Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civita Castellana - La lettera aperta del sindaco Gianluca Angelelli

Ma l’opposizione controlla prima di criticare?

Condividi la notizia:

Il sindaco di Civita Castellana Gianluca Angelelli

Il sindaco di Civita Castellana Gianluca Angelelli

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta del sindaco Angelelli all’opposizione – Cari membri dell’opposizione,

ma quando cambierete? Quando inizierete a pensare un po’ al bene comune piuttosto che ai vostri interessi politici? Non è che non ho voglia di rispondervi, non sia mai, ma è disarmante dovervi dire alcune cose.

Ma è possibile che non sappiate che fare opposizione vuole dire essere e sentirsi coinvolti nella gestione del bene comune? Insomma, non sarà il caso che veniate, di tanto in tanto in Comune a capire come vanno le cose, invece di scrivere sciocchezze a raffica?

Ma veniamo a quanto chiedete.

L’ex ospedale Andosilla secondo voi cade a pezzi perché da giugno 2009 io ho dismesso la manutenzione.

La scuola media, cari membri dell’opposizione, si è trasferita dal primo settembre 1999 e l’edificio è stato abbandonato dall’allora amministrazione comunale, cioè quella di centrodestra.

Allora il possesso e la possibilità di investirci sopra erano del Comune. Oggi non più. Eppure siete così attenti!

Non avete conoscenza che ad agosto 2009 la Regione ha chiesto la riconsegna di quell’ immobile? Cosa che abbiamo fatto, mettendolo a disposizione.

E non vi siete accorti che nel dicembre 2011 la Corte dei conti, nell’ambito di una procedura aperta verso la Regione, ha chiesto ancora la consegna?

Cosa che abbiamo ribadito: fine delle competenze del nostro Comune. In sostanza, cari membri dell’opposizione, la manutenzione fino ad agosto 2009, spettava al comune, come pure l’uso. Da allora non più, quindi non utilizzo soldi dei cittadini su un bene non loro e che non possono utilizzare.

Sono atti pubblici, amici miei, volete che sposti l’immobile di peso presso Zaganella, così chi vi guida vi fa fare qualche accesso agli atti?

Che c’entra poi Belcolle con l’ex Andosilla, dove c’era una scuola? Facciamo casino tanto è meglio?

Anzi, mettiamoci dentro pure i parcheggi e la camorra, sui quali ‘sto sindacaccio non dice niente! Magari perché c’è il segreto istruttorio, c’è una prescrizione della Prefettura che chiede di non divulgare notizie. Ma tant’è.

Comunque state sereni, se faceste un passaggio in comune vi direi che è stata applicata la legge, che la società indagata è stata estromessa, che sono stati presi gli atti conseguenti, è tutto nero su bianco.

Che faccio per convincervi, do in gestione la nuova farmacia alla società incriminata? Magari così vi informate.

E il Centro commerciale naturale? Sono spariti 150mila euro. Davvero una notizia da prima pagina. Non è che la destinazione delle risorse è stata decisa dalla precedente amministrazione di centrodestra?

Eppure io mi sono limitato a prenderne atto, mi sembrava l’aveste voluta con tanto ragionamento e non ho voluto metter bocca sul lavoro dell’ex maggioranza, solo per rispetto, non certo perché lo condividessi.

E invece avete ragione voi, dovevo cambiare quelle scelte, perché almeno avreste potuto contestare meglio.

Pensate che dei 150mila euro concessi, la Regione ne ha inviati solo la metà e gli altri sono stati anticipati dal comune (ops, dai cittadini che debbono riaverli). Esiste una relazione sulle cose fatte, quelle scelte dal centrodestra intendo. E’ agli atti qui in comune, ma se è necessario la porterò a Pipino in località Zanganella, lì almeno correreste a vederla.

Comune di Civita Castellana


Condividi la notizia:
5 aprile, 2012

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR