--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Giallo di Gradoli - Le immagini della villetta di Paolo Esposito, condannato all'ergastolo per l'omicidio della convivente Tatiana e della figlia Elena, sotto sequestro dal 2009 - Ieri la rimozione dei sigilli

La casa dei misteri tre anni dopo

di Stefania Moretti
Condividi la notizia:

Enrico Esposito e il comandante dei carabinieri di Gradoli Agostino Marigliano

Enrico Esposito e il comandante dei carabinieri di Gradoli Agostino Marigliano

La villetta di via Cannicelle

La villetta di via Cannicelle

Sedie rovesciate in giardino

Sedie rovesciate in giardino

Il balcone perde pezzi

Il balcone perde pezzi

Una delle tante ragnatele

Una delle tante ragnatele

I libri di Elena sparsi sul pavimento

I libri di Elena sparsi sul pavimento

Il contenuto di una credenza rovesciato a terra

Il contenuto di una credenza rovesciato a terra

– Armadi aperti. Sedie rovesciate. Soprammobili a terra, tra bottiglie e tazze rotte.

La villetta di via Cannicelle è un campo di battaglia che esibisce i suoi cadaveri. Dentro, non c’è più un oggetto che stia al suo posto (fotoracconto).

Dal 2009, nessuno era più entrato in casa di Paolo Esposito, se non per qualche rapido sopralluogo.

L’ok al dissequestro è stato dato qualche giorno fa, su richiesta degli avvocati dell’elettricista condannato all’ergastolo per l’omicidio della convivente Tatiana e della figlia Elena. Ieri, i carabinieri di Gradoli hanno tolto i sigilli al cancello.

Lo spettacolo è spettrale. Casa Esposito è divorata da erbacce e rovi. Le mura grigie del villino un tempo abitato da Paolo, Tatiana e le loro figlie, si intravedono appena dalla strada. Tra il cancello e la casa c’è un tappeto di vegetazione intricata. Gli arbusti si annodano. Graffiano. Sono trappole per le gambe. Si passa solo con gli stivali di gomma.

L’erba selvatica, alta e ingiallita dall’estate, cresce ovunque. Sbuca dalle fognature. Spacca persino il cemento del cortile.

I genitori di Paolo Esposito si guardano intorno sconsolati. Fuori è tutto secco. Dentro è anche peggio.

Sul pavimento c’è di tutto: bicchieri, libri, scatole di biscotti, un servizio da tè in frantumi. L’effetto è quello di una villa a soqquadro dopo un furto. Solo il forte odore di chiuso e la polvere ricordano che quella casa è come morta. Vuota. Disabitata da più di tre anni, con tutti i suoi inquilini lontani. Paolo è in carcere con l’accusa di aver ucciso Tatiana ed Elena. La loro figlia minore, l’unica nata dalla loro relazione (Elena nacque da un precedente matrimonio di Tania), è a Bologna, affidata a un tutore. Casa Esposito contiene il passato di tutti e quattro. I libri di Elena, i vestiti di Tania. Tutto quel che resta della loro vita a Gradoli fino al 30 maggio 2009, quando madre e figlia spariscono. Uccise, forse, proprio nella cucina di quella villetta, dove c’era il sangue di Tatiana.

Tra tutte, la cucina è la stanza più in ordine. Quasi spoglia. Con una parete foracchiata, dopo che la scientifica, per analizzare le tracce sull’intonaco, ne ha portato via dei pezzi. Alla finestra manca la tenda, contrariamente a tutte le altre stanze della casa. Un dato che ha fatto sospettare fin dall’inizio che fosse stata usata per pulire la scena del delitto. Ma per Esposito e i suoi legali, è da qualche parte, in casa. E da un armadio al pian terreno ne spunta una. Per la madre di Paolo è proprio la tenda della cucina, ma il suo avvocato Enrico Valentini è più cauto. Bisogna controllare.

Il coprisedia in garage, invece, secondo Valentini, è proprio quello che l’accusa pensava fosse stato fatto sparire perché sporco di sangue. E’ su una pila di sedie nere di polvere, adagiato tra le ragnatele.

Il sopralluogo dura un’ora e continua pochi metri più avanti. In via Piave. Nei locali dell’ex circolo An, di proprietà degli Esposito. I carabinieri tolgono i sigilli e vanno via. E’ una stanza sola. Piccola. Niente a che vedere con la villetta a tre piani di via Cannicelle 46.

Di quella casa, ora, gli Esposito non sanno che farne. I loro avvocati pensano a un eventuale sopralluogo del generale Luciano Garofano, loro consulente tecnico al processo di primo grado, finora mai entrato nella villetta. Gli Esposito la faranno sicuramente rimettere a posto. Forse la venderanno, non hanno ancora deciso. Di una cosa, però, sono certi: non vogliono andare ad abitarci e mai ci andranno.

Stefania Moretti


Condividi la notizia:
17 luglio, 2012

Dossier Gradoli ... Gli articoli

  1. Tatiana ed Elena Ceoban svanite nel nulla da dieci anni
  2. Ospitalità e lavoro ad Ala Ceoban, tre indagati sono di Tarquinia
  3. Ala Ceoban, quattro denunce per favoreggiamento
  4. Rimpatriata Ala Ceoban, appello a Salvini per farla tornare in Italia
  5. Giallo di Gradoli, Ala Ceoban vuole la protezione internazionale
  6. Ala Ceoban potrebbe evitare l'espulsione...
  7. "Le dichiarazioni di Ala Ceoban riguardano il giallo di Gradoli"
  8. Ala Ceoban, oggi si decide se resta in Italia
  9. Ala Ceoban "parla" e il giudice congela l'espulsione
  10. "Perché tanti ostacoli? Io voglio restare in Italia"
  11. Era per tutti "Ala del pub"...
  12. Ala Ceoban tradita da un trasferimento di soldi
  13. Giallo di Gradoli, trovata Ala Ceoban
  14. "Ala Ceoban via dall'Italia, il crimine compiuto è stato efferato"
  15. "La procura chieda a Esposito le cose che non ha detto"
  16. "Non so cosa sia successo a Tatiana ed Elena, ma voglio sapere dove sono"
  17. "O è innocente o Totò Riina è un dilettante"
  18. Franca Leosini intervista Paolo Esposito a Storie maledette
  19. Ala Ceoban fa causa allo stato
  20. Giallo di Gradoli, morta Elena Nechifor
  21. Paolo Esposito: "Il lavoro mi ha salvato"
  22. Ala Ceoban fuori dal carcere
  23. La Cassazione: Colpevoli senza via d'uscita
  24. "Combatteremo perché Esposito veda sua figlia"
  25. "Basta con i condizionali: Paolo ha ucciso Tatiana ed Elena"
  26. Giallo di Gradoli, confermato l'ergastolo per Paolo Esposito
  27. Giallo di Gradoli, la sentenza slitta al 26 novembre
  28. Giallo di Gradoli, lunga attesa per la sentenza
  29. Giallo di Gradoli, è l'ora della Cassazione
  30. Paolo Esposito lotta per la figlia
  31. Ala Ceoban non lascia il carcere
  32. Ala Ceoban non è uscita dal carcere
  33. Ultimo mese di carcere per Ala Ceoban
  34. Accusati di aver plagiato un testimone, assolti gli Esposito
  35. "Non smettiamo di cercarle"
  36. "Fa' le cose per bene perché io ti ammazzo..."
  37. Giallo di Gradoli, fissata l'udienza in Cassazione
  38. "L'ennesima crudeltà contro Esposito"
  39. "Ala stanca e depressa"
  40. Ergastolo a Esposito, la difesa: sentenza da annullare
  41. La procura generale: Fu omicidio premeditato
  42. "Tatiana calunniata anche da morta"
  43. Processo agli Esposito, battaglia su un video
  44. E' il giorno dei genitori di Paolo Esposito
  45. Dissequestrata la casa di Paolo Esposito
  46. Inizia il processo agli Esposito
  47. "La madre di Ala e Tatiana è sollevata"
  48. Ala: "Otto anni inaccettabili, sono innocente"
  49. "Paolo Esposito è distrutto"
  50. La Procura: "Accolto l'impianto accusatorio"
  51. Gradoli, confermato l'ergastolo per Esposito
  52. Gradoli, i giudici si ritirano per la decisione
  53. Gradoli, la difesa di Ala parla per sei ore
  54. Gradoli, la difesa: "Esposito va assolto"
  55. Gradoli, parti civili: "Sia confermata sentenza primo grado"
  56. Giallo di Gradoli, la parola agli avvocati
  57. Gradoli, chiesti di nuovo due ergastoli
  58. Giallo di Gradoli, parte il processo d'appello
  59. Un anno fa l'ergastolo a Esposito e Ala Ceoban
  60. Giallo di Gradoli, chieste quattro perizie
  61. Giallo di Gradoli, nuove richieste istruttorie della difesa
  62. "Il dolore è tanto e non passa mai..."
  63. Oggi Tatiana avrebbe compiuto 39 anni
  64. Gradoli, inizia il processo d'appello
  65. "Ma quale omicidio premeditato?"
  66. "In quella casa non c'è stato nessun omicidio"
  67. Gradoli, pronti i ricorsi in appello
  68. Chiusa l'inchiesta sugli Esposito
  69. Duplice omicidio, si cerca nel lago
  70. Incerta la dinamica del delitto
  71. Motivazioni, Valentini: "Gravi omissioni"
  72. Sgonfiato il mistero della cartellina gialla
  73. Sangue in cucina, la prova dell'omicidio
  74. Una storiaccia "triste, piena di odio e rancore"
  75. Gradoli, depositate le motivazioni della sentenza
  76. Il tempo non ci faccia dimenticare di Tatiana ed Elena
  77. Due anni fa sparivano Elena e Tatiana
  78. Io un po' di paura ce l'ho...
  79. Il dolore non è monopolio di Elena Nekifor
  80. Vi siete dimenticati di Elena e Tatiana
  81. Paolo, disperato e in lacrime ma combattivo
  82. Una sentenza dura come la pietra
  83. "Giustizia è fatta"
  84. "Abbiamo fatto il possibile e l'impossibile"
  85. Video - L'avvocato di Ala: Faremo appello
  86. Video - Mi aspettavo una assoluzione
  87. Video - Paolo e Ala increduli
  88. Video - Il dolore della madre di Ala e Tatiana
  89. Video - Gradoli - Ergastolo per Ala e Paolo
  90. Video - "Un'affermazione di verità e giustizia"
  91. Processo Gradoli, ergastolo per Paolo e Ala
  92. Fermento in aula per la sentenza
  93. Processo Gradoli, sentenza rinviata a domani
  94. Processo Gradoli, ore contate per la sentenza
  95. "Nessuna certezza che Ala sia colpevole"
  96. Riprende il processo Gradoli
  97. Un amore ossessivo, un odio cieco...
  98. Chiesto l'ergastolo per Paolo e Ala
  99. Video - Ala, in lacrime, racconta il carcere
  100. Video - Paolo: "Ho mentito per rivedere mia figlia"
  101. Spunta il "terzo amore" di Tatiana
  102. Il muro della cucina non ha subito alterazioni
  103. Sangue sul pick-up, nominati i periti
  104. Giallo di Gradoli, nuovi avvisi di garanzia
  105. Maria Esposito colta da malore
  106. Gradoli - Colpo di scena in aula
  107. Avviso di garanzia per i genitori di Esposito
  108. Tania aveva paura di essere avvelenata
  109. Il caso Gradoli sbarca a Mattino Cinque
  110. "Le tracce potrebbero essere state cancellate"
  111. Parte il processo Gradoli
  112. Paolo Esposito aveva una relazione con la sorella di Tatiana
  113. Mamma e figlia svanite nel nulla
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR