--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Domenico Merlani: “L’associazione dovrà ricoprire un ruolo centrale per lo sviluppo"

Unindustria, Stirpe presenta squadra e programma

Condividi la notizia:

Maurizio Stirpe

Maurizio Stirpe, presidente designato di Unindustria

Il programma di Unindustria

Il programma regionale di Unindustria

Riceviamo e pubblichiamo – Il presidente designato di Unindustria Maurizio Stirpe ha presentato nella riunione di giunta riunitasi giovedì 26 luglio e presieduta da Aurelio Regina, gli indirizzi generali, il programma di attività per il quadriennio 2012-2016 e la squadra che lo affiancherà per il prossimo biennio. Un programma denso, molto aderente alle esigenze e alle indicazioni espresse dalle imprese associate durante le consultazioni svolte dai tre saggi nel mese di giugno nel vasto territorio dell’associazione, la seconda territoriale di Confindustria per numero di soci che oggi rappresenta ben 3400 aziende, di cui 81% piccole e medie imprese e il 19% grandi imprese, per 240 mila dipendenti.

L’associazione sarà chiamata ad operare in un quadro economico regionale incerto con un calo del Pil regionale dell’1% nel 2012, con un tasso di disoccupazione che nel primo trimestre dell’anno ha raggiunto il 10,5% e con un drastico rallentamento dell’accesso al credito per le imprese. Unindustria dovrà poi agire in un un quadro politico ed istituzionale regionale in continua evoluzione con la prevista soppressione delle provincie di Rieti, Viterbo e Latina e la costituzione di Roma come Città metropolitana.

Il programma del presidente Maurizio Stirpe parte da un primo fondamentale obiettivo quello di mettere Unindustria al centro dell’economia del Lazio non solo come modello di best practice per il processo di semplificazione e razionalizzazione che ha attuato al suo interno, ma anche come punto di riferimento autorevole che sappia disegnare una nuova politica industriale per rilanciare lo sviluppo e la competitività dell’economia regionale attraverso il superamento degli squilibri economici e territoriali.

Promuovere, quindi, l’integrazione tra manifattura e servizi di tutti i territori, avviare i contratti di rete e politiche distrettuali e realizzare le infrastrutture prioritarie sono alcuni tra gli obiettivi di medio termine su cui basare un nuovo progetto di sviluppo della Regione, in cui convivono eccellenze da sostenere – come il polo farmaceutico, aeronautico e dell’ICT – potenzialità da valorizzare – come audiovisivo, turismo, porti e aeroporti – ed aree da rivitalizzare, come Civita Castellana, e da riconvertire come la Valle del Sacco.

Stirpe ha posto al centro del suo programma anche la realizzazione del processo di integrazione di Unindustria con l’adesione di Confindustria Latina, così da poter superare l’attuale modello policentrico e favorire sempre di più la complementarietà tra Roma e gli altri territori. La ripresa del Lazio dovrà quindi muoversi in un quadrilatero di sviluppo che nel programma del presidente Stirpe corre lungo due rette parallele: la direttrice autostradale Orte-Cassino – su cui si concentrano le imprese dell’hard economy – e la direttrice tirrenica Montalto di Castro-Gaeta – su cui si sviluppano le attività della soft economy.

Entrambe infatti collegano gli altri territori tramite alcune trasversali: una connette Civitavecchia a Orte passando per Viterbo, una da Valmontone collegherà la A1 alla futura Roma-Latina, una congiunge Cassino a Gaeta. A queste dovranno aggiungersi altre direttrici ritenute prioritarie per lo sviluppo del territorio nel medio periodo.

Maurizio Stirpe sarà affiancato dai vicepresidenti di diritto Angelo Camilli, presidente della Piccola Industria con la delega per Credito e Finanza e da Alessio Rossi, presidente del Gruppo Giovani Imprenditori con delega per le Start up e promozione dell’imprenditoria giovanile. Nella squadra anche sei vice presidenti elettivi per il prossimo biennio 2012-2014: Giuseppe Gori con delega Coesione Associativa e Cultura d’Impresa, Giampaolo Letta con delega Industria creativa, Cultura e Turismo, Antonio Migliardi con delega Lavoro e Formazione, Alessandro Scopetti con delega Internazionalizzazione, Vincenzo Soprano con delega Infrastrutture e Mobilità e Marco Tripi con delega Agenda digitale e Semplificazione.

La squadra si completa con sette delegati per i Comitati tecnici: Ricerca e Innovazione (Augusto Coriglioni), Energia (Francesco Giorganni), Scuola e Università (Emilia Gangemi), Sicurezza sul lavoro (Marco Micheli), Etica imprenditoriale e Legalità (Claudia Conversi), Monitoraggio del debito degli Enti locali (Enrico Ciai), Femminile Plurale (Eva D’Onofrio).

I sette delegati si dedicheranno a progetti operativi, i cui contenuti hanno l’obiettivo di rispondere in maniera concreta ai bisogni delle imprese associate e all’attrazione di nuove attività e investimenti sul territorio. Nel corso della giunta il presidente Stirpe ha anche indicato Attilio Tranquilli vice presidente vicario per l’articolazione territoriale di Roma e confermato Gian Rodolfo Bertoli tesoriere di Unindustria per il prossimo quadriennio.

Maurizio Stirpe, che gestirà in prima persona tre macro tematiche strategiche ‘Europa’, ‘Privatizzazioni e Liberalizzazioni’ e ‘Sanità’, si insedierà ufficialmente durante l’Assemblea Generale del 26 settembre. “Il presidente designato di Unindustria Maurizio Stirpe – ha commentato Domenico Merlani, presidente Unindustria Viterbo – ha presentato un programma concreto con l’obiettivo di porre l’associazione al centro dello sviluppo economico del Lazio, svolgendo un ruolo determinante nei rapporti con la Regione. In tal senso il tema delle infrastrutture ricoprirà un’importanza centrale, riconoscendo la rilevanza strategica del completamento della trasversale Orte-Civitavecchia.

Al tempo stesso la nomina di vicepresidente con delega all’internazionalizzazione di Alessandro Scopetti sottolinea il valore acquisito dal Distretto ceramico di Civita Castellana per le esportazioni. Auguro al presidente Stirpe e ai componenti tutti della sua squadra buon lavoro nella certezza che il loro impegno porterà a ottimi risultati. I miei complimenti particolari ad Alessandro Scopetti, un imprenditore preparato che conosco dda tempo e stimo, il quale sono sicuro anche nel suo nuovo incarico farà molto bene”.


 

MAURIZIO STIRPE.
Maurizio Stirpe, presidente di Prima Spa e vicepresidente di Unindustria con delega alla semplificazione del sistema associativo del Lazio, è nato a Frosinone il 31 luglio 1958, sposato, si è laureato con lode in Giurisprudenza all’Università La Sapienza di Roma ed è esperto in direzione strategica e gestione di imprese industriali.

E’ presidente di Prima spa, società capofila di un gruppo industriale operante nel settore della progettazione e realizzazione di componentistica in plastica per l’industria dell’auto, della moto e degli elettrodomestici. Sotto la sua guida oggi l’azienda conta 2200 dipendenti con una dimensione internazionale: undici stabilimenti operativi in Italia, tre in Germania, uno in Francia, uno in Slovacchia e con sedi anche a Detroit e Shanghai.

Dal giugno 1997 a luglio 2001 è stato anche Presidente dell’Unione Industriali di Frosinone, riservando massima attenzione alle tematiche delle reti d’impresa, della formazione e dell’internazionalizzazione. Dal 2003 è stato componente della giunta di Confindustria Lazio e poi membro nella Giunta di Confindustria nazionale di cui attualmente fa parte. Dal 2007 al 2011 è stato Presidente di Confindustria Lazio, contribuendo sia alla nascita di Fidimpresa Lazio che a quella di Unindustria.


 

PRESIDENTE:
Maurizio Stirpe, presidente PRIMA spa

VICEPRESIDENTI DI DIRITTO:
Angelo Camilli, amministratore delegato Consilia Real Estate srl (delega Credito e finanza)
Alessio Rossi, amministratore delegato Data general security srl (delega Start up e promozione dell’imprenditoria giovanile)

VICEPRESIDENTI:
Giuseppe Gori, amministratore unico Gori Nazzareno srl (delega Coesione associativa e cultura d’impresa)
Giampaolo Letta, amministratore delegato e vicepresidente Medusa Film spa (delega Industria creativa, cultura e turismo)
Antonio Migliardi, direttore Human resources and organization Teelecom Italia spa (delega Lavoro e formazione)
Alessandro Scopetti, S.I.M.A.S. Spa (delega Internazionalizzazione)
Vincenzo Soprano, amministratore delegato Trenitalia Spa (delega Infrastrutture e mobilità)
Marco Tripi, amministratore delegato Almaviva Contact Spa (delega Agenda digitale e semplificazione)

DELEGATI COMITATI TECNICI:
Enrico Ciai, chief executive officer Deloitte & Touche Spa (delegato per Monitoraggio del debito degli enti locali)
Claudia Conversi, consigliere di amministrazione Travertino Conversi Srl (delegato per Etica imprenditoriale e legalità)
Augusto Coriglioni, public sector – Global Business Services Ibm Italia Spa (delegato per Ricerca e innovazione)
Eva D’Onofrio, vicepresidente Global Technology Services Ibm Italia Spa (delegato per Femminile plurale)
Emilia Gangemi, amministratore delegato Gangemi editore Spa (delegato per Scuola e università)
Francesco Giorgianni (responsabile Affari istituzionali e relazioni esterne Enel Spa Corporate (delegato per Energia)
Marco Micheli, direttore stabilimento Viscolube Srl (delegato per Sicurezza sul lavoro)

VICEPRESIDENTE VICARIO ROMA:
Attilio Marco Tranquilli, direttore generale Focalia Spa

TESORIERE:
Gian Rodolfo Bertoli, presidente Casilina Presagomati Spa


Condividi la notizia:
27 luglio, 2012

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR