Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Los Angeles - A Pico House le celebrazioni per la festa del 2 giugno con il concerto dell'orchestra del Tuscia operafestival

Presto un museo italo-americano

di Paola Pierdomenico
Condividi la notizia:

Pico House a Los Angeles

Pico House a Los Angeles

Le celebrazioni a Pico House

Il concerto dell'orchestra

Marini consegna il Leone di Viterbo al console

Marini consegna il Leone di Viterbo al console

Il general consul of Italy Giuseppe Perrone

Il general consul of Italy Giuseppe Perrone

Le celebrazioni a Pico House

Le celebrazioni a Pico House

Clarissa Burt

Clarissa Burt

Il general consul of Italy Giuseppe Perrone

Il general consul of Italy Giuseppe Perrone

Il sindaco di Viterbo Giulio Marini e la moglie Emanuela Appolloni

Il sindaco di Viterbo Giulio Marini e la moglie Emanuela Appolloni

Lo stand di Ferrarini

Le celebrazioni della festa del 2 giugno a Pico house

– “Siamo tutti italiani” (fotoracconto).

E’ questo il messaggio emerso dalla serata in onore del 2 giugno al palazzo di Pico House di Los Angeles. Le celebrazioni della festa della Repubblica chiudono la trasferta oltreoceano del Tuscia operafestival.

America e Italia di nuovo insieme nel segno della cultura e delle tradizioni. Gli inni nazionali di entrambi i paesi hanno dato il via alle celebrazioni.

A presentare la serata, l’attrice e modella Clarissa Burt che ha introdotto i diversi interventi, tra cui quello del general consul of Italy Giuseppe Perrone.

“La festa della Repubblica – ha detto Perrone – è una delle celebrazioni più significative dell’Italia. Sono felice di poterlo condividere con voi”, ha detto rivolgendosi ai presenti.

Il console ha voluto poi ricordare le vittime dell’Emilia, la regione italiana sconvolta dal terremoto. “Prima di iniziare la serata – ha aggiunto – vorrei osservare un minuto di silenzio in memoria delle vittime emiliane e pregare per chi soffre. E’ un paese in cui tanta gente lavora per produrre il meglio d’Italia. Ora è sconvolto dalla recente tragedia e la gente sta cercando di tornare alla normalità”.

Quest’anno la festa della Repubblica si sposta dalla terrazza della Ucla (università of California, Los Angeles). “All’inizio Pico era un hotel italiano e per la prima volta quest’anno, festeggiamo qui il 2 giugno per l’importanza che questo luogo ha nella tradizione del nostro paese”.

La zona di Pico ha inoltre una forte impronta multiculturale con una massiccia presenza messicana nell’area intorno all’edificio in cui sono sparse bancarelle che vendono sombrero e simboli della tradizione culturale.

Perrone ha anche annunciato l’apertura di un italian-american museum nella Italian hall, proprio di fronte all’edificio.

Dunque il discorso del sindaco di Viterbo Giulio Marini accompagnato dall’assessore comunale alla Cultura Enrico Maria Contardo e da quello provinciale alle Politiche sociali Paolo Bianchini.

Ringrazio il console per la solidarietà dimostrata all’Italia – ha esordito -. Stasera siamo qui per essere uniti e celebrare il nostro paese. Vogliamo trasmettere la nostra vicinanza e stima all’America.

Siamo qui con il Tuscia operafestival che ha iniziato una serie di manifestazioni sul territorio rafforzando il legame tra i due paesi”.

Il primo cittadino ha poi donato al console il leone simbolo di Viterbo, invitandolo a visitare la città dei Papi.

E’ arrivato quindi il momento della musica. L’orchestra del Tuscia operafestival, diretta dal maestro Stefano Vignati, ha eseguito l’ouverture dal Barbiere di Siviglia e la sinfonia di Don Pasquale.

Tra gli applausi è arrivato il momento della cena a base di prodotti tipici italiani: dalla burrata al prosciutto crudo, dal grana padano all’aceto balsamico di Modena.

Molti gli ospiti famosi erano presenti alla manifestazione, tra loro anche l’attore di Beautiful, Sean Kanan (Deacon Sharpe) che si è congratulato con il sindaco Marini per le bellezze di Viterbo, dicendo di averla già visitata tre volte.


Condividi la notizia:
3 giugno, 2012

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR