Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Un 19enne e un 20enne a giudizio per detenzione ai fini di spaccio di marijuana

Presi con un chilo e mezzo di droga, condannati

Condividi la notizia:

B.F.R.Y. del '92

B.F.R.Y. del '92

D.L.R.L. del '93

D.L.R.L. del '93

La marijuana sequestrata

La marijuana sequestrata

La marijuana sequestrata

La marijuana sequestrata

Presi con un chilo e mezzo di droga, condannati (fotocronaca).

Erano stati arrestati il mese scorso con un chilo e mezzo di marijuana. Ieri mattina, la condanna per entrambi: a due anni per il 19enne D.L.R.L. e a due anni e otto mesi per l’amico 20enne B.F.R.Y..

Entrambi incensurati e di origini sudamericane, furono fermati e perquisiti il 21 aprile dalla squadra mobile. Gli agenti li avevano sorpresi nel quartiere Santa Barbara (Viterbo) mentre lasciavano dei pacchetti in un giardino.

Quei pacchetti si sono poi rivelati dosi di marijuana. In totale, dopo aver perquisito le abitazioni dei due, i poliziotti ne hanno trovata più di un chilo e mezzo, per un valore di 15mila euro.

Per i due ragazzi sono scattate le manette. Due giorni dopo, il processo per direttissima e la conferma della custodia cautelare in carcere da parte del giudice di Viterbo Gaetano Mautone. L’udienza era stata rinviata a ieri mattina.

Per i due ragazzi, giudicati con rito abbreviato, l’accusa aveva chiesto quattro anni di reclusione. Ma il giudice, applicando le attenuanti generiche, ha condannato a due anni il più piccolo e a due anni e otto mesi il più grande. Il 19enne, difeso da Claudia Caporossi, è a piede libero, avendo potuto beneficiare della condizionale. L’altro è stato, invece, riportato in carcere per scontare la pena. Il suo avvocato Eleonora Spagnuolo ha avanzato un’istanza di revoca del carcere e sostituzione con gli arresti domiciliari. Il giudice si è riservato. La decisione arriverà nei prossimi giorni.


Condividi la notizia:
24 maggio, 2012

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR