--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - La procura vuole ascoltare le due ragazze minorenni

Stupro nel bosco, chiesto l’incidente probatorio

Condividi la notizia:

Il tribunale di Viterbo

Il tribunale di Viterbo

La procura preme l’acceleratore sulla vicenda del presunto stupro di Montefiascone.

Il pm Fabrizio Tucci ha chiesto l’incidente probatorio sulle due minorenni straniere che hanno denunciato di essere state violentate a turno da cinque ragazzi di poco più grandi. Uno è di Onano, gli altri di Acquapendente. Le ragazze, invece, hanno sedici e diciassette anni. La più piccola è norvegese, l’altra russa.

Il presunto stupro sarebbe avvenuto in un bosco la notte tra il 29 e il 30 settembre, dopo una serata alla discoteca viterbese Theatro’.

Gli inquirenti avevano già dall’inizio le idee chiare: la richiesta di arresto per i cinque ragazzi era pronta già a metà ottobre, subito dopo l’interrogatorio di oltre sette ore davanti al pm. E’ stato il gip Francesco Rigato a negare gli arresti, ma non è ancora detta l’ultima. La procura ha impugnato la decisione davanti al tribunale del Riesame, che potrebbe pronunciarsi anche l’8 febbraio, giorno dell’udienza a Roma.

Al gip, intanto, è arrivata una nuova richiesta. Stavolta di incidente probatorio: il pm vuole ascoltare le due ragazze e cristallizzare la loro versione dei fatti. Una scelta che indica che la procura è decisa ad andare fino in fondo. Il racconto delle due ragazze in sede di incidente probatorio avrà valore di prova in un eventuale processo ai cinque.


Condividi la notizia:
24 gennaio, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR