- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

Chi vuole uccidere Descartes?

Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]

[3]

René Descartes (Cartesio)

– Va ribadito che tutte le ipotesi di reato, sono appunto ipotesi, che la procura ha l’onere di provare. E quindi anche le ipotesi di reato per cui è indagata l’assessora regionale Angela Birindelli, concorso in tentata estorsione e corruzione, sono nulla più che ipotesi di reato. Come sono ipotesi di reato quelle che vedono indagati due giornalisti locali. Tradotto: tutti superinnocenti in questo momento.

Ma appare strano che nel momento in cui un’inchiesta della procura tenta di fare chiarezza su una vicenda dai risvolti che, se veri, sono nauseabondi, scatta la “disinformatia“.

E la disinformatia assume nel tempo di queste indagini preliminari sul caso Birindelli varie forme. Un’arte raffinata quella della disinformatia, che solo attenti discepoli di Hegel possono capire e praticare fino in fondo.

Prima mossa: buttare tutto in politica. Come dire le ipotesi di reato non esistono, esiste solo una scaramuccia politica.

Non basta. Si tenta poi di spostare l’attenzione dalle ipotesi di reato concrete ai dettagli secondari. Questioni di dubbia veridicità. Questioni inesistenti. E poi la battuta: Ma so’ ragazzi…si sa che sono così e colà.

Non basta ancora: spunta un’ulteriore strategia. Si passa al “così fan tutti”. E per far questo si mischiano cose perfettamente regolari e cose su cui la magistratura indaga. Giornali inesistenti e giornali veri. Si spacciano per scoop cose che sono pubbliche. Insomma: evvai con l’immondizia che viene sollevata. E se sotto l’immondizia ci va a finire anche chi tenta di fare correttamente il suo mestiere… meglio. L’importante è rispettare l’imperativo categorico: disinformare per mostrarsi abili difensori d’ufficio, magari non richiesti.

Ieri è andata in onda un’altra puntata della macchina della disinformatia. Qualcuno, che si è sbracciato per affermare che la “Birindelli ha ragione”, ha fatto lo “scoop” e ha “svelato” che Tusciaweb ha una convenzione con il consiglio regionale del Lazio e in base a questa introita 10mila euro. Salvo poi dimenticarsi di scrivere che Tusciaweb fornisce un servizio basato su una serie consistente di redazionali, pubblicati a ritmo quasi quotidiano e che tutti possono leggere e vedere, che informano 30mila lettori sulle attività del consiglio.

Un servizio pagato assai poco.

Ma l’importante era dire che “così fan tutti” e la “Birindelli ha ragione”. Accipicchia. Acciderbolina. Poffarbacco.

Ovviamente ci si è dimenticati di andare a vedere quanto il proprio giornale percepisca tra contributi statali e agevolazioni. Ma accipicchia, son cose che capitano. E crediamo non si tratti di diecimila euro. La cosa importante è che: “ha ragione la Birindelli”.

Nulla di nuovo sotto il sole, come dice l’Ecclesiaste. Solo il tentativo, non nuovo, di gettare discredito su chi tenta di fare al meglio il proprio mestiere. Che non è quello di gettare fango ma di dare notizie, quando ci sono. Non prima che le cose accadano.

Quello che rattrista, di tutto questo verminaio da cui ci allontaniamo volentieri, è che qualcuno voglia uccidere il grande Descartes (Cartesio). Sì, avete capito bene: qualcuno vuole uccidere definitivamante il guerriero e filosofo Descartes. Uccidendo in via definitiva le “idee chiare e distinte”. Mischiando le carte, sovrapponendo i piani, creando confusione ad hoc, sollevando polvere e immondizia per non far vedere cosa sta davvero accadendo.

E di nuovo come dice un grande artista: povera patria.

Carlo Galeotti

Ps: Il pensiero di Descartes è patrimonio dell’umanità, non solo per la parte matematica e metafisica, ma soprattutto per una delle opere più immaginifiche e dense di creatività del pensiero scientifico come i Principia philosophiae. Dio salvi il pensiero di Descartes dalla barbarie che avanza.


Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]
  • Tweet [4]
  • [1]
  • [2]