Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - L'arrestato ha patteggiato dieci mesi, con la condizionale

Dà un calcio in bocca a un poliziotto

Condividi la notizia:

Un'aula del Palazzo di Giustizia viterbese

Un'aula del Palazzo di Giustizia viterbese

Calcio in bocca a un poliziotto, l’arrestato patteggia.

Ha patteggiato dieci mesi con la condizionale il 40enne arrestato sabato per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

I poliziotti erano stati chiamati dalla titolare di un bar al quartiere Pilastro, a Viterbo. La donna chiedeva il loro aiuto perché il suo ex, visibilmente agitato, era entrato nel locale con fare minaccioso.

Questa mattina, al processo per direttissima, l’uomo ha spiegato di voler parlare con la sua ex per una denuncia da lei sporta nei suoi confronti. Nella discussione si sarebbe intromesso, però, l’attuale compagno della donna. Da qui, la lite, prontamente sedata dai poliziotti, che lo hanno portato fuori dal bar.

Il 40enne avrebbe iniziato a sbraitare e scalciare, colpendo uno degli agenti a un labbro a un ginocchio. Ha continuato, poi, a dare in escandescenze anche in Questura, dove avrebbe lievemente danneggiato una parete in cartongesso e colpito ripetutamente una porta a vetri.

Arrestato per lesioni, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, è comparso questa mattina in tribunale per essere giudicato con rito direttissimo. Al giudice Rita Cialoni, avrebbe detto di essere dispiaciuto e di voler chiedere scusa agli agenti.


Condividi la notizia:
12 marzo, 2012

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR