Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Droga, anabolizzanti, estorsione, prostituzione - 40 arresti - Oggi giudizio immediato, ad aprile i patteggiamenti

Maxi operazione Drago, inizia il processo

Condividi la notizia:

Uno degli arrestati, Django Barberio

Django Barberio

Michel Barberio, fratello di Django, arrestato anche lui

Michel Barberio

Gli arrestati

Gli arrestati

Gli arrestati
Gli arrestati
Gli arrestati
Gli arrestati

(s.m.) – La maxi operazione Drago approda in aula.

Inizia stamattina il processo agli arrestati nel monumentale blitz antidroga del maggio scorso. 40 le persone coinvolte: 30 finirono in carcere e dieci ai domiciliari. Per il colonnello Gianluca Dell’Agnello è “la più vasta operazione mai condotta a Viterbo”. Un presunto sodalizio dedito al traffico di droga, finanziato con altre attività illecite: furti, usura, estorsioni, sfruttamento della prostituzione e vendita di anabolizzanti nelle palestre.

L’indagine partì nel gennaio 2011: i fratelli di Soriano Michel e Django Barberio trovarono la loro Bmw crivellata di colpi d’arma da fuoco. A compiere il gesto un certo Dragos (da qui il nome dell’operazione), cittadino romeno che si diceva vessato dalle pressanti richieste di denaro dei Barberio. L’attenzione degli inquirenti, a quel punto, si è spostata sui due fratelli, risultati, dalle indagini, motore del sodalizio.

Disoccupato Django e tatuatore Michel, erano entrambi vecchie conoscenze delle forze dell’ordine. Al primo, in particolare, si contesta anche la presunta violenza sessuale su una donna. Stando alle indagini lui e la sua fidanzata V.J., anche lei arrestata, l’avrebbero costretta a prostituirsi per poi intascare i proventi del sesso a pagamento. Di fronte al suo rifiuto, un giorno, Django l’avrebbe stuprata sotto gli occhi della compagna, che nulla avrebbe fatto per fermarlo.

Non è escluso che la donna possa costituirsi parte civile al processo.

Il pm Stefano D’Arma ha scelto il rito immediato per andare subito a giudizio, senza passare per l’udienza preliminare. Alcuni affronteranno il processo, senza riti alternativi. Altri, invece, hanno già optato per il patteggiamento. La vicenda proseguirà, quindi, su un doppio binario: oggi gli imputati del rito immediato; a metà aprile l’udienza per chi intende patteggiare. Tra questi ci sarà sicuramente Michel Barberio.


Condividi la notizia:
15 gennaio, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR