Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Inchiesta fatture false - Rigettata la richiesta di riesame avanzata dai legali di Gianlorenzo

Pc e fatture restano sotto sequestro

Condividi la notizia:

Paolo Gianlorenzo davanti alla procura

L'avvocato di Gianlorenzo Massimo Meloni

L'avvocato Carlo Taormina e il suo assistito Franco Fiorito entrano nella procura di Viterbo

L'avvocato di Fiorito e Gianlorenzo Carlo Taormina

Niente dissequestro. Computer, cellulari, macchina fotografica e documenti sequestrati nell’ufficio di Paolo Gianlorenzo restano in mano alla procura.

Così hanno deciso i giudici del tribunale di Viterbo.

Il collegio presieduto da Rita Cialoni (a latere Eugenio Turco e Gaetano Mautone) ha respinto la richiesta di riesame avanzata dai legali del giornalista viterbese, nell’ambito dell’inchiesta sulle false fatture del gruppo regionale Pdl.

Documenti e attrezzature elettroniche sono stati sequestrati il 15 settembre scorso. Gli agenti della polstrada, delegati dal pm Massimiliano Siddi, restarono per circa tre ore nell’ufficio di Gianlorenzo.

Entrati alle 19, uscirono verso le 22, con due pc, due cellulari, una macchina fotografica e cinquanta pagine di documenti contabili, pubblicati dal sito web di Gianlorenzo il giorno prima. Erano le famose fatture liquidate dal gruppo regionale Pdl e riconducibili all’ex capogruppo Francesco Battistoni. Fatture che si sono in parte rivelate false, create ad arte o dagli importi maggiorati, e la cui pubblicazione ha spinto un paio di aziende e lo stesso Battistoni a sporgere denuncia. Da qui, il fascicolo aperto dalla procura di Viterbo, per scoprire chi le abbia taroccate e divulgate.

“Va bene così – afferma l’avvocato Massimo Meloni, all’uscita dall’aula -. La procura è comunque intenzionata a restituirci tutto in breve tempo. Non appena saranno state comparate le fatture sequestrate a Gianlorenzo con le altre in possesso della magistratura, riavremo tutto. Appena possibile fisseremo un interrogatorio col dottor Siddi”.

Il giornalista risulta inquisito nell’ambito di tre diverse indagini, due delle quali coordinate dal pm Massimiliano Siddi.

Una è quella sulla macchina del fango, che coinvolge anche l’ex assessore regionale Angela Birindelli e il sindaco di Viterbo Giulio Marini, relativamente al filone dello stand Lazio al Vinitaly.

L’altra riguarda un’altra presunta macchina del fango contro il sindaco di Civitavecchia Pietro Tidei.

E, infine, la nuovissima inchiesta sulle fatture taroccate.
In questo caso, stando a quanto riporta il suo avvocato Carlo Taormina, Gianlorenzo sarebbe indagato per diffamazione. Sul falso, c’è da discutere. “Se la procura pensa che sia stato Gianlorenzo in prima persona a falsificare le fatture, l’ipotesi di reato sarà falso in atto pubblico – spiega il legale -. Altrimenti si parlerà di uso di atto falso”.


Condividi la notizia:
4 ottobre, 2012

Inchiesta fatture false ... Gli articoli

  1. "Francesco Battistoni adesso scoppia..."
  2. "C'era un clima da coltelli dentro Forza Italia, chi si esponeva rischiava"
  3. "Falso il voucher con cui si insinuava che Battistoni avesse l'amante"
  4. "Il dossier è una bomba, disse Fiorito, accanendosi su Battistoni..."
  5. Fatture tarocche, tre giornalisti i primi testimoni dell'accusa
  6. Fatture tarocche, slitta l'ora della verità
  7. Processo fatture tarocche, ping pong tra giudici
  8. Fatture taroccate, Battistoni si costituisce parte civile
  9. Fatture tarocche, partito il processo
  10. Fatture tarocche, se ne riparla tra qualche giorno
  11. Fatture tarocche, al via il processo
  12. Diffamazione a Battistoni, Fiorito prosciolto
  13. Fiorito e Gianlorenzo rinviati a giudizio
  14. Fatture false, ancora guai per Franco Fiorito
  15. Fatture false, chiesto il rinvio a giudizio per Fiorito e Gianlorenzo
  16. Fatture 'tarocche', Fiorito e Gianlorenzo davanti al gup
  17. Fatture taroccate, Fiorito a processo per diffamazione
  18. Fatture taroccate, udienza preliminare per Fiorito e Gianlorenzo
  19. Fatture false, chiesto il rinvio a giudizio per Fiorito e Gianlorenzo
  20. Fiorito accusato di aver contraffatto o fatto contraffare le fatture
  21. Fatture false, la chiusura delle indagini sul Corriere della sera
  22. Fatture false, chiuse le indagini
  23. Fatture false, ok la proroga delle indagini
  24. "Incomprensibile richiesta di proroga delle indagini"
  25. Ultima chiamata per Franco Fiorito
  26. Fatture taroccate, indagine alla conclusione
  27. Fatture tarocche, chiesta proroga delle indagini
  28. "Io con le fatture false non c'entro nulla"
  29. Fatture false, blitz della polstrada in Regione
  30. Piso valuterà se costituirsi parte civile contro Fiorito
  31. Quattro ore di interrogatorio per Piso
  32. Piso in procura a Viterbo
  33. Possibile nuovo interrogatorio di Fiorito
  34. "Mai chiesto dossier a Fiorito"
  35. Fiorito ai pm: la Birindelli mi chiese quel dossier
  36. "Mai partecipato a riunioni con coordinatori regionali"
  37. "Mai preso faldoni dalla segretaria di Fiorito"
  38. "Fiorito ha indicato il possibile falsificatore"
  39. Fiorito interrogato per cinque ore
  40. Fiorito indagato anche a Viterbo
  41. Taormina: "Gianlorenzo dovrà spiegare..."
  42. "Analogie tra l'inchiesta Birindelli e quella sulle fatture false"
  43. Fiorito: Non so nulla di fatture false
  44. Fiorito: "Con le fatture false non c'entro niente"
  45. Pazienti: "Almeno sei fatture false"
  46. Franco Fiorito è arrivato in procura
  47. Fiorito ascoltato come testimone dalla procura di Viterbo
  48. Fatture "taroccate", scatta la prima denuncia
  49. Tre ore a caccia di un dossier
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR