--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Aggressione a Filippo Rossi - Antonello Ricci racconta il raid di CasaPound a Caffeina

Il digrigno di chi aggredisce…

di Antonello Ricci
Condividi la notizia:

Le volanti della polizia a San Pellegrino

Gianluca Iannone

Filippo Rossi

Filippo Rossi

La polizia a San Pellegrino

La polizia a San Pellegrino

La sede di caffeina dove è avvenuta l'aggressione

Abbiamo chiesto ad Antonello Ricci di raccontare l’aggressione squadrista a Filippo Rossi. Antonello è prezioso perché vede quello che spesso noi non vediamo. E’ un po’ come la riserva che si tira fuori quando accade qualcosa che appare incredibile ed inspiegabile. Lui poi quella sera c’era… – Voglio essere sincero.

Questa è una di quelle volte in cui vorresti poter dire: io non c’ero.

O, se c’ero, ero girato dall’altra parte (fotoracconto della sedicesima giornata) .

E invece c’ero.

E ho visto.

In centinaia abbiamo visto.

Tutta una piazza piena.

Tutta una piazza di gente attonita e impotente.

Basta un pugno di secondi.

Sotto il portico di piazza San Pellegrino.

Vedo Filippo girare l’angolo.

Mi sfila accanto.

Mi sfiora, ma non mi guarda.

Guarda fisso davanti a sé. Sbircia di fianco a tratti.

Poi vedo quelle magliette, appena dietro e intorno a lui.

Vedo le loro acconciature.

Vedo i loro occhi.

Li vedo.

Un’onda strana poi, come un brivido, una ola di gente e nervi sull’uscio della segreteria di Caffeina.

Adesso tutta la piazza guarda col naso in su.

E allora anch’io alzo lo sguardo.

E sullo “schermo” di quella finestrella: il tafferuglio.

Mani che spintonano, qualcuno prova a interporsi, a proteggere.

Una gran confusione.

Non si capisce molto, ti sembra tutto nitido come in un rallenty e invece tutto corre. Maledettamente corre.

Come in un film muto: bocche si muovono, ma non si sentono parole.

Solo che stanotte non danno le comiche.

I volti, quelli sì: ciascuno fissato nella propria essenza.

Il digrigno di chi aggredisce.

La smorfia costernata di chi subisce.

Oltracotanza e angoscia.

Istanti che non so se scorderò.

Poi il branco di aggressori si allontana dal lato opposto della piazza. Ostenta tutta la sua ferocia, tutto il suo disprezzo.

Domani i protagonisti rivendicheranno pubblicamente lo “schiaffo futurista”.

(Chi è che scrisse: “Marinetti? Un cretino con qualche lampo d’imbecillità”).

A icona dei loro raid squadristici invocheranno quel grande poeta americano.

Chissà che cosa ne pensa lui, nella sua tomba di San Michele a Venezia.

Poveri poeti, povera letteratura.

La brutalità fisica è solo squallida e umiliante prosa.

La madre di tutte le verità, stanotte, è questa: vittime impaurite e spettatori impotenti, torniamo a casa più poveri, più infelici.

Quanto dureremo ancora?

Se avessi i soldi, lo giuro, stanotte me ne volerei in qualche paradiso d’oltreoceano, mi chiuderei in qualche dorato esilio.

Ma non ho soldi.

E neanche posso dimettermi da italiano, giuro che lo farei.

Così resto. E faccio l’unica cosa che so fare: scrivo e racconto. Per quel che può valere: scrivo e racconto…

Come in un sogno.

Ma un fotogramma vero, di qualche giorno fa.

Io e il mio amico Ugo Corsi siamo seduti a piazza delle Erbe.

Prendiamo un caffè con Moni Ovadia. Ospite di Caffeina.

Lui, “l’ebreo che ride”, elegantissimo. Vestito di lino bianco, scarpe a due colori (stile anteguerra). In testa, l’immancabile kippah. Un profilo e uno sguardo che ti trapassano gioiosamente: intelligenza e umanità fatte persona.

È un attimo.

Alle sue spalle, sbucando da via Roma, incedono per la piazza con aria tribale e insolente.

Quelle stesse magliette. Quelle stesse acconciature. Quegli stessi occhi.

Loro non vedono la kippah di Moni.

Lui non vede loro.

Tangenza mancata.

Ma stàtene certi: se oggi fossi Man Ray sarebbe uno scatto leggendario.

Il sorriso di Moni Ovadia, a Viterbo, sullo sfondo del branco.

Anche per questo voglio bene a Filippo.

E gli dico, grazie.

Antonello Ricci


Condividi la notizia:
15 luglio, 2012

Aggressione a Filippo Rossi ... Gli articoli

  1. Pugno del leader di Casapound a Filippo Rossi, fu vera violenza
  2. "Schiaffo futurista" a Filppo Rossi, il leader di Casapound ricorre contro la condanna
  3. Fu un pugno futurista, condannato il leader di Casapound
  4. "Le minacce di Iannone? Non mi fanno paura"
  5. "Sconcertati, tuteleremo l'incolumità di Rossi"
  6. "Rossi sarebbe da schiaffeggiare di nuovo..."
  7. Schiaffone futurista, santa Rosa fa il miracolo
  8. "Quante storie per uno schiaffone futurista"
  9. "Schiaffone futurista? Non ricordo..."
  10. "Persone vestite di nero venivano da via San Lorenzo..."
  11. Schiaffone futurista a Filippo Rossi, continua il processo
  12. "Filippo ha vacillato ed è caduto..."
  13. Aggressione a Filippo Rossi, al via il processo
  14. Aggressione a Filippo Rossi, Iannone a giudizio
  15. "A Casa Pound nessuno spazio gratuito dal Comune"
  16. Il Comune vieti ogni spazio pubblico a CasaPound
  17. "Esiste anche la violenza delle parole"
  18. "Un'aggressione che lascia un segno"
  19. Fnsi: "Rossi paga il prezzo di un percorso professionale originale"
  20. Scolamiero: "Rammaricata per questo grave episodio"
  21. Tofani: "Gesto inqualificabile e ingiustificabile"
  22. Consulta provinciale studentesca: "Isolate CasaPound"
  23. Miralli: "Siamo indignati"
  24. Merlani: "Un'azione da condannare senza appello"
  25. Giovane Italia, Udc giovani e Gd: "Deplorevole raid intimidatorio"
  26. Anselmi: "I violenti restino fuori"
  27. Giovani democratici: "La città si fermi per un'ora"
  28. Arci: "Basta sostegno a CasaPound"
  29. I lettori vicini a Filippo Rossi
  30. Sposetti: "Servivano più controlli"
  31. Gli organizzatori: "Caffeina non si ferma"
  32. Mancini: "I responsabili vanno perseguiti e puniti"
  33. Aggressione a Filippo Rossi, indaga la Procura
  34. Torricelli: "Condanniamo con forza quanto accaduto"
  35. Giovani comunisti: "Ora le istituzioni ne prendano atto"
  36. Gasbarra: "La politica condanni questa violenza"
  37. Salatto: "Un gesto di disperazione"
  38. Fortuna: "Per loro un suicidio politico"
  39. Iannone: "Solo uno schiaffone futurista"
  40. Egidi: "Queste non sono ragazzate"
  41. Santini: "Un'azione inqualificabile"
  42. Parroncini: "Le istituzioni isolino Casa Pound”
  43. "Sei un traditore"
  44. Polverini: "Una violenza ingiustificabile"
  45. Barelli: "Adesso aggrediteci tutti"
  46. Futuro Tuscia: "Un vile e inutile gesto"
  47. Fli: "Un atto barbaro e violento"
  48. Filippo Rossi vittima di una aggressione squadrista
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR