Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - In aula clienti con i lavori incompiuti e i soci di minoranza della snc di Gianfranco Fiorita

Dentista latitante, ascoltati 14 testimoni

di Francesca Buzzi

Condividi la notizia:

Gianfranco Fiorita

Gianfranco Fiorita

– Dentista latitante, ascoltati quattordici testimoni.

E’ tornato in aula il processo a carico di Gianfranco Fiorita, il dentista accusato di appropriazione indebita aggravata che, dopo aver fatto perdere le sue tracce da Viterbo il 14 ottobre del 2010, si troverebbe ora in Paraguay.

Ieri mattina sono stati ascoltati i primi testimoni del pm Stefano D’Arma, titolare dell’inchiesta, sostituito in aula dal collega Cristiano Ricciutelli.

Quattordici persone, che in più di due ore e mezza di udienza di fronte al giudice Eugenio Turco, hanno ricostruito le diverse vicende dei lavori odontoiatrici iniziati e lasciati a metà, con i conti che invece nella maggior parte dei casi dovevano continuare a esser pagati dai clienti.

Gianfranco Fiorita, infatti, pare consigliasse alla gran parte dei suoi clienti di rateizzare le somme dovute affidandosi a delle finanziarie. “A me per quattro capsule ha chiesto quattromila euro – spiega una signora – e mi ha proposto di sottoscrivere un finanziamento. Quando è sparito sono riuscita a bloccare tutto e ho smesso di pagare la finanziaria, ma quello che ho già versato non me lo rimborsa nessuno e il lavoro nella mia bocca è rimasto incompiuto”.

Simile la situazione di un’altra signora alla quale Fiorita avrebbe fatto un preventivo di 6400 euro, 1400 dei quali pagati subito e cinquemila rateizzati in tre anni.

O ancora la vicenda di un ragazzo che gli avrebbe pagato in due soluzioni la cifra totale di 1100 euro prima ancora che il lavoro fosse finito, inconsapevole che il dentista sarebbe poi sparito nel nulla senza mai terminarlo.

I casi di questo tipo sono decine e riguardano sempre somme di una certa entità, anche a quattro zeri, come il caso di una signora alla quale era stato preventivato un lavoro odontoiatrico di 12mila euro. Di questi, ben 10mila sarebbero già stati versati a Fiorita, in parte con assegni e in parte in contanti, senza però esser mai stati fatturati. “La fattura – dichiara la donna in aula – diceva che me l’avrebbe fatta a fine lavoro, ma quel lavoro non è mai stato finito”.

Oltre ai clienti con impianti incompleti e denti mai finiti di curare, sono stati chiamati a testimoniare anche i soci di minoranza della Dental Action snc, società di Gianfranco Fiorita aveva la quota maggioritaria.

Uno di questi, odontoiatra, ha raccontato di aver versato 15mila euro a Fiorita, cifra che gli sarebbe servita per ottenere il 5% della società. “Una volta corrisposta quella somma intorno ai primi di aprile  del 2010 – ha spiegato in aula – ho iniziato a lavorare nello studio di Fiorita da maggio a ottobre del 2010. Lo stipendio pattuito era di duemila euro al mese, che mi sono sempre stati pagati, tranne ad agosto che non ho lavorato e a ottobre quando il dentista è sparito. Inoltre alla fine dell’anno avrei dovuto percepire altri soldi in qualità di socio al 5%, ma a dicembre lui non c’era già più da oltre due mesi”.

Storia simile per un altro odontoiatra, socio al 10% dal mese di marzo del 2010, che ha raccontato di aver versato 35mila euro come quota d’ingresso, anche con la promessa di una divisione degli utili a dicembre e uno stipendio di duemila euro al mese.

I soldi richiesti da Fiorita per l’ingresso nella società dei due odontoiatri, secondo quanto riferito in aula, sarebbero serviti a coprire parte dei costi delle attrezzature che lui aveva già in studio e che dovevano essere trasferite dalla sua personale proprietà a quella della società. Un passaggio che però non avvenne mai.

“Per quanto riguarda l’attrezzatura – hanno dichiarato entrambi gli odontoiatri in aula – abbiamo anche scoperto che Fiorita l’aveva ottenuta quasi tutta con dei leasing e quindi parte dei macchinari sono stati restituiti ai fornitori una volta che lui ha fatto perdere le proprie tracce”.

Un’altra somma considerevole Fiorita l’avrebbe chiesta anche a una coppia di amici, marito e moglie. Questi avrebbero versato prima 47mila e 500 euro per far entrare in società con il dentista la madre della donna, poi 27mila e 500 euro in assegni postdatati, che Fiorita avrebbe incassato in un secondo momento ma che sono stati poi stati sequestrati e quindi mai effettivamente versati in suo favore. E infine altri 44mila euro, in contanti, come prestito a Fiorita in vista di un ampliamento dello studio dentistico che avrebbe avuto in progetto di fare.

Mancano all’appello, inoltre, anche i circa 23mila euro che servirono al pagamento dei voli aerei per il gruppo di medici che dovevano partire per la Bolivia il giorno che Gianfranco Fiorita sparì dalla circolazione.

“Lui e gli altri medici – ha riferito in aula la responsable dell’agenzia di viaggi – facevano spesso questo tipo di viaggi e tutto era sempre andato a buon fine. Quella volta però gli assegni che ci consegnò Fiorita, per un totale di circa 23mila euro, erano scoperti e lui non si presentò mai all’appuntamento con i suoi colleghi che invece partirono per la Bolivia”.

Il giudice Eugenio Turco ha aggiornato l’udienza al prossimo 6 marzo quando saranno ascolti altri quindici testimoni del pm.

Francesca Buzzi


Condividi la notizia:
24 gennaio, 2013

Il caso del dentista scomparso ... Gli articoli

  1. Gianfranco Fiorita radiato definitivamente dall'albo dei dentisti
  2. Dalla fuga in Paraguay alla condanna, un decennio sul filo del rasoio per il dentista Fiorita
  3. Scappò in Sudamerica coi soldi, 2 anni e 3 mesi al dentista Gianfranco Fiorita
  4. Dentista scappato in sudamerica, per la difesa non fu appropriazione indebita
  5. Dentista scappato col malloppo, l'accusa chiede un anno e dieci mesi
  6. "Il giorno che saltò la sentenza, Fiorita stava per essere operato al cuore"
  7. Fiorita pronto a denunciare le vittime...
  8. I dentisti: "Fiorita ci abbandonò a Santa Cruz..."
  9. "Fiorita ci ha rovinato"
  10. "Migliaia di euro a Fiorita, poi è scappato..."
  11. Dentista ex latitante, a maggio riparte il processo
  12. Processo Fiorita, tutto da rifare
  13. Il processo al dentista Fiorita riparte da zero
  14. Gianfranco Fiorita in ospedale
  15. E' di nuovo Fiorita-show
  16. Gianfranco Fiorita a settembre di fronte al giudice
  17. Interrogatorio di fronte al giudice per Gianfranco Fiorita
  18. "Ho lasciato una clinica in attivo con 100mila euro da incassare"
  19. "Gli ex soci di Fiorita sono stati corretti e in buona fede"
  20. Fiorita al contrattacco: "Io vittima dei miei ex soci"
  21. "Sono scappato per salvarmi dalla morsa dell'estorsione"
  22. La verità di Fiorita può attendere
  23. Revocati i domiciliari a Fiorita
  24. Fiorita, il Riesame si riserva sulla scarcerazione
  25. Gianfranco Fiorita ai domiciliari
  26. Minacce all'avvocato di Fiorita
  27. Fiorita al Riesame per chiedere la libertà
  28. Fiorita all'attacco di ex soci e inquirenti
  29. Svuotato lo studio di Fiorita
  30. Dentista arrestato, no alla scarcerazione
  31. "Fiorita non ha un posto dove andare"
  32. Fiorita resta a Mammagialla
  33. "Un gesto importante per dimostrare la volontà di collaborare"
  34. "Chiederò che Fiorita sia rimesso in libertà"
  35. Fiorita arrestato in aeroporto
  36. Il dentista latitante torna in Italia
  37. "Fiorita mi teneva all'oscuro di alcuni incassi"
  38. "Solo senza misura cautelare Fiorita potrebbe tornare in Italia"
  39. Sequestrati i beni del dentista latitante
  40. "Fiorita si dimentica dei danni morali..."
  41. "Risarcirò chi ne ha diritto, non i furbetti di quartiere..."
  42. Fiorita arrestato in Paraguay, presto il rimpatrio
  43. Il latitante Fiorita non risponde alle email, l'avvocato: "Sono preoccupato"
  44. Maxisconto a chi si serviva delle finanziarie
  45. Seimila euro di attrezzature utilizzate e mai pagate
  46. "Io non so nemmeno se mio fratello è vivo o morto"
  47. Dentista latitante, riprende il processo
  48. Dentista latitante, in 49 chiedono i danni
  49. Dentista latitante, inizia il processo
  50. Appropriazione indebita, Fiorita a giudizio
  51. Dentista scomparso, chiuse le indagini
  52. Fiorita torna a farsi vivo
  53. Fiorita non ha preso voli diretti
  54. "Io vittima di Fiorita voglio giustizia"
  55. Fiorita raccoglieva fondi per un ospedale

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR