Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Appalti truccati - Operazione Genio e sregolatezza - L'interrogatorio di Gabriela Annesi

“Lanzi mi disse che Santori chiedeva una tangente…”

Condividi la notizia:

La perquisizione della forestale negli uffici del Genio civile

Operazione Genio e sregolatezza, la perquisizione della forestale negli uffici del Genio civile

I controlli della forestale

Le immagini del blitz Genio e sregolatezza

La forestale setaccia gli uffici

(s.m.) – “Lanzi mi confidò che il sindaco di Graffignano Adriano Santori aveva chiesto a titolo di tangente una percentuale del 10 per cento sull’ammontare di una gara”.

A riferirlo è Gabriela Annesi. La funzionaria del Genio civile parla poco e male del primo cittadino di Graffignano.

Arrestata due volte nell’appaltopoli viterbese, Annesi ha risposto per quattro ore alle domande del pm Stefano D’Arma. I tre quarti del suo colloquio in procura del 28 dicembre sono incentrati sul collega Roberto Lanzi, presunto perno del sistema di spartizione degli appalti. Ma la funzionaria tira in ballo anche il sindaco di Graffignano, inquisito per gli appalti della palestra di Sipicciano e la raccolta differenziata del 2010.

Sarebbe stato Lanzi a raccontare alla collega che Santori pretendeva una tangente. Precisamente il dieci per cento dell’importo a base d’asta di un appalto. Quale fosse, Annesi non sa dirlo. “Non ricordo con precisione la gara cui si riferisse – si legge nella sintesi del verbale di interrogatorio – né quale fosse il nome dell’impresa che avrebbe dovuto pagare”.

Per la procura, Santori avrebbe chiesto una percentuale analoga – tra il 5 e il 10 per cento – per favorire l’aggiudicazione del servizio di raccolta rifiuti alla Gesta srl. Nell’appalto della palestra, invece, Santori avrebbe preso una mazzetta da 6mila euro in due tranche. Ma il sindaco nega. E finora è stato l’unico a ottenere gli arresti domiciliari senza farsi interrogare dai pm.

Il resto dell’interrogatorio di Annesi è dedicato a Lanzi e ai rapporti con quello che, per i pm, è il numero uno di appaltopoli. “Che io sappia – ha spiegato la funzionaria al magistrato – Lanzi ha operato in regime di part-time presso l’ufficio del Genio civile per potersi occupare del ruolo di direttore tecnico del Cost (Consorzio per le opere e servizi della Tuscia, società consortile a responsabilità limitata, costituito da imprese coinvolte nell’inchiesta, ndr) dal marzo 2008 fino a tutto il 2010. Durante questo periodo Lanzi percepiva metà stipendio mentre aveva un’altra entrata che gli veniva pagata dal Cost per il suo lavoro”.

Il doppio ruolo di Lanzi come direttore del Cost e funzionario del Genio civile è centrale nell’inchiesta. I magistrati parlano di “evidentissimo e stridente conflitto di interessi”, con le imprese del Cost interessate agli appalti e Lanzi in grado di procurarglieli in cambio di tangenti. Per Annesi erano “consulenze”. Anche lei ne avrebbe svolta qualcuna a nero per 7mila e 500 euro. Ma ammette di non poter “escludere che l’attività di Lanzi quale consulente fosse relativa a procedure di gara in relazione alle quali era intervenuto il Genio civile di Viterbo a supporto delle stazioni appaltanti”.

In ogni caso, Lanzi non le parlò mai “di percentuali che gli venivano riconosciute in relazione alle gare per  cui prestava consulenza”. Solo una volta, le disse “che era sua intenzione per il futuro quella di chiedere agli imprenditori di volta in volta interessati all’aggiudicazione di singole gare il pagamento di una somma di denaro prima dell’aggiudicazione stessa. Somma che sarebbe stata restituita all’imprenditore in caso di mancata aggiudicazione”.

La funzionaria a tratti difende il collega, a tratti prende le distanze. Precisa di avere “la sua stessa qualifica”, ma “i contatti (con gli imprenditori, ndr) venivano mantenuti da Lanzi”. Lei avrebbe fatto da segretaria nelle gare di Corchiano (restauro della biblioteca comunale) e Vignanello (urbanizzazione della zona industriale in località Centignano). Quanto all’appalto del campo sportivo di Vasanello e alla tangente da 2mila e 500 euro, dice di “non aver mai ricevuto soldi da Lanzi”. E continua: “Non so se l’elenco da invitare era stato fornito da Lanzi. Mi viene fatto notare che si trattava di ditte tutte facenti parte del Cost, ma le ditte invitate erano sempre più o meno le stesse”.

Infine, sull’esistenza di un ipotetico centro di raccolta delle tangenti, Annesi è lapidaria. “Non ho conti correnti in comune con Roberto Lanzi”, taglia corto la funzionaria.


Condividi la notizia:
3 gennaio, 2013

Genio e sregolatezza - L'inchiesta ... Gli articoli

  1. Appalti truccati, stralciati i Chiavarino e Tomassetti
  2. Appalti truccati, Tomassetti vuole patteggiare
  3. Appalti truccati, i Chiavarino chiedono il patteggiamento
  4. Appaltopoli, in 11 a giudizio immediato
  5. "Gabriela Annesi lasciata fuori dagli uffici del Genio civile"
  6. Appaltopoli, liberi tutti
  7. Appalti truccati, Lanzi ai domiciliari
  8. Fabrizio Giraldo torna libero
  9. Santori torna a lavoro
  10. Due ore di interrogatorio per Cardoni
  11. Roberto Lanzi resta in carcere
  12. Forestale negli uffici del Consorzio Teverina
  13. Appalti truccati, si torna al Riesame
  14. Appaltopoli, la procura vuole il processo subito
  15. Appalti truccati, Lanzi torna a chiedere i domiciliari
  16. Roberto Lanzi resta in carcere
  17. "Santori non è un mostro e non ha preso tangenti"
  18. Lanzi chiede gli arresti domiciliari
  19. Annesi e Girotti ai domiciliari
  20. Gabriela Annesi ha parlato
  21. Lanzi e Annesi dai pm
  22. Natale in cella per Gabriela Annesi
  23. "Balducci non poteva interferire con quella gara"
  24. Tomassetti ai domiciliari
  25. Tomassetti cinque ore davanti al pm
  26. "Nessun altro interrogatorio per Santori"
  27. Appalti truccati, anche Giraldo ai domiciliari
  28. Appalti truccati, sotto torchio l'avvocato Luigi Todaro
  29. Appalti truccati, Santori ai domiciliari
  30. "No alla strategia del terrore dei pm"
  31. Appalti truccati, si va in Cassazione
  32. Appalti truccati, respinti i ricorsi
  33. Appalti truccati, il Riesame si riserva
  34. Appalti truccati, nuova sfilata al Riesame
  35. Appalti truccati, il Riesame non scarcera
  36. Appalti truccati, Gianfranco Chiavarino ai domiciliari
  37. Appalti truccati, i giudici si riservano
  38. Appalti truccati, è il giorno del Riesame
  39. Sei e sarai per sempre il mio superpapà...
  40. Gabriela Annesi resta in cella
  41. Lanzi tra Porsche, Audi e negozi
  42. Appalti truccati, il 10 l'udienza al Riesame
  43. Appalti truccati, via ai ricorsi al Riesame
  44. Arresti domiciliari a Daniela Chiavarino e a Bilancini
  45. "Nessuna possibilità di aggiudicarsi gli appalti"
  46. "Io non segnalo o sponsorizzo nessuno..."
  47. Santucci nelle carte dell'inchiesta
  48. Appalti truccati, il 12 udienza al Riesame per Santori
  49. "Annesi succube di Lanzi", "Cardoni innocente"
  50. Appalti truccati, otto restano in carcere e tre ai domiciliari
  51. Appalti truccati, corsa delle difese al Riesame
  52. Una cartolina dal lago...
  53. Intercettazioni, le difese annunciano battaglia
  54. Così si spartivano gli appalti
  55. Per colpa della "sregolatezza" non sappiamo come andare avanti...
  56. Toh, la pista pedonabile tra gli appalti truccati...
  57. Appalti truccati, spunta una tangente da 40mila euro
  58. "Santori non può inquinare le prove, né ripetere il reato"
  59. Appalti truccati, interrogatorio per Santori & Co.
  60. Non abbiamo ricevuto nulla
  61. Appalti truccati, Cardoni consegna documenti al gip
  62. Appalti truccati, in tre non rispondono
  63. Appalti truccati, gli arrestati davanti al gip
  64. Malore Chiavarino, forestale: Attivate tutte le procedure sanitarie
  65. "Un sistema di corruzione ben oliato"
  66. "Scapigliati ha già chiarito la sua posizione"
  67. Appalti e tangenti, 63 sotto inchiesta
  68. Blitz della forestale, Santori si dimette
  69. Tutto iniziò con cave e tangenti
  70. Rifiuti e appalti, arrestato il sindaco di Graffignano
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR