Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Sfumata la fiera, il Comune lancia il bando per attirare risorse economiche

AAA imprenditori cercasi per investire alla Volpara

Condividi la notizia:

Giulio Marini

Giulio Marini

Claudio Ubertini

Claudio Ubertini

– Sfumato il progetto di un polo fieristico in zona, il Comune rimette in gioco la Volpara.

Intanto i 38 ettari dove la fiera doveva nascere, ma sono cento in totale a disposizione d’imprenditori privati (ma il pubblico non è escluso), che abbiano idee e voglia d’investire a Viterbo. Obiettivo, creare nuova occupazione.

“Partiamo dai 38 ettari – spiega il sindaco Marini – perché già oggetto di variante. I rimanenti, se arriveranno proposte mirate a dare occupazione sopratutto giovanile, valuteremo”.

La zona è di particolare interesse. “Vicina alla Trasversale – osserva Marini – per questo, nel caso in cui dovessero arrivare progetti imprenditoriali interessanti, coinvolgeremo anche la Regione”. Anche per eventuali varianti.

Il bando per la richiesta di manifestazione d’interesse è di fatto operativo, prima sul sito del Comune, quindi diffondendo in maniera più capillare l’informazione, anche partecipando a fiere specifiche.

Come trasferire i terreni sarà valutato al momento opportuno. Vendita, cessione, locazione, aperti a ogni ipotesi. “Non è quello il punto. Non ci stiamo muovendo – continua Marini – per arricchire le casse del Comune vendendo, vogliamo portare imprese sul territorio, creando sviluppo”.

Idee imprenditoriali ce ne possono essere molte. “Alla Volpara – spiega l’assessore all’Urbanistica Claudio Ubertini – oltre a esposizioni e mostre mercato, potrebbero trovare posto centri multimediali, di promozione e valorizzazione dei prodotti locali, ma anche iniziative culturali, logistica. Le iniziative possono essere tante”. Un outlet o anche un complesso alberghiero. Più difficile prevedere termalismo in zona.

L’acqua non c’è e quella del Paliano è stata già concessa dalla Regione a un altro imprenditore che ha chiesto un ampliamento della concessione, non essendo sufficiente quella a disposizione.


Condividi la notizia:
6 aprile, 2012

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR