--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Genio e sregolatezza - L'assessore provinciale compare nelle intercettazioni di imprenditori e dirigenti di palazzo Gentili relative a due appalti, ma risulta non coinvolto nell'indagine

Santucci nelle carte dell’inchiesta

di Ernie Souchak

Condividi la notizia:

Gianmaria Santucci

– Due gli appalti nel mirino della Procura in cui è citato il nome dell’assessore provinciale Gianmaria Santucci. E qui ogni parola va pesata altrimenti si rischia di dare vita a una macchina del fango anche involontariamente.

Va detto che l’assessore per quello che si è potuto capire dalle carte delle indagini non viene mai intercettato direttamente.

Il suo nome viene fatto da terzi: funzionari e imprenditori. Va anche spiegato che ovviamente chiunque può dire di un’altra persona ciò che vuole, senza che questa persona abbia fatto veramente le cose che qualcuno gli attribuisce.

Come dire tra mondo e parole non c’è nessuna connessione necessaria.

Oltretutto non si può non pensare a un “effetto Mussolini”. Nel ventennio bastava dire che una cosa la voleva Mussolini e tutti eseguivano. Cose simili forse possono ancora accadere, magari a livelli molto meno elevati.

Va anche detto che Santucci non risulta indagato e che le conversazione in cui si parla di lui non hanno avuto alcuna rilevanza penale nei suoi confronti. Allo stato delle indagini Santucci appare non coinvolto nelle vicende, quindi. E va detto che anche gli indagati per le leggi italiane sono innocenti fino a prova contraria.

Il primo appalto in questione, in relazione al quale compare il nome di Santucci, è quello per il ponte di Fastello per un ammontare di 388 mila euro. Indagati per turbativa d’asta sono gli imprenditori Gianfranco Chiavarino, Domenico Crocicchia e Roberto Tomasetti. Secondo la ricostruzione degli investigatori l’appalto sarebbe stato pilotato per far vincere la Chivarno snc.

In base alle intercettazioni ambientali e telefoniche dei funzionari e degli imprenditori, nelle carte dei magistrati si afferma che “in prima battuta emerge come i funzionari della provincia di Viterbo che si stanno occupando degli atti siano consapevoli del fatto che, alla luce delle ditte che saranno invitate a presentare offerte (ditte nominativamente indicate dall’assessore ai Lavori pubblici e viabilità in carica, Santucci) la gara sarà facilmente vinta dalla Chiavarino snc”.

Poi sempre dalle carte emergerebbe che lo stesso Santucci avrebbe però dato rassicurazioni per l’aggiudicazione all’imprenditore Crocicchia.

Poi accade qualcosa di ancora più strano. Nonostante che, secondo un funzionario della provincia, “Gianmaria si era raccomandato di non dire alle varie ditte invitate l’elenco delle altre, in quanto non si può fare”, alla fine l’elenco viene conosciuto dagli imprenditori, che secondo le indagini della procura si sarebbero messi d’accordo. Vincitore risulta la Chiavarino Snc. Come dire diverse informazioni che in realtà sembrano incoerenti tra loro. Con situazioni tutte da rendere intelligibili.

Il secondo appalto in cui viene menzionato l’assessore Santucci è quello per i lavori di asfaltatura a Grotte Santo Stefano. Indagati per turbativa d’asta sono gli imprenditori Daniela Chiavarino, Nello Gentili, Galli Fabrizio, e due dipendenti della ditta Chiavarino.

In questo caso il nome di Santucci compare in modo ancora più defilato. Secondo gli inquirenti, Daniela Chiavarino in possesso dell’elenco delle ditte invitate avrebbe chiesto alle aziende di non presentare l’offerta. Aggiudicandosi l’appalto con appena il 2 % di ribasso ed essendo l’unica ditta ad aver fatto una offerta.Una nuova dirigente provinciale ha, però, annullato la gara per ovvie ragioni. C’era una sola offerta e oltretutto con un ribasso irrisorio.

Daniela Chiavarino si sarebbe recata in provincia per avere chiarimenti sull’annullamento della gara e avrebbe parlato con la dirigente e con Santucci che gli avrebbe consegnato un foglietto senza proferire parola. Anche in questo caso il fatto emerge da una conversazione dell’imprenditrice con un suo collaboratore. Che in un secondo tempo dice di aver incontrato in macchina l’assessore che gli avrebbe spiegato il perché dell’annullamento.

Il foglietto che potrebbe apparire qualcosa di misterioso, in realtà sembra essere un foglio in cui vengono spiegate le ragioni dell’annullamento della gara. Qualcosa di addirittura ufficiale. Un verbale o qualcosa del genere. Questo si deduce dal fatto che al solito collaboratore, che sostiene che “se la gara era stata aggiudicata e poi revocata allora non è legittimo altrimenti sì”, l’imprenditrice Daniela Chiavarino, che ha il documento,  lo legge per rispondere all’osservazione, comprendendo che la gara non le era stata mai stata aggiudicata.

Questo è quanto emerge dalle carte e dalle intercettazioni. Pur non essendoci alcun risvolto penale a questo punto sarebbe utile che l’assessore chiarisse le due situazioni descritte da terzi. E magari ne desse un senso.

Ernie Souchak


Condividi la notizia:
5 novembre, 2012

Genio e sregolatezza - L'inchiesta ... Gli articoli

  1. Appalti truccati, stralciati i Chiavarino e Tomassetti
  2. Appalti truccati, Tomassetti vuole patteggiare
  3. Appalti truccati, i Chiavarino chiedono il patteggiamento
  4. Appaltopoli, in 11 a giudizio immediato
  5. "Gabriela Annesi lasciata fuori dagli uffici del Genio civile"
  6. Appaltopoli, liberi tutti
  7. Appalti truccati, Lanzi ai domiciliari
  8. Fabrizio Giraldo torna libero
  9. Santori torna a lavoro
  10. Due ore di interrogatorio per Cardoni
  11. Roberto Lanzi resta in carcere
  12. Forestale negli uffici del Consorzio Teverina
  13. Appalti truccati, si torna al Riesame
  14. Appaltopoli, la procura vuole il processo subito
  15. Appalti truccati, Lanzi torna a chiedere i domiciliari
  16. Roberto Lanzi resta in carcere
  17. "Santori non è un mostro e non ha preso tangenti"
  18. Lanzi chiede gli arresti domiciliari
  19. "Lanzi mi disse che Santori chiedeva una tangente..."
  20. Annesi e Girotti ai domiciliari
  21. Gabriela Annesi ha parlato
  22. Lanzi e Annesi dai pm
  23. Natale in cella per Gabriela Annesi
  24. "Balducci non poteva interferire con quella gara"
  25. Tomassetti ai domiciliari
  26. Tomassetti cinque ore davanti al pm
  27. "Nessun altro interrogatorio per Santori"
  28. Appalti truccati, anche Giraldo ai domiciliari
  29. Appalti truccati, sotto torchio l'avvocato Luigi Todaro
  30. Appalti truccati, Santori ai domiciliari
  31. "No alla strategia del terrore dei pm"
  32. Appalti truccati, si va in Cassazione
  33. Appalti truccati, respinti i ricorsi
  34. Appalti truccati, il Riesame si riserva
  35. Appalti truccati, nuova sfilata al Riesame
  36. Appalti truccati, il Riesame non scarcera
  37. Appalti truccati, Gianfranco Chiavarino ai domiciliari
  38. Appalti truccati, i giudici si riservano
  39. Appalti truccati, è il giorno del Riesame
  40. Sei e sarai per sempre il mio superpapà...
  41. Gabriela Annesi resta in cella
  42. Lanzi tra Porsche, Audi e negozi
  43. Appalti truccati, il 10 l'udienza al Riesame
  44. Appalti truccati, via ai ricorsi al Riesame
  45. Arresti domiciliari a Daniela Chiavarino e a Bilancini
  46. "Nessuna possibilità di aggiudicarsi gli appalti"
  47. "Io non segnalo o sponsorizzo nessuno..."
  48. Appalti truccati, il 12 udienza al Riesame per Santori
  49. "Annesi succube di Lanzi", "Cardoni innocente"
  50. Appalti truccati, otto restano in carcere e tre ai domiciliari
  51. Appalti truccati, corsa delle difese al Riesame
  52. Una cartolina dal lago...
  53. Intercettazioni, le difese annunciano battaglia
  54. Così si spartivano gli appalti
  55. Per colpa della "sregolatezza" non sappiamo come andare avanti...
  56. Toh, la pista pedonabile tra gli appalti truccati...
  57. Appalti truccati, spunta una tangente da 40mila euro
  58. "Santori non può inquinare le prove, né ripetere il reato"
  59. Appalti truccati, interrogatorio per Santori & Co.
  60. Non abbiamo ricevuto nulla
  61. Appalti truccati, Cardoni consegna documenti al gip
  62. Appalti truccati, in tre non rispondono
  63. Appalti truccati, gli arrestati davanti al gip
  64. Malore Chiavarino, forestale: Attivate tutte le procedure sanitarie
  65. "Un sistema di corruzione ben oliato"
  66. "Scapigliati ha già chiarito la sua posizione"
  67. Appalti e tangenti, 63 sotto inchiesta
  68. Blitz della forestale, Santori si dimette
  69. Tutto iniziò con cave e tangenti
  70. Rifiuti e appalti, arrestato il sindaco di Graffignano
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR