--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Gli assalitori portavano le magliette di CasaPound - Tra loro è stato riconosciuto Gianluca Iannone leader del movimento - Non sarebbero gravi le condizioni dell'organizzatore di Caffeina che ha dichiarato: "E' stata una scena e un gesto folle di un mondo lontanissimo da noi"

Filippo Rossi vittima di una aggressione squadrista

di Carlo Galeotti

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Le volanti della polizia a San Pellegrino

Gianluca Iannone

Filippo Rossi

Filippo Rossi

La polizia a San Pellegrino

La polizia a San Pellegrino

La sede di caffeina dove è avvenuta l'aggressione

– Filippo Rossi, animatore, ideatore e organizzatore di Caffeina, è stato aggredito questa notte intorno all’una.

L’aggressione squadrista è avvenuta all’interno della sede di Caffeina a San Pellegrino (fotocronaca). Si sarebbe trattato di una vera e propria spedizione punitiva partita dalla capitale.

La squadraccia di estrema destra era composta da una decina di persone, diversi dei quali con la maglietta col simbolo di CasaPound. Quattro di loro sono entrati nella sede di Caffeina, dove c’erano Rossi e alcuni ragazzi. Dopo una discussione, uno degli squadristi ha sferrato un pugno allo zigomo di Rossi che, una volta caduto a terra, è stato anche raggiunto da un calcio di un altro aggressore. Sarebbero state distrutte anche delle suppellettili, tra cui un porta bicchieri.

Altri due componenti della squadra di aggressori, intanto, impedivano ai volontari di Caffeina di entrare nella loro sede.

Tra gli squadristi è stato riconosciuto, da Rossi e decine di altre persone, Gianluca Iannone leader di CasaPound, che si sarebbe addirittura presentato alla sua vittima.

E ‘ stato proprio lui a sferrare il pugno o il manrovescio. Insomma, un colpo al volto dell’ideatore di Caffeina.

Iannone avrebbe detto a Rossi che gli voleva parlare. Avrebbe iniziato a inveire contro di lui per le prese di posizione contro CasaPound. Subito dopo il colpo in faccia.

Dopo la violenta aggressione il gruppo si è allontanato indisturbato.

Sul posto sono arrivati due volanti della polizia. Filippo Rossi è stato trasportato a Belcolle per essere curato. Non sembra abbia riportato lesioni gravi. Solo un occhio gonfio.

A piazza San Pellegrino al momento dell’aggressione c’erano centinaia di persone. Ci sono stati attimi di paura, soprattutto perché non si capiva cosa stesse accadendo.

In tarda nottata Filippo Rossi ha sporto formale denuncia in questura per quella che appare una vera e propria spedizione punitiva fascista partita dalla capitale.

E’ stata una scena e un gesto folle – afferma Filippo Rossi all’uscita dal pronto soccorso -. La cosa più brutta è che è stata invasa la sede di Caffeina, un luogo di allegria, in cui si dà vita a cose belle. Un luogo dove c’erano ragazzi di appena quindici anni.

Il mio primo pensiero va proprio ai volontari di Caffeina. Alcuni hanno addirittura cercato di reagire. Un mondo lontanissimo ci ha invaso e aggredito. Questa è la sensazione più sgradevole”.

Carlo Galeotti


Condividi la notizia:
14 luglio, 2012

Aggressione a Filippo Rossi ... Gli articoli

  1. Aggressione neofascista a Filippo Rossi, confermata la condanna al leader di CasaPound
  2. Pugno del leader di Casapound a Filippo Rossi, fu vera violenza
  3. "Schiaffo futurista" a Filppo Rossi, il leader di Casapound ricorre contro la condanna
  4. Fu un pugno futurista, condannato il leader di Casapound
  5. "Le minacce di Iannone? Non mi fanno paura"
  6. "Sconcertati, tuteleremo l'incolumità di Rossi"
  7. "Rossi sarebbe da schiaffeggiare di nuovo..."
  8. Schiaffone futurista, santa Rosa fa il miracolo
  9. "Quante storie per uno schiaffone futurista"
  10. "Schiaffone futurista? Non ricordo..."
  11. "Persone vestite di nero venivano da via San Lorenzo..."
  12. Schiaffone futurista a Filippo Rossi, continua il processo
  13. "Filippo ha vacillato ed è caduto..."
  14. Aggressione a Filippo Rossi, al via il processo
  15. Aggressione a Filippo Rossi, Iannone a giudizio
  16. "A Casa Pound nessuno spazio gratuito dal Comune"
  17. Il Comune vieti ogni spazio pubblico a CasaPound
  18. "Esiste anche la violenza delle parole"
  19. "Un'aggressione che lascia un segno"
  20. Il digrigno di chi aggredisce...
  21. Fnsi: "Rossi paga il prezzo di un percorso professionale originale"
  22. Scolamiero: "Rammaricata per questo grave episodio"
  23. Tofani: "Gesto inqualificabile e ingiustificabile"
  24. Consulta provinciale studentesca: "Isolate CasaPound"
  25. Miralli: "Siamo indignati"
  26. Merlani: "Un'azione da condannare senza appello"
  27. Giovane Italia, Udc giovani e Gd: "Deplorevole raid intimidatorio"
  28. Anselmi: "I violenti restino fuori"
  29. Giovani democratici: "La città si fermi per un'ora"
  30. Arci: "Basta sostegno a CasaPound"
  31. I lettori vicini a Filippo Rossi
  32. Sposetti: "Servivano più controlli"
  33. Gli organizzatori: "Caffeina non si ferma"
  34. Mancini: "I responsabili vanno perseguiti e puniti"
  35. Aggressione a Filippo Rossi, indaga la Procura
  36. Torricelli: "Condanniamo con forza quanto accaduto"
  37. Giovani comunisti: "Ora le istituzioni ne prendano atto"
  38. Gasbarra: "La politica condanni questa violenza"
  39. Salatto: "Un gesto di disperazione"
  40. Fortuna: "Per loro un suicidio politico"
  41. Iannone: "Solo uno schiaffone futurista"
  42. Egidi: "Queste non sono ragazzate"
  43. Santini: "Un'azione inqualificabile"
  44. Parroncini: "Le istituzioni isolino Casa Pound”
  45. "Sei un traditore"
  46. Polverini: "Una violenza ingiustificabile"
  47. Barelli: "Adesso aggrediteci tutti"
  48. Futuro Tuscia: "Un vile e inutile gesto"
  49. Fli: "Un atto barbaro e violento"
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR