- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

“Annesi succube di Lanzi”, “Cardoni innocente”

Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]

L'avvocato Samuele De Santis [4]

L’avvocato Samuele De Santis

L'avvocato Carmelo Ratano [5]

L’avvocato Carmelo Ratano

L'assessore Luciano Cardoni [6]

L’assessore Luciano Cardoni

La perquisizione della forestale negli uffici del Genio civile [7]

La perquisizione della forestale negli uffici del Genio civile

La forestale setaccia gli uffici [8]
La perquisizione negli uffici del Genio civile [9]

“Noi sosteniamo che la Annesi fosse succube di Lanzi e che decidesse tutto lui”.

Non usa mezzi termini Samuele De Santis. L’avvocato di Gabriela Annesi, impiegata al Genio civile, in cella da martedì, getta la croce su Roberto Lanzi, anche lui funzionario dell’ufficio gare del Genio.

La forestale li ha arrestati insieme ad altre dieci persone (amministratori e imprenditori) per corruzione e turbativa d’asta. Per i magistrati viterbesi, sarebbero stati loro a fomentare il sistema di spartizione degli appalti emerso dall’indagine “Genio e sregolatezza”. Un’inchiesta che prende il nome dalla loro qualifica, portata avanti per due anni dalla procura di Viterbo e culminata nella raffica di arresti di martedì.

Annesi e Lanzi sono accusati di aver preso tangenti dagli imprenditori che, grazie a loro, si aggiudicavano le gare. Sulla posizione del funzionario del Genio civile, il suo avvocato Carmelo Ratano non si sbilancia. “E’ delicata e ci sono molti aspetti da valutare”,osserva. Diverso il discorso per l’assessore all’Ambiente del Comune di Graffignano Luciano Cardoni, arrestato anche lui nel blitz della forestale. E’ sempre Ratano a difenderlo. Inopportune le dimissioni: per il legale, Cardoni è innocente e non c’è motivo che rinunci al suo incarico.

Sono rimasto deluso dal parere negativo dei pm sulla revoca dei domiciliari – spiega il legale -. Cardoni è estraneo alla vicenda. Ho prodotto documenti [10] che sono la prova provata della sua limpidezza. Ma forse, nella grande mole di indagini che stanno compiendo, i magistrati non hanno avuto tempo di leggerli. Pazienza. Sono sicuro di riuscire a dimostrare la sua innocenza. E’ solo questione di tempo: sarà assolto, se non prosciolto o archiviato. Dispiace solo di non aver ottenuto un risultato positivo fin da subito”.

L’indagine, intanto, prosegue. 63 in tutto gli indagati. Gli appalti pilotati, per la procura, sarebbero 26 dal 2008, per un importo totale di dodici milioni di euro. Nel mirino, le gare per l’affidamento della raccolta differenziata dei rifiuti, i lavori di manutenzione delle strade e il restauro e la costruzione di opere pubbliche.

Sia De Santis che Ratano, così come gli altri difensori, non hanno aspettato la decisione del gip Franca Marinelli, che ha rigettato tutte le richieste di scarcerazione, eccetto quella di Angelo Anselmi.

I difensori confidano nel tribunale del Riesame, dove sperano di ottenere una misura più leggera per i loro assistiti.



Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]