--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Los Angeles - Con l'arrivo negli Usa inizia ufficialmente la manifestazione che sarà inaugurata il 30 maggio

Italian operafestival, parte l’avventura

di Paola Pierdomenico
Condividi la notizia:

I giovani musicisti durante le prove

I giovani musicisti durante le prove

Il maestro Stefano Vignati durante il viaggio

Il maestro Stefano Vignati durante il viaggio

Valeria Monacelli del Tuscia operafestival

Valeria Monacelli del Tuscia operafestival

Claudio Ferri del Tuscia operafestival

Claudio Ferri del Tuscia operafestival

I giovani musicisti durante le prove

I giovani musicisti durante le prove

– Italian operafestval, parte l’avventura (fotoracconto).

L’aereo Alitalia è partito da Fiumicino alle 9,15 del 23 maggio. Sul volo oltre cinquanta persone. Un pezzo di cultura italiana che si sposta oltreoceano per promuovere la tradizione artistica di un paese.

Un lungo viaggio durato un giorno, attraversando i cieli di mezzo mondo e sorvolando paesaggi diversi: dai ghiacci della Groenlandia alle montagne rocciose del Canada. Fino all’arrivo all’aeroporto di Los Angeles.

Percorrendo le ampie strade a dodici corsie sulla 405, la delegazione ha raggiunto in pullman Aliso Viejo a 47 miglia (87 chilometri) dalla città degli angeli.

Proprio qui si trova il quartier generale del Tuscia operafestival in cui tutto viene attentamente organizzato in vista dell’inaugurazione dell’evento americano del 30 maggio.

Giusto un po’ di riposo e due ali di pollo da Buffalo wild wings accompagnate da un gigante hamburger e patatine fritte ed già tempo di mettersi all’opera.

I giovani musicisti dell’orchestra diretta dal maestro Stefano Vignati hanno iniziato le prove.

Circondati dagli strumenti per diverse ore al giorno eseguono i brani del concerto di apertura “Funny… we are born!” (Buffi si nasce!”) con il basso baritono Bruno Praticò.

Il direttore d’orchestra li segue passo passo e con grande attenzione consiglia continuamente i suoi ragazzi.

In contemporanea, i giovani stanno preparando anche dei brani per un flash-mob in programma la sera del 25 maggio alle 19 (le 3 del 26 in Italia) al South Coast Plaza, uno dei centri commerciali più lussuosi al mondo.

L’evento ha lo scopo di sensibilizzare la vendita dei biglietti del festival il cui ricavato andrà per metà in favore della Beckstrand cancer foundation per la lotta contro il cancro.

Paola Pierdomenico


Condividi la notizia:
25 maggio, 2012

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR