Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Intervengono Peduzzi (Fds) e Spreghini (Cgil)

“Villa Anna, rispetto per i diritti dei lavoratori”

Condividi la notizia:

– “I dipendenti della residenza sanitaria assistita, Villa Anna di Faleria, sono dallo scorso settembre senza stipendio.

Nessuna risposta e garanzia sono arrivate in merito da parte della proprietà, la fondazione Omnia di Paolo De Angelis, che, nel frattempo, avendo perso la causa contro la vecchia proprietà, la Segesta spa, deve cedere la gestione amministrativa e riconsegnare la struttura entro pochi giorni alla Segesta”.

E’ quanto afferma il capogruppo della Federazione della sinistra, Ivano Peduzzi, che già in passato, più volte, è intervenuto sulla questione e Giulio Spreghini della Cgil di Viterbo.

“I lavoratori, stanchi delle scuse fornite dalla direzione di Villa Anna e dallo stesso De Angelis, vogliono che siano immediatamente accolte le loro richieste, altrimenti daranno mandato  agli avvocati, di  procedere legalmente e in tutte le sedi  a tutela dei loro diritti, facendo partire numerosi decreti ingiuntivi e presentando regolari denunce presso l’Inps e l’ispettorato del lavoro per aver indebitamente trattenuto le somme dovute ai dipendenti a titolo di cassa mutua, e per non aver corrisposto per intero i contributi Inps” proseguono.

“Come gruppo regionale della Fds e come Cgil fp di Viterbo, avevamo segnalato già nei mesi scorsi alla Regione e alla Procura della Repubblica le inadempienze e i comportamenti di questa società. Ci auguriamo, ora, che il ricorso vinto sistemi e regolarizzi le condizioni lavoratori si a livello contrattuale che di pagamenti.

Ci appelliamo infine alla magistratura, che ha emesso la sentenza a favore di Segesta spa, affinché vigili sull’effettiva chiusura dei conti dell’attuale proprietà, evitando che ne esca senza aver prima saldato tutto quanto il dovuto verso i lavoratori. Continueremo a sostenere la mobilitazione, anche di fronte a eventuali azioni legali finalizzate al riconoscimento del lavoro dei dipendenti” concludono.


Condividi la notizia:
31 ottobre, 2012

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR