--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Fioroni (Pd) ospite in Rai precisa: no alle unioni, sì al riconoscimento dei diritti

“I matrimoni gay non sono previsti dalla Costituzione”

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

Giuseppe Fioroni

(g.f.) – No ai matrimoni gay perché non sono previsti dalla Costituzione.

Ospite della trasmissione radiofonica Rai Un giorno da pecora, Giuseppe Fioroni, deputato Pd, precisa la sua posizione su un argomento che ha fatto molto discutere.

Io credo – dice rispondendo ai conduttori e all’ospite in studio, Marco Travaglio – che la maggioranza degli italiani non condivida il matrimonio gay, ma condivida il riconoscimento dei diritti. Sono d’accordo per riconoscerli e stiamo studiando lo strumento adatto”.

Quindi precisa meglio. “Due omosessuali che convivono sono liberi di farlo – continua Fioroni – è giusto che abbiano i loro diritti riconosciuti”.

Ma non possono sposarsi. “Perché nella Costituzione vigente – continua Fioroni – c’è un articolo che definisce cos’è il matrimonio e cos’è la famiglia e se non cambiamo la Costituzione, questo non c’è. I diritti sono un altro discorso, perché un altro articolo li prevede.

Se c’è una maggioranza del Paese che vuole cambiare la Costituzione, io dico il mio parere e mi adeguo, ma siccome oggi la maggior parte del Paese condivide quella vigente, io credo che vada rispettata”.

Tutto è nato da una proposta del segretario nazionale Pd Bersani. Se si dovesse andare verso il riconoscimento dei matrimoni fra gay, Fioroni si era detto pronto a candidarsi alle primarie.

“In politica mai dire mai, ma spererei di non dovermi candidare – dice ancora Fioroni – spero di poter votare per Bersani e un progetto che mi convinca”.

Bersani le unioni civili, però le vuole. “Un conto sono le leggi per i diritti – incalza Fioroni – altra cosa sono i matrimoni. Credo che il matrimonio gay non ero convinto prima e non sono convinto oggi che sia la cosa da dover fare.

Riconoscere i diritti delle coppie a qualunque titolo conviventi credo invece che sia argomento che afferisca alla democrazia”.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
15 giugno, 2012

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR