--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Genio e sregolatezza - L'interrogatorio di Domenico Chiavarino del novembre 2009, che aprì la strada all'inchiesta sulle gare truccate

“Nessuna possibilità di aggiudicarsi gli appalti”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Domenico Chiavarino

Domenico Chiavarino

La forestale davanti alla Gemma Srl, società dell'imprenditore arrestato Roberto Tomassetti

La forestale davanti alla Gemma Srl, società dell'imprenditore arrestato Roberto Tomassetti

L'imprenditore Marcello Rossi

L'imprenditore Marcello Rossi

(s.m.) – Appalti “vinti da un limitato numero di ditte”. In regime di “spartizione reciproca”. Con “un sistema di offerte preordinato”.

Il terremoto delle gare truccate parte da lontano. A scatenarlo è Domenico Chiavarino.

Sono le 16,40 del 5 novembre 2009 quando l’imprenditore si presenta in procura. E’ in carcere dal 30 settembre. Arrestato prima nell’operazione Dazio, su tangenti in cambio di autorizzazioni regionali. Poi nell’indagine Miniera d’oro, sulle cave abusive “mascherate” da bonifiche agrarie.

Il tornado “Genio e sregolatezza” nasce dalle sue parole. 25 righe di un interrogatorio di due ore, davanti ai pm Stefano D’Arma e Fabrizio Tucci, fanno aprire una nuova inchiesta, che porta a galla 26 presunte gare pilotate. Di quel sistema Chiavarino sa tutto.

“In merito agli appalti nel territorio del comune di Viterbo per il rifacimento dei manti stradali e per la realizzazione di opere pubbliche è noto come gli stessi siano stati generalmente vinti da un limitato numero di ditte – spiega Chiavarino -, tra le quali il Mancini, Chiavarino G., Gemma e altre”.

Mancini è Filippo Mancini, imprenditore edile indagato per corruzione in Genio e sregolatezza. Chiavarino G. è Gianfranco, fratello di Domenico, arrestato per due volte nella stessa inchiesta. E, infine, Gemma come Gemma Srl, società dell’imprenditore Roberto Tomassetti, finito anche lui in manette nell’appaltopoli viterbese.

Chiavarino descrive con dovizia di particolari il sistema di corruzione ben oliato, scoperchiato dalla forestale. Non sa che quella rivelazione lo porterà a troncare ogni rapporto col fratello. Né si aspetta di lanciare una bomba sull’imprenditoria locale, su alcuni amministratori e sul Genio civile.

“Sono a conoscenza del fatto che tra le imprese del Viterbese si è probabilmente venuto a creare una sorta di accomodamento e di spartizione reciproca degli appalti – racconta Chiavarino nel 2009 -, garantito da un sistema di offerte preordinato, in base al quale ciascuna ditta del territorio presenta, oltre alla propria, molte altre offerte (nell’ordine di parecchie decine) di ditte che, in realtà, non hanno alcuna seria intenzione di concorrere”.

Il meccanismo è infernale: “Si creano varie cordate – spiega ancora, Chiavarino, nel 2009 -, che presentano offerte con ribassi prestabiliti, mediante i quali eventuali ulteriori offerte, presentate da ditte che, come la mia, sono al di fuori di tale assetto, non hanno alcuna potenzialità di incidere sulla determinazione del ribasso d’asta predestinato all’aggiudicazione e, dunque, nessuna possibilità di aggiudicarsi l’appalto”.

La raffinata ingegneria di calcoli è affidata a “personaggi tecnicamente competenti”, afferma Chiavarino, “che fungono anche come garanti tra le singole imprese”. “Il più importante”, secondo l’imprenditore, “è tale Roberto Lanzi”, il funzionario del Genio civile, presunto deus ex machina di appaltopoli.

A presentarlo a Chiavarino fu “un consorziale, tale Marcello Rossi” (un altro degli arrestati di Genio e sregolatezza ndr), che avrebbe descritto Lanzi “come persona competente al fine di poterci garantire la vittoria di un certo numero di gare, in cambio di una percentuale”. Quella percentuale, i pm la chiamano tangente e, stando alle carte dell’inchiesta, Lanzi ne avrebbe intascata più di una per i suoi presunti consigli e servigi agli imprenditori.

Il funzionario, come gli altri dodici arrestati, attende il responso del gip Franca Marinelli, chiamata a pronunciarsi sulla valanga di istanze di scarcerazione delle difese. La decisione, attesa per ieri, a cinque giorni esatti dai primi interrogatori di garanzia, non è ancora arrivata.

I difensori, intanto, si appellano al Riesame. Il ricorso per l’assessore di Graffignano Luciano Cardoni è già pronto, così come quello per l’imprenditore Giuliano Bilancini. In giornata arriveranno anche quelli di Tomassetti e dell’altra funzionaria del Genio civile Gabriela Annesi.

Per la decisione del gip, ogni minuto è buono.


Condividi la notizia:
30 novembre, 2012

Genio e sregolatezza - L'inchiesta ... Gli articoli

  1. Appalti truccati, stralciati i Chiavarino e Tomassetti
  2. Appalti truccati, Tomassetti vuole patteggiare
  3. Appalti truccati, i Chiavarino chiedono il patteggiamento
  4. Appaltopoli, in 11 a giudizio immediato
  5. "Gabriela Annesi lasciata fuori dagli uffici del Genio civile"
  6. Appaltopoli, liberi tutti
  7. Appalti truccati, Lanzi ai domiciliari
  8. Fabrizio Giraldo torna libero
  9. Santori torna a lavoro
  10. Due ore di interrogatorio per Cardoni
  11. Roberto Lanzi resta in carcere
  12. Forestale negli uffici del Consorzio Teverina
  13. Appalti truccati, si torna al Riesame
  14. Appaltopoli, la procura vuole il processo subito
  15. Appalti truccati, Lanzi torna a chiedere i domiciliari
  16. Roberto Lanzi resta in carcere
  17. "Santori non è un mostro e non ha preso tangenti"
  18. Lanzi chiede gli arresti domiciliari
  19. "Lanzi mi disse che Santori chiedeva una tangente..."
  20. Annesi e Girotti ai domiciliari
  21. Gabriela Annesi ha parlato
  22. Lanzi e Annesi dai pm
  23. Natale in cella per Gabriela Annesi
  24. "Balducci non poteva interferire con quella gara"
  25. Tomassetti ai domiciliari
  26. Tomassetti cinque ore davanti al pm
  27. "Nessun altro interrogatorio per Santori"
  28. Appalti truccati, anche Giraldo ai domiciliari
  29. Appalti truccati, sotto torchio l'avvocato Luigi Todaro
  30. Appalti truccati, Santori ai domiciliari
  31. "No alla strategia del terrore dei pm"
  32. Appalti truccati, si va in Cassazione
  33. Appalti truccati, respinti i ricorsi
  34. Appalti truccati, il Riesame si riserva
  35. Appalti truccati, nuova sfilata al Riesame
  36. Appalti truccati, il Riesame non scarcera
  37. Appalti truccati, Gianfranco Chiavarino ai domiciliari
  38. Appalti truccati, i giudici si riservano
  39. Appalti truccati, è il giorno del Riesame
  40. Sei e sarai per sempre il mio superpapà...
  41. Gabriela Annesi resta in cella
  42. Lanzi tra Porsche, Audi e negozi
  43. Appalti truccati, il 10 l'udienza al Riesame
  44. Appalti truccati, via ai ricorsi al Riesame
  45. Arresti domiciliari a Daniela Chiavarino e a Bilancini
  46. "Io non segnalo o sponsorizzo nessuno..."
  47. Santucci nelle carte dell'inchiesta
  48. Appalti truccati, il 12 udienza al Riesame per Santori
  49. "Annesi succube di Lanzi", "Cardoni innocente"
  50. Appalti truccati, otto restano in carcere e tre ai domiciliari
  51. Appalti truccati, corsa delle difese al Riesame
  52. Una cartolina dal lago...
  53. Intercettazioni, le difese annunciano battaglia
  54. Così si spartivano gli appalti
  55. Per colpa della "sregolatezza" non sappiamo come andare avanti...
  56. Toh, la pista pedonabile tra gli appalti truccati...
  57. Appalti truccati, spunta una tangente da 40mila euro
  58. "Santori non può inquinare le prove, né ripetere il reato"
  59. Appalti truccati, interrogatorio per Santori & Co.
  60. Non abbiamo ricevuto nulla
  61. Appalti truccati, Cardoni consegna documenti al gip
  62. Appalti truccati, in tre non rispondono
  63. Appalti truccati, gli arrestati davanti al gip
  64. Malore Chiavarino, forestale: Attivate tutte le procedure sanitarie
  65. "Un sistema di corruzione ben oliato"
  66. "Scapigliati ha già chiarito la sua posizione"
  67. Appalti e tangenti, 63 sotto inchiesta
  68. Blitz della forestale, Santori si dimette
  69. Tutto iniziò con cave e tangenti
  70. Rifiuti e appalti, arrestato il sindaco di Graffignano
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR