riportando la memoria ad alcuni degli spettacoli più belli della scena contemporanea italiana anche con l’aiuto di splendide fotografie.

Conversando con questi grandi autori, attori e registi, Silvana Matarazzo ricostruisce i percorsi di una scrittura teatrale che ha saputo fondere testo e messa in scena, riuscendo a rinnovarsi costantemente sia per le scelte linguistiche che per gli argomenti. Il libro così concorre così a “fare la storia” del nostro teatro d’autore, consegnandone e custodendone l’esperienza e la testimonianza degli stessi protagonisti.

La testimonianza di Toni Servillo, infine, arricchisce l’angolo di visuale del libro, portando l’esperienza di un artista che da anni dedica attenzione a testi che affondano le loro radici nella tradizione teatrale partenopea e fornisce un ulteriore contributo alla comprensione delle scelte che hanno portato all’affermazione di un teatro italiano rigoroso e necessario, un teatro che a giusta ragione può essere definito classico.

Silvana Matarazzo ha iniziato a occuparsi di teatro come attrice frequentando il Centro per la sperimentazione e la ricerca teatrale di Pontedera. Laureata in Lettere, giornalista professionista, ha collaborato con la cattedra di Storia della Letteratura moderna e contemporanea a Roma Tre e ha condotto numerose rubriche di spettacolo per Radio Rai dove attualmente lavora.

“La parola e la scena” (ed. Zona) è il suo secondo libro, dopo “Teatri a Roma fra storia e contemporaneità” (Intra Moenia, Napoli 2004).

Ninni Cutaia – Operatore teatrale, direttore del Mercadante Teatro Stabile di Napoli dal 2002 al 2007. Direttore Generale dell’Eti dal 2007 al 2010. Attualmente dirigente Mibac.

Giuseppe Manfridi – Premio Franco Enriquez 2010 “per l’intera produzione drammaturgica” – scrittore, sceneggiatore, autore teatrale. Tra i suoi testi più famosi si ricordano “Teppisti”, “Giacomo, il prepotente”, “Ti amo Maria!”, “Ultrà”, portato sullo schermo da Ricky Tognazzi, “Anima bianca”, insignito del Premio IDI, e “Dieci partite”, in tournée in molti teatri italiani.


Condividi la notizia:
8 febbraio, 2012

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR