--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Acquapendente - In tre arrestati per spaccio, l'avvocato precisa

“L’officina non era una copertura per lo spaccio”

Condividi la notizia:

L'avvocato Vincenzo Dionisi

L'avvocato Vincenzo Dionisi

“L’officina non era una copertura per lo spaccio di droga”.

L’avvocato Vincenzo Dionisi smonta le accuse mosse ai suoi assistiti A. M. e L. G..

I carabinieri di Acquapendente li hanno arrestati pochi giorni fa per detenzione di droga ai fini di spaccio. Insieme a loro è finita in manette anche una terza persona, G. S., residente a Onano ma di origini calabresi.

I militari li hanno arrestati dopo aver notato uno strano andirivieni dall’officina. Erano in possesso di 100 grammi di marijuana. Sull’altro materiale l’avvocato precisa: “Non corrisponde al vero che sia stato trovato tutto l’occorrente per vendere lo stupefacente – continua l’avvocato -. Né, tantomeno, si può essere certi che quello rinvenuto fosse un bilancino di precisione. Era una bilancia per pesare la vernice. Tant’è che era anche visibilmente sporca di vernice”.

Per il difensore l’episodio è “sporadico”. “Non sono mai avvenuti altri scambi nell’officina, che era un’attività commerciale a tutti gli effetti e non una copertura per lo spaccio”.

L’arresto è stato convalidato, ma senza misure. I tre, tutti tra venti e i trent’anni, sono a piede libero.


Condividi la notizia:
18 gennaio, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR