Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Ugo Sposetti (Pd) lo chiede in una interrogazione al ministro della Giustizia sui due processi

Salviamo Cev e Mensopoli dalla prescrizione

Condividi la notizia:

Ugo Sposetti

Riceviamo e pubblichiamo l’interrogazione di Ugo Sposetti al ministro della Giustizia – Premesso che
il 17 aprile 2012 alcuni quotidiani della provincia di Viterbo, nell’ambito dei processi derivanti dall’inchiesta sul Cev, la società partecipata del Comune di Viterbo e quella denominata Mensopoli, relativa all’appalto di refezione scolastica nello stesso Comune di Viterbo, pubblicavano la notizia che le udienze di due processi, in corso di celebrazione al tribunale di Viterbo, già previste per quello stesso giorno, erano state rinviate a causa dell’assenza per malattia del magistrato.

Premesso che dagli stessi organi di informazione si apprendeva che i due processi, per numero di imputati e risalenza temporale delle condotte contestate, rischiano seriamente di estinguersi senza giungere ad accertare le responsabilità degli imputati per decorso del termine di prescrizione e che

i reati contestati riguardano ipotesi di particolare gravità tra le quali concussione, corruzione, turbativa d’asta e false fatturazioni, ovvero reati che qualora effettivamente accertati avrebbero arrecato un rilevante pregiudizio economico alla pubblica amministrazione.

Appare indispensabile assicurare un ordinato svolgimento e una rapida definizione dei predetti processi, affinché siano accertate le effettive responsabilità degli imputati e la pubblica amministrazione sia posta in grado di recuperare quanto eventualmente sottratto all’erario.

Si chiede
in quale modo e con quali criteri per quanto di propria competenza il ministro in indirizzo intenda procedere affinché le udienze presso il tribunale di Viterbo possano svolgersi con celerità ed efficacia, così da garantire una effettiva tutela degli interessi delle pubbliche amministrazioni eventualmente pregiudicate.

Si chiede quali tempestivi e risolutivi interventi, compresa una specifica iniziativa ispettiva per verificare il pieno e corretto funzionamento del tribunale di Viterbo, il ministro interrogato intenda adottare per far cessare una situazione che all’interrogante appare inaccettabile tenuto conto della gravità dei reati contestati e della eventuale necessità da parte dell’erario di recuperare le somme indebitamente sottratte alla pubblica amministrazione.

Ugo Sposetti
Parlamentare Pd


Condividi la notizia:
29 maggio, 2012

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR