Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Blitz Lions - Usura, furto e ricettazione - Completamente libero Claudio Pezzini

Revocato l’obbligo di firma per l’antiquario

Condividi la notizia:

Claudio Pezzini, 58enne

Claudio Pezzini

– Revocato l’obbligo di firma per Claudio Pezzini.

L’antiquario 58enne di Bolsena coinvolto nel blitz Lions, è tornato completamente libero. Delle 11 persone arrestate nel settembre scorso, Pezzini era l’unico ancora gravato da provvedimenti restrittivi.

Gli altri sono a piede libero da mesi e per sei di loro la vicenda si è già chiusa in fase di indagini, o con l’archiviazione o con il patteggiamento. Tra questi c’è anche lo stesso Pezzini, che ha patteggiato due anni e dieci mesi a marzo.

La richiesta di revoca dell’obbligo di firma era stata avanzata la scorsa settimana dal suo avvocato, Vincenzo Dionisi. Il gip Franca Marinelli l’ha accolta ieri mattina.

L’antiquario fu arrestato a settembre 2011 per ricettazione, furto e usura. L’indagine che fece scattare il blitz e gli 11 arresti partì proprio da Pezzini, vittima di una presunta estorsione insieme al nipote (anche lui arrestato, ma la cui posizione è stata archiviata).

Gli accertamenti dei militari svelarono presunti prestiti con interessi di tasso usurario, erogati da Pezzini a un imprenditore in forti difficoltà economiche.

Lo stesso antiquario avrebbe eseguito un furto in un appartamento di Bolsena, in concorso con una delle persone arrestate. I preziosi rubati, secondo le indagini dei carabinieri, erano stati ricettati, insieme a 15 chili di argenteria provento di un altro furto, commesso nel Reatino.

Quanto all’accusa di ricettazione, mossa a Pezzini e ad altri quattro indagati, riguarderebbe, invece, le opere d’arte trovate dai militari nelle perquisizioni del 16 ottobre 2010: il busto reliquiario ligneo di San Dioniso, rubato nel 1933 al Comune di Valfabbrica (Perugia) e i due leoni in porfido che danno il nome all’operazione, trafugati nel 2009 al Real Collegio di Lucca. Il loro valore si aggira intorno ai 700mila euro.

Tra i destinatari delle misure cautelari in carcere, Pezzini è stato l’ultimo a uscire di cella. L’antiquario ha lasciato Mammagialla il 3 dicembre. Fino a febbraio è rimasto ai domiciliari. Infine, l’obbligo di firma, revocato ieri.

Gli altri cinque sono ancora in attesa della fissazione della prima udienza del processo, davanti al giudice del tribunale di Viterbo.


Condividi la notizia:
1 maggio, 2012

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR