--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il gruppo dell'Udc in Comune interviene dopo il botta e il risposta tra Marini e Moscherini

Terme, il sindaco dorme

Condividi la notizia:

Paolo Barbieri

Paolo Barbieri, capogruppo dell'Udc in Comune

Riceviamo e pubblichiamo – Il futuro della città di Viterbo dipende molto da quanto si riuscirà a investire sul termalismo, con progetti ambiziosi e attuabili in relazione alle risorse naturali presenti sul nostro territorio, ed ecco perché il gruppo dell’Udc ritiene estremamente importante mantenere la discussione sul piano politico alla luce del “botta e risposta” tra il sindaco Marini e Moscherini, sindaco di Civitavecchia.

Mentre quest’ultimo ha già un piano d’azione ben definito, tanto da ipotizzare l’inaugurazione del “polo termale civitavecchiese” tra circa tre anni, esibendo una prova inconfutabile della sua audacia politica, spiace dire, invece, che sulla questione, il nostro Giulio Marini, da una parte vigila con un occhio aperto ma, dall’altro, dorme sonni tranquilli; in poche parole, vogliamo dire che, in quanto presidente del partito di Civitavecchia, probabilmente adotta una certa diplomazia per non disturbare più di tanto i cugini marinari, mentre per il rilancio e l’implementazione del termalismo della sua città, con questo occhio dorme o, perlomeno, si gongola con sterili proclami con i quali espone un progetto termale ancora piuttosto sbiadito.

Infatti, vantarsi oggi del recupero della ex Terme Inps e dell’impegno profuso dall’amministrazione comunale in questo senso, è semplicemente fallace, così come è del tutto incomprensibile lo stallo che ancora paralizza il progetto termale dell’ex Oasi, entrambi importanti settori di un “polo termale” che, a conti fatti, ha preso vita soltanto nei sogni dei viterbesi.

Pertanto, al sindaco Marini che spera un progetto condiviso con Civitavecchia per la realizzazione di un “indotto termale” capace di soddisfare le esigenze di tutti, consigliamo di armarsi di coraggio ed intraprendenza affinché, in sede di consiglio comunale, si possa definire un valido e prioritario percorso di interventi tesi al recupero ed alla piena fruibilità delle risorse termali presenti nella Tuscia, prima che la dinamicità di Moscherini e di altri Sindaci affossino per sempre l’idea di “Viterbo città termale”.

 

I consiglieri comunali dell’Udc
Paolo Barbieri
Maurizio Tofani
Goffredo Taborri
Livio Treta
Roberto Talotta


Condividi la notizia:
1 maggio, 2012

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR