Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Casa dolce casa - Obbligo di firma per il dipendente arrestato ad aprile

Tangenti alloggi popolari, revocati i domiciliari a Iezzi

Condividi la notizia:

Antonio Iezzi

Ugo Vizzini

Il pm Paola Conti

Il pm Paola Conti

Niente più arresti domiciliari per Antonio Iezzi.

Il dipendente dell’Ater, arrestato nell’inchiesta sulle tangenti per far occupare alloggi popolari, ha ottenuto la misura più leggera dell’obbligo di firma.

L’istanza avanzata nei giorni scorsi dal suo avvocato Roberto Massatani è stata accolta ieri.

Per Iezzi, le manette scattarono la mattina del 18 aprile, nel blitz congiunto di carabinieri e finanza “Casa dolce casa”.

L’indagine, però, era cominciata almeno due mesi prima. Partita dalla denuncia di una donna che disse di aver ricevuto una richiesta di denaro per vedersi assegnata una casa popolare.

Ne emerse quella che per il pm Paola Conti è un’associazione a delinquere finalizzata alla concussione. E dalla Procura partirono le prime misure cautelari: obbligo di firma dal 29 febbraio per il 23enne Cesare Cataldi, presunto addetto a sfondare le porte degli alloggi occupati, e domiciliari dal 21 marzo per Ugo Vizzini, ex responsabile del Sicet (Sindacato inquilini case e territorio), accusato di aver reclutato gli inquilini disperati, disposti anche a pagare per avere una casa.

Iezzi fu il terzo. L’unico per il quale si sono aperte le porte del carcere. Anche se lui professa dall’inizio la sua totale innocenza e tutta Capranica lo conosce come un uomo onesto, di saldi principi e di grande fede.

Gli inquirenti lo accusano di aver approfittato del suo impiego all’Ater per segnalare gli appartamenti liberi e quindi occupabili.

E’ possibile che il dipendente Ater, ora cautelativamente sospeso dal servizio, possa doverne parlare di nuovo con il pm Paola Conti che, poche settimane fa, aveva convocato in Procura Vizzini per un interrogatorio.

La seconda parte del colloquio non si è mai svolta, per dare modo al nuovo avvocato dell’ex sindacalista di studiare il fascicolo ed elaborare una propria linea difensiva. Non è escluso che la seconda tranche possa svolgersi nelle prossime settimane. Magari in confronto con Iezzi.

 

 


Condividi la notizia:
5 giugno, 2012

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR