Time-nuovo-doppia-cornice-2-tripla-corniceGravita-zero-novembre-2014Nardini-mezzo-skiscraper-158x300

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Comune - La ditta è subentrata al Cev nella nettezza urbana – Barbieri (Udc) chiede una verifica della pratica in quinta commissione

Viterbo Ambiente licenzia due lavoratori

di Giuseppe Ferlicca

Paolo Barbieri

Paolo Barbieri, capogruppo dell'Udc in Comune

- A nemmeno cinquanta giorni dall’assunzione dell’appalto, Viterbo Ambiente licenzia due lavoratori. La ditta ha ereditato, vincendo il bando di gara, la gestione della nettezza urbana, ma i licenziamenti sono tutt’altro che una vicenda netta per il capogruppo Udc in comune Paolo Barbieri.

“Il consiglio comunale – ricorda Barbieri – nel 2008 aveva approvato una delibera per salvaguardare i lavoratori Cev, ma esistono norme precise per la loro tutela in caso d’avvicendamento.

Invece l’azienda, che ha vinto un appalto straricco e conoscendo tutti i costi molto prima di partecipare alla gara, ha comunque deciso di mandare a casa i due”. I servizi si affidano all’esterno e i lavoratori pure si trovano all’esterno. Di casa, in mezzo a una strada.

Adesso è toccato ai due ex Cev, ma altri due hanno perso il loro posto nell’affidamento dei lavori per la segnaletica orizzontale. La ditta li ha licenziati eclissandosi.

“Avevamo chiesto – ricorda Mauro Innocenzi (Sel) – d’affidare temporaneamente il servizio a Francigena, riprendendo i due lavoratori. Eravamo tutti d’accordo, poi ho saputo che il lavoro lo svolge una ditta di Carbognano”. E i licenziati rimangono in mezzo a una strada, prima per lavoro, ora di fatto.

Su Viterbo Ambiente lunedì è prevista una riunione della quinta commissione, sul controllo analogo, per verificare punto su punto l’appalto della nettezza urbana. Sollecitato, il presidente Antonio Fracassini ha dato l’ok immediato.

“Il sindaco Marini – continua Barbieri – ha detto che le ragioni delle estromissioni a Viterbo Ambiente vanno ricercate anche nei costi eccessivi. Ma prima, non se n’erano accorti?

Oggi, in barba a quanto stabilito, sono stati mandati a casa.

Noi in consiglio diamo le indicazioni, poi i dirigenti danno le loro interpretazioni e decidono, disattendendo l’indirizzo della parte politica”.

Giuseppe Ferlicca

23 novembre, 2012 - 1.22
  • Alo-agenzia-funebre-158x150

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564